Agira – Avviata procedura per il riconoscimento ”Deco” della cassatella.

 “La  tutela della storia, delle tradizioni, del patrimonio culturale comunale ed i sapori tradizionali legati alle produzioni del territorio sono un patrimonio di inestimabile valore da difendere e preservare”.
A sostenerlo è il sindaco di Agira l’ On. Maria Greco che fra pochi giorni inaugurerà la 7° edizione della sagra della Cassatella.

Sul versante della tutela del  prodotto tipico agirino, recentemente con una delibera di Giunta Municipale  si è avviata  la procedura per consentire l’ istituzione del Borgo GeniusLoci De.Co. (Denominazione Comunale) attraverso il percorso di programmazione partecipata GeniusLoci De.Co.
Il percorso ideato dalla “Libera Università Rurale Saper&Sapor Onlus”,  prevede un modello dove gli elementi essenziali di relazionalità sono il territorio, le tradizioni, la tipicità, la tracciabilità e la trasparenza, elementi  che rappresentano la vera componente innovativa, da condividere con il territorio e per il territorio.

“Si tratta di un percorso – ha detto l’ assessore all’ agricoltura e attività produttive Franco Palermo – che vuole salvaguardare e valorizzare il “locale”, rispetto al fenomeno della globalizzazione, la quale tende ad omogeneizzare prodotti e sapori, il  format GeniusLoci De.Co. – ha proseguito  Franco Palermo – è un percorso culturale, composto da 12 steps tra questi  è prevista  l’audizione pubblica di presentazione alla città in occasione della sagra della cassatella, un modo per tutelare sempre di più il nostro prodotto tipico e coinvolgere i cittadini e produttori.”

Il percorso è stato inserito tra gli esempi virtuosi del Forum Italiano dei movimenti per la terra e il paesaggio “Salviamo il paesaggio, difendiamo i territori”.
L’obiettivo  di  Borghi GeniusLoci De.Co. (format ideato dalla lurss.onlus)  è  valorizzare quei prodotti di nicchia che inducono gli appassionati viaggiatori ad andare ad acquistare e degustare i prodotti nelle loro zone di produzione.

“Il percorso GeniusLoci De.Co. – ha detto il direttore lurss  Dott.  Nino Sutera, non è ne un’atto dovuto, ne tanto meno un obbligo di legge, ma una scelta volontaria di chi ama il suo territorio e dipende dalla capacità di far seguire ai buoni propositi, atti concreti, come appunto l’Amministrazione guidata dall’On Maria Greco,  sta facendo L’obiettivo condiviso è quello di valorizzare dal punto di vista culturale, turistico ed economico le eccellenze del giacimento eco-eno-gastronomico, che  il territorio senza ombra di dubbio possiede e che mostra con orgoglio al turista”

La cassatella di Agira è un dolce di origini molto antiche e sembra che la civiltà di maggiore influenza sulla sua nascita sia la spagnola. Si sono poi aggiunti elementi agropastorali e baronali, commistioni ricche e povere, così alla ricotta si sarebbero uniti mandorle e cacao, con la farina di ceci quale condensante del ripieno. Un’ipotesi suggestiva non ancora del tutto storicamente provata, ma compatibile con gli indizi finora esaminati dagli studiosi di gastronomia.


P.M.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati