Ambiente: Di Mauro, no alle trivellazioni vicino le coste siciliane

Sara’ redatto un documento, che sottoscriveranno anche i sindaci, destinato al Governo nazionale per ribadire la netta contrarieta’ alle installazioni delle piattaforme petrolifere nel canale di Sicilia e sollecitare i ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo economico a non concedere le autorizzazioni alle istanze presentate. Questa la decisione assunta al termine della riunione convocata dall’assessore regionale all’Ambiente, Roberto Di Mauro con i sindaci dei comuni costieri dell’isola. La netta contrarieta’ dell’assessore Di Mauro, promotore della battaglia contro le installazioni di piattaforme off-shore al largo delle coste siciliane e ribadita dal governo regionale, e’ stata favorevolmente accolta dai sindaci che hanno deciso di attivare un coordinamento che possa interloquire con il governo regionale. “Il mare rappresenta per la Sicilia – ha spiegato l’assessore Di Mauro – una delle attrattive turistiche principali ed e’ ragionevole considerare che l’installazione di numerose piattaforme off-shore, con il conseguente impatto paesaggistico sull’orizzonte marino e le potenziali ricadute in termini di inquinamento da fuoriuscite accidentali di petrolio, non porterebbe alcun beneficio per la collettivita’, ne per il comparto dell’industria, della pesca e del terziario turistico avanzato, mentre altissimi potrebbero risultare i potenziali costi in termini di sostenibilita’ ambientale”. “I sindaci – prosegue Di Mauro – hanno compreso il grave danno che deriverebbe dalle installazioni delle piattaforme petrolifere e si muoveranno con grande responsabilita’, attraverso un’azione amministrativa e politica ufficiale tesa a tutelare il canale di Sicilia e difendere il territorio”. La giunta regionale, su proposta proprio dell’assessore Di Mauro, ha gia’ preso posizione contro le perforazioni per ricerche energetiche nei mari siciliani, esprimendo “una chiara e netta contrarieta’ al rilascio di permessi di ricerca nel territorio della Regione siciliana”, e martedi’ scorso l’Ars, con voto favorevole dell’assessore Di Mauro, a nome del governo, ha approvato all’unanimita’ una mozione in tal senso. Il documento, da inviare ai ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo economico, sara’ presentato nei primi giorni di settembre, “ma nel frattempo – ha aggiunto Di Mauro – occorre anche sensibilizzare a questio temi i parlamentari nazionali eletti in Sicilia”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati