AnciSicilia – Una giornata formativa sulla prevenzione delle discriminazioni di genere

 “Prevenzione delle discriminazioni di genere” si è parlato questa mattina a Villa Niscemi, nel corso della giornata formativa per assistenti sociali organizzata da AnciSicilia e ShamOfficine, con il patrocinio dell’Ordine professionale degli Assistenti sociali. Un momento di confronto iniziato ieri a Catania e che si articolerà in tre giornate complessive: i prossimi appuntamenti nel capoluogo etneo sono fissati per il 16 e 23 marzo (ex Palazzo Esa), mentre quelli di Palermo si svolgeranno nuovamente a Villa Niscemi il 17 e 24 marzo.

Il corso è tenuto da Graziella Priulla, docente ordinaria di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Catania, che affronta i temi fondamentali del corso, partendo dal lessico, dai concetti e dai pregiudizi, fino ad arrivare alla violenza maschile sulle donne e alla normativa e le prassi delle pari opportunità. In vari settori e già da tempo l’AnciSicilia è impegnata nell’organizzazione di giornate formative destinate ad amministratori, dirigenti e funzionari comunali, nella convinzione che l’aggiornamento e la formazione continua dei dipendenti costituisca un tassello importante nei processi di riorganizzazione della Pubblica Amministrazione, del miglioramento della qualità dei servizi e del rafforzamento dei livelli locali di governo. “Nel ringraziare tutti gli attori che hanno contribuito alla realizzazione di queste giornate formative – spiega Mario Emanuele Alvano, segretario generale dell’AnciSicilia – ci auguriamo che questa iniziativa possa contribuire ad aiutare gli assistenti sociali ad affrontare al meglio, nel confronto con i cittadini, aspetti delicatissimi e problematici presenti nelle dinamiche sociali che si vivono nelle comunità. Senza dubbio, questo seminario rappresenta uno strumento di consapevolezza anche per gli uomini, affinché possano rendersi conto, da vicino, del prezioso ruolo delle donne nella società.

Ci auguriamo, infine, che le giornate formative rappresentino un un’occasione per fare sistema e avere comportamenti coerenti con la cultura delle pari opportunità” Hanno preso parte all’incontro di oggi: Amalia Zampaglione, presidente di ShamOfficine, Saverino Richiusa, del Dipartimento regionale per la Famiglia, Giuseppe Graceffa, presidente dell’Ordine regionale degli assistenti sociali, Maria Rosa Lotti, presidente dell’associazione “Le Onde onlus”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati