Cosa pensi di chi usa Facebook per offendere anche in maniera violenta?

Visto che anche sulle pagine Facebook della zona sono presenti quelli che vengono definiti “leoni da tastiera” ovvero persone (più o meno anonime) pronte ad offendere chiunque non la pensi come loro, utilizzando un linguaggio spesso violento, abbiamo deciso di far sapere loro come li considerano  gli altri utenti. Naturalmente il voto è segreto.

Siena – Il sindaco Cammarata e l’assessore Messina: “portiamo a casa un ottimo risultato”.

Al di là delle polemiche, relative alla trasferta del Palio dei Normanni a Siena, c’è anche un bilancio che gli amministratori giudicano molto positivo. Nino Cammarata e l’assessore al Turismo Ettore Messina impegnati in una due giorni di promozione della città di Piazza Armerina e delle sue bellezze sono entusiasti dell’accoglienza ricevuta, della grande opportunità di incontrare le altre città Unesco e di operatori specializzati.

“Ho costruito un bellissimo rapporto con il sindaco di Siena – afferma Cammarata – che voglio ringraziare per la gentilezza e l’ospitalità accordataci. L’invito ricevuto di assistere in sua compagnia al Palio straordinario di Ottobre mi ha fatto enorme piacere. Inoltre ritengo che sia stato molto importante far conoscere il nostro Palio ad una realtà come quella senese. Un evento che ritengo resterà nella storia. Per quanto riguarda la polemica sulla sfilata del Palio si tratta più che altro di una montatura visto che l’incomprensione, causata da un articolo di stampa, era già stata chiarita con il sindaco di Siena alcuni giorni prima  della partenza”.

“La trasferta a Siena  e la partecipazione al World Tourism Event for Unesco Sites”  – afferma l’assessore Messina – si sta rilevando una miniera di opportunità per Piazza Armerina. Abbiamo distribuito oltre 6000 brochure e la nostra città ha suscitato grande curiosità in molti operatori del settore con i quali nei prossimi mesi è molto probabile si possano chiudere importanti accordi. Chi vuole fare sterili polemiche faccia pure ma la realtà racconta la storia di una piccola incomprensione  subito superata e di una serie di opportunità che si stanno aprendo per la nostra città”.

(Nelle foto il sindaco Nino Cammarata con il sindaco di Siena Lui De Mossi

Cinque milioni di euro per l’edilizia scolastica in provincia di Enna

Ammonta a più di 5 milioni di euro le somma stanziata dalle Regione Siciliana per le scuole della provincia di Enna. Un importo sufficiente all ’avvio immediato di ulteriori interventi di riqualificazione degli edifici scolastici con interventi di messa in sicurezza e di manutenzione straordinaria.

“Come già dichiarato dal Presidente Musumeci, in occasione dell’inaugurazione di una scuola a Spadafora, l’edilizia scolastica è una priorità del governo regionale e lo sblocco di queste ulteriori risorse lo conferma ampiamente. Stiamo lavorando per avviare, nel più breve tempo possibile, una generale riqualificazione degli istituti scolastici siciliani, per garantire la sicurezza degli edifici e permettere agli studenti di crescere in luoghi idonei allo svolgimento dell’attività didattica. Gli interventi finanziati permetteranno non solo interventi di messa in sicurezza e di ristrutturazione ma anche la realizzazione di mense, palestre, aule e la trasformazione di immobili da adibire a scuole. Infatti, a breve i Comuni e le ex Province potranno beneficiare di circa 270 milioni di euro previsti dal piano triennale 2018/2020, per il quale il MIUR approverà a breve la graduatoria definitiva”.

 

Il Palio dei Normanni a Siena: polemiche e chiarimenti

Abbiamo voluto attendere alcune conferme prima di pubblicare questa notizia perché nelle ultime 48 ore si sono succedute una serie di dichiarazioni e smentite che non permettevano di comprendere bene la situazione. Come molti sapranno alcuni figuranti del Palio dei Normanni sono stati in visita Venerdì 28 e sabato 29 settembre, in occasione del “World Tourism Event for Unesco Sites”, a Siena. Lì, secondo quanto era stato comunicato in un primo momento, avrebbero dovuto sfilare per le vie della città per pubblicizzare la nostra manifestazione.

Evidentemente qualcuno aveva fatto i conti senza l’oste. Il sindaco di Siena poco prima della partenza del gruppo del Palio  ha infatti inviato una lettera al comune di Piazza Armerina (che pubblichiamo sotto) informando i nostri amministratori che non sarebbe stato permessa nessuna sfilata nelle strade di Siena, precisando che “essendo la città legata alle proprie tradizioni” non era possibile mostrare eventi diversi  da quelli legati alla cultura senese e delle Contrade.

Al di là della ovvia tirata di orecchi per chi ha sbagliato nella comunicazione bisogna però riconoscere l’importante lezione che in queste ore ci ha dato il sindaco di Siena: le tradizioni non si svendono.
Una lezione che faremmo bene a fare nostra prima di aprire il Palio dei Normanni ad altre realtà e che deve portarci a comprendere che la nostra manifestazione ha un senso se vista a Piazza Armerina. E’ per questo che non dovrebbe mai andare in trasferta  ne essere rappresentata da nessuno fuori dalle mura della città. Ricordo un altro episodio  che può esserci d’insegnamento: si riferisce ad una festa organizzata per la regina d’Inghilterra a cui era stato invitato il Palio  di Siena. La risposta del senesi fu: “se la regina vuol vedere il Palio che venga in piazza del Campo”.

Per smorzare le polemiche il sindaco Cammarata ha rilasciato comunque una dichiarazione a Radio Siena nella quale spiega i motivi  dell’incomprensione nata tra le due amministrazioni.
Questo quanto riportato sul sito di Radio Siena.  “Siamo venuti per pubblicizzare la nostra manifestazione ad un evento turistico importante quale è il World Tourism Event al Santa Maria della Scala – spiega il primo cittadino siciliano – in quanto abbiamo avuto il riconoscimento Unesco del quale siamo orgogliosi. Purtroppo un articolo fuorviante ha lasciato intendere che volevamo effettuare una specie di gemellaggio con il Palio di Siena. Non è assolutamente così e ce ne dispiace. L’ho spiegato anche al sindaco De Mossi che è stato molto cortese a incontrarci. La nostra presenza è legata solo all’evento di promozione turistica. Siena è una città meravigliosa così come il suo Palio che è unico”.

Piazza Armerina, percorso sportivo Bellia – L’assessore Renzo Amore: “presto un intervento”

“La palizzata costruita a suo tempo grazie a d un progetto finanziato dalla Comunità Europea che costeggiava parte del percorso sportivo della Bellia verrà interamente ricostruita”. A dichiaralo è l’assessore allo sport del comune di Piazza Armerina, Renzo Amore. La palizzata, in parte danneggiata anche perché non è mai stata oggetto di alcuna manutenzione,  è stata rimossa in occasione della visita del Papa  per preparare quello che oggi viene chiamato il percorso del pellegrino.
Il percorso sportivo, ci fa sapere l’assessore Amore, sarà comunque oggetto al più presto di un intervento per favorire tutte le persone che si recano in quella zona per svolgere attività legate al mantenimento della forma fisica.

La manovra finanziaria del governo Conte

Nel settembre 2013, Presidente del Consiglio Letta, il prof. Giovanni Pitruzzella  aveva affermato che “ prima di pensare di vendere quote delle società pubbliche, come ENI ed ENEL, sarebbe più opportuno concentrare l’attenzione sulle dismissioni dell’enorme patrimonio immobiliare  pubblico”. Operazione questa che avrebbe potuto diminuire il debito pubblico, allora di eu 2000/miliardi, di circa 500/miliardi di euro e consentire alle finanze pubbliche di potere finanziare tutte le promesse elettorali sistematicamente e disinvoltamente propinate agli elettori.

Subentrato al breve Governo Letta nel settembre  2014 Renzi , Presidente del Consiglio, aveva proposto la riduzione del 3% di tutti i bilanci dello Stato, compresi quelli delle società partecipate. Considerato che tutti i bilanci sono stati sempre predisposti anche per agevolare operazioni poco pulite, la riduzione proposta da Renzi poteva benissimo essere attuata riducendo di importi rilevanti il nostro debito pubblico. Come la proposta Pitruzzella anche quella di Renzi rimase lettera morta ed il nostro debito è continuamente aumentato fino a raggiungere circa 2400/miliardi. Importo che  ha creato annualmente problemi con l’Unione Europea, spesso superati con la furbizia dei nostri governanti.

Anche il decreto varato ieri da questo Governo certamente troverà delle difficoltà nella valutazione da parte degli organismi europei. Continuamente, ma specie in occasione della preparazione del patto di stabilità, si parla del nostro debito pubblico, ma dell’adozione di seri provvedimenti per la sua riduzione non se ne è mai parlato. In compenso spesso la Magistratura interviene per il modo come l’ingente patrimonio immobiliare viene gestito, così come non vengono controllate le numerose società partecipate che non hanno scopi pubblici e che fanno gravare, annualmente, sul  bilancio dello Stato  le grosse perdite.

Nel 2011 Governo Berlusconi, per ottenere il placet europeo per il bilancio presentato,  impegnò  il Governo italiano ad aumentare l’IVA del 2% dal 2012.  Impegno solennemente assunto da Berlusconi il quale sapeva di dover lasciare, con la carica di Presidente del Consiglio, anche questa pesante eredità al suo successore. Clausola introdotta per la prima volta nel luglio 2011 più volte modificata, a garanzia della norma che prevedeva l’aumento automatico dell’IVA nel caso lo Stato non fosse riuscito a reperire le previste risorse pianificate.

Si tratta di uno strumento con il quale un  governo cerca di “ salvaguardare” i vincoli U.E. di bilancio, delle spese previste dalla manovra presentata. Dal momento che i conti non sono stati ancora sistemati,  questo rinnovo ha un costo annuo per lo Stato di circa 12,5 miliardi di euro (circa 90/miliardi ad oggi) che vengono sottratti alle molte più serie necessità . La reazione del mercato finanziario stamane ha influenzato lo spread, direttamente collegato in prima battuta  agli interessi che gravano sul nostro debito pubblico. Ogni punto di aumento del tasso d’interesse viene a costare circa 23/miliardi di euro all’anno.

Oggi abbiamo assistito al balletto dei numeri e delle frazioni di numero nel rapporto deficit-PIL,  da utilizzare per la realizzazione del programma di Governo, senza parlare, ancora una volta, della riduzione del nostro debito pubblico il cui costo continua condizionare scelte di assoluta necessità, mettendo in difficoltà il Governo che vuole realizzare quello che è stato promesso nel corso della passata campagna elettorale. Non è mia intenzione fare una valutazione sui punti programmatici presentati agli elettori, ma non è censurabile il comportamento di chi questo programma, votato dalla maggioranza dei cittadini, intende realizzare. Una cosa è indispensabile valutare da parte di tutti : una impresa privata che spende più di quanto guadagna è costretta ad indebitarsi. Il debito inizialmente è nella norma e può essere accordato dal sistema bancario.

Se non viene onorato nei termini previsti l’impresa è costretta a ricercare i finanziamenti rivolgendosi prima alle finanziarie e successivamente agli usurai , con costi rilevanti che spesso portano al fallimento. Lo Stato è come l’impresa : può indebitarsi fino a un  limite fisiologico, pagando tassi di interessi contenuti. Con il crescere dell’indebitamento cresce anche il costo degli interessi. Il rilevante costo di un indebitamento eccessivo, così come avviene per le imprese, può portare al fallimento. Basti ricordare quello che anni fa è successo all’Argentina. Occhio costante ai conti dello Stato.

Fa tenerezza, però, il comportamento e le dichiarazioni di  Berlusconi che forse pensa che nessuno ricordi che il debito pubblico, durante la sua Presidenza, è aumentato di 500/miliardi di euro e che il costo della clausola di salvaguardia, da lui accettata, è costata fino ad oggi circa 100/miliardi. Altrettanta tenerezza le dichiarazioni Renzi che, nel suo lungo ruolo di Presidente del Consiglio, non ha valutato nessuna iniziativa per la riduzione del debito pubblico. In compenso gli elettori li  hanno premiati entrambi: Berlusconi è passato  dal 40% dei consensi al 7%   e Renzi dal 44% al 17%..

Angiolo Alerci

 

Piazza Amerina – All’ospedale Chiello due posti in nefrologia per i dializzati

Al reparto di nefrologia dell’ospedale Chiello di Piazza Armerina saranno presto disponibili due posti per il ricovero diurno. Questo è quanto si legge in una nota dell’ASP di Enna che ha così rimediato ad una situazione penalizzante per il reparto nefrologia dell’ospedale piazzese che a luglio, con la nuova riforma,  si era visto ridurre i posti letto.

L’On. Luisa Lantieri, da sempre attenta alle vicende dell’ospedale piazzese, aveva incontrato il direttore Emanuele  Cassarà al quale aveva chiesto un intervento per rimediare ad una situazione negativa che coinvolgeva un importante bacino di utenza.  In sede di attuazione del piano di distribuzione dei servizi ospedalieri  la dirigenza dell’ASP ha accolto l’istanza presentata dal deputato piazzese.

Il neo sindaco Nino Cammarata: 8 cittadini su 10 soddisfatti del suo operato.

Si è concluso ieri il sondaggio che avevamo lanciato relativo al gradimento della nuova amministrazione dopo tre mesi circa dalla vittoria elettorale  di Nino Cammarata, oggi sindaco della città di Piazza Armerina. Hanno votato 463 utenti, un campione significativo rispetto al numero di elettori reali.
E’ chiaro che al momento l’amministrazione si trova con i cittadini nella fase conosciuta con il nome di “luna di miele” , ovvero un’apertura di credito che viene fatta dagli elettori a tutti i politici dopo la loro elezione in termini di popolarità e credibilità ma che di solito tende a scemare nel tempo. Di solito la curva di popolarità raggiunge il minimo dopo due anni per poi riprendere a salire a condizione che ci siano dei risultati concreti nella gestione e nell’amministrazione della città.

Con l’attuale amministrazione intendiamo ripetere questi sondaggi con una certa regolarità, sia per informare i cittadini ma anche per permettere a chi amministra di avere quello che in termini tecnici viene chiamato “feedback” ovvero il polso della situazione.

L’amministrazione Cammarata viaggia con un gradimento in questi giorni del 78% mentre al momento ad esprimere un parere negativo è solo il 22% di chi ha partecipato al sondaggio. Un ottimo risultato per il neo sindaco che nei prossimi mesi si dovrà confrontare con problemi importanti per la città.

 

Dal 7 ottobre sulla tv 7gold Damiano Gallo conduce da Piazza Armerina “Il bello del mattone”

Damiano Gallo, siciliano di nascita e milanese d’adozione, da qualche messe assessore all’immagine e alla valorizzazione del centro storico del comune di Piazza Armerina è conosciuto in tutta Italia, oltre che per la sua attività professionale di immobiliarista, anche per la trasmissione Il bello del mattone,  che conduce su 7gold .
Il road show televisivo quest’anno avrà come set per l’ottava edizione  Piazza Armerina  e prenderà il via  a partire dal 7 ottobre. Damiano Gallo verrà affiancato nella conduzione dalla show girl Marina Graziani.

Alla trasmissione partecipano esperti del settore immobiliare, della comunicazione e dell’informazione, artisti ,uomini di cultura cultura e legali che, con la loro esperienza, offrono supporto tecnico e preziosi suggerimenti a venditori e acquirenti che vogliono avvicinarsi al mondo del mattone. Un format completamente rinnovato per l’ottava edizione: dedicato agli immobili di prestigio allo stesso tempo il programma punterà a valorizzare il territorio circostante.

“È necessario educare le persone al rispetto e alla cura della res publica – ha dichiarato Damiano Gallo al sito Guidasicilia.it –  con il mio programma televisivo e la mia attività di assessore e come cittadino spero di riuscire ad essere di ispirazione per molti per poter cambiare le cose” . “Vorrei contribuire con tutti i miei mezzi per rendere Piazza Armerina ancora più bella e conosciuta” così il conduttore spiega la scelta di dedicarsi con il suo innato entusiasmo a questa meravigliosa città.

 

50 anni di valori, impegno e passione: l’Associazione Nazionale Polizia di Stato festeggia l’anniversario della fondazione

L’Associazione Nazionale Polizia di Stato con lo slogan “50 anni di valori, impegno e passione” celebra i prossimi 29 e 30 settembre il 50° anniversario dalla fondazione. Sabato, 29 settembre, presso l’aula Paolo VI in Vaticano, si terrà l’udienza con Papa Francesco a cui parteciperanno oltre 7.000 poliziotti e familiari provenienti da tutte le regioni d’Italia. Giorno 30 settembre sul lungomare Paolo Toscanelli di Ostia, alla presenza del Presidente della Repubblica, si terrà, aperta alla cittadinanza, la sfilata degli iscritti alle 167 sezioni italiane ed estere ANPS. Allestimenti, esibizioni, anche musicali, stand informativi ed esami medici gratuiti saranno offerti ai cittadini per tutta la giornata a Piazza dei Ravennati.

Enna – Due eco piazzole per chi non è servito dalla raccolta porta a porta

COMUNICATO STAMPA SINDACO DI ENNA

“La Società EcoEnnaServizi, ha provveduto ad attrezzare due eco piazzole, dedicate alle utenze non servite dal sistema del “porta a porta”, una a Pergusa (zona adiacente l’ex CISS) ed un’altra nella zona Artigianale in contrada Gentilomo. Il conferimento è possibile solo per le utenze non servite dal “porta a porta”, negli orari previsti e seguendo le regole della raccolta differenziata. Differenziare bene, oltre a preservare l’ambiente, ci consentirà, nel medio tempo, di abbatterne i costi. Sono orgoglioso di potere affermare che siamo tra gli esempi più virtuosi della Sicilia quanto ad efficienza del servizio e a pulizia della città. Desidero ringraziare tutti i lavoratori ed i responsabili della Società, per il lavoro che quotidianamente svolgono e, soprattutto, i cittadini enensi per la collaborazione e per la sensibilità dimostrata.

Anticipo che, presto, i contenitori allocati nelle ecopiazzole, saranno muniti di apposita scheda elettronica, che sarà consegnata agli utenti aventi diritto, attivando così un sistema moderno ed innovativo.
Le ecopiazzole sono videosorvegliate perché, purtroppo, sono state spesso utilizzate come discariche anche per la dismissione di ingombranti (che possono essere comodamente conferiti nei due CCR) e, addirittura, da soggetti non residenti nel nostro comune.
Stiamo lavorando duramente affinché il servizio sia sempre più efficiente e all’avanguardia, ma solo la collaborazione dei cittadini, la sensibilità sul valore della raccolta differenziata e il senso civico di ognuno di noi, ci consentirà di raggiungere risultati ancora più eccellenti. Confido, come sempre, nella collaborazione di tutti e nel grande senso civico che gli ennesi hanno già dimostrato in questi mesi. Dobbiamo essere orgogliosi di vivere in una delle città più pulite della Sicilia e forse di tutto il meridione”.

Villarosa – “Ora lo chiedo ai carabinieri”… e finisce nuovamente in manette

“Questa cosa qui proprio non la capisco… meglio chiedere ai carabinieri”, deve avere pensato un condannato agli arresti domiciliari leggendo il documento che gli era stato consegnato con le prescrizioni e i permessi di cui poteva fruire. Così l’uomo ha pensato bene di uscire da casa e recarsi alla caserma dei carabinieri di Villarosa, dove è residente.  I militari che lo hanno accolto non l’hanno però presa molto bene dato che l’incauto detenuto si è visto consegnare un mandato di cattura per evasione: non avrebbe dovuto allontanarsi dalla sua abitazione per nessun motivo, neanche per chiede spiegazioni ai carabinieri. I militari, dopo aver nuovamente spiegato i termini della carcerazione domiciliare al quarantaquatrenne di Villarosa,  non hanno potuto far altro che riaccompagnarlo a casa dove l’uomo potrà  probabilmente meditare sul fatto che non sempre il desiderio di seguire scrupolosamente le norme è apprezzato e produce effetti positivi.

 

Anche i figli di lei nel mirino di un uomo arrestato per stalking.

In generale risulta difficile comprendere il meccanismo mentale di una persona che perseguita un’altra con telefonate, appostamenti e pedinamenti. Ancora più difficile è comprenderlo quando oggetto del comportamento criminale sono una donna e i suoi figli. Questo è l’inquietante quadro ricostruito da carabinieri di Enna che ieri hanno provveduto a porre agli arresti domiciliari un cinquantenne residente nel capoluogo, già diffidato dal giudice a non avvicinarsi alla famiglia della donna. Ma  come testimoniano gli stessi carabinieri l’uomo non si era limitato ad atteggiamenti persecutori nei confronti della donna ma  seguiva  i figli di lei con comportamenti  definiti dalle forze dell’ordine “assillanti”.
L’appostamento a scuola dei ragazzi  da parte dell’arrestato aveva costretto la mamma, sicuramente esasperata e impaurita, a non mandare più i propri figli a scuola. Sarà adesso il giudice a decidere quando l’uomo potrà ritornare in libertà in attesa, molto probabilmente, del processo.

 

Valguarnera – Spacciatore condannato in via definitiva arrestato dai carabinieri. Sconterà la pena ai domiciliari

I militari della Stazione Carabinieri di Valguarnera Caropepe, questa mattina, hanno tratto in arresto Colina Manuele di anni 30, residente a Valguarnera, in esecuzione di un ordine di espiazione di pena detentiva emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna.  Il predetto, riconosciuto definitivamente colpevole del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti commesso nel mese di aprile 2017, dovrà scontare la pena di mesi 5 di detenzione domiciliare, oltre al pagamento di una multa di 1.200,00 euro. L’arrestato, ultimate le formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione di Valguarnera Caropepe.

 

Il comune di Valguarnera aderisce alla campagna della lega antitumori “Nastro Rosa – Lilt for Women”

Con Delibera n. 98 del 24.09.2018 l’amministrazione aderisce alla Campagna di Sensibilizzazione alla prevenzione del Tumore al Seno denominata “NASTRO ROSA”  Giorno 1 Ottobre il Palazzo Municipale si illuminerà di ROSA. Il mese di ottobre è a livello internazionale il mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno. La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, presente in Italia in 106 città e numerose delegazioni sparse su tutto il territorio, organizza ogni anno una campagna denominata appunto Nastro Rosa “Lilt for Women” nella quale vengono attuate varie iniziative per ricordare l’importanza della prevenzione nei riguardi del tumore al seno.

 

Il IV festival verghiano sbarca nel carcere di Enna grazie alla o.n.g.” Luciano Lama”

Stamani ha avuto luogo un incontro tra il Presidente della “Luciano Lama” Castellano e la Dott.ssa Bellelli, direttrice della casa circondariale per mettere a punto nei dettagli l’iniziativa in questione. All’incontro hanno partecipato la Dott.ssa Cettina Rampello, responsabile dell’area trattamentale della casa di pena e la Dott.ssa Eleonora Cappa, segretaria della O.n.G. “Luciano Lama.

Nella stessa riunione si è discusso inoltre del progetto che la “Luciano Lama” inizierà a giorni proprio all’interno della casa circondariale. Il progetto, che ha per titolo “educazione alla legalità e benessere psico-fisico” è stato finanziato dalla chiesa Valdese.

A conclusione dell’incontro il Presidente Castellano ha dichiarato:” sempre nel quadro degli impegni rivolti alle categorie sociali diseredati ed emarginati, abbiamo ritenuto opportuno rivolgere le nostre attenzioni verso i detenuti che, responsabilità a parte, necessitano di supporti culturali e rieducativi per consentire loro una perfetta integrazione nella società a conclusione della loro espiazione penale”. Intanto fervono i preparativi per organizzare la 52^ accoglienza per 300 bambini provenienti dalla ex Jugoslavia che arriveranno in Italia il prossimo 20 dicembre per ripartire il 20 gennaio del 2019. I piccoli verranno ospitati in Sicilia in altre 8 regioni d’italia, tra cui la Lombardia.

Inoltre a giorni partirà la delegazione per il Sahara Occidentale dove la “Luciano Lama” ha organizzato un progetto sui “diritti umani” a favore del popolo Sahrawi. Della delegazione farà parte un docente di diritto internazionale dell’Università Kore che ha aderito alla iniziativa.

Sempre nel Sahara Occidentale, all’inizio del prossimo anno è previsto l’inizio dei lavori per la costruzione di alcuni “orti familiari” con tecniche di irrigazione innovative. A tale iniziativa a dato la propria disponibilità S.E. il Vescovo Mons. Rosario Gisana.

Nel quadro degli impegni programmati a favore delle popolazioni dell’Africa Sub-Sahariana, entro il 2019 la “Luciano Lama” realizzerà un ponte nel Burchina Faso, per evitare l’isolamento di una parte importante di quel Paese durante la stagione delle piogge e la piantumazione di 1000 alberi di ulivo nella zona liberata del Sahara Occidentale.

I progetti in questione ed altri in corso di realizzazione vengono finanziati con i proventi del 5×1000 e che la “Luciano Lama” tiene a ringraziare quanti danno la loro adesione.

ASP Enna. Corso di aggiornamento sullo scompenso cardiaco

Si terrà presso la sala convegni dell’Ospedale Umberto I di Enna, sabato 6 ottobre 2018,  dalle ore 9.00 a seguire, il corso di aggiornamento sullo scompenso cardiaco per fare il punto su “Diagnosi e strategie terapeutiche”. Direttore scientifico il dr. Calogero Vasco, direttore del Dipartimento di Medicina e dell’Unità Operativa Complessa di Cardiologia dell’Umberto I, responsabile del coordinamento scientifico è la dr.ssa Stefania Grasso.

L’evento informerà i partecipanti sui servizi e le attività offerte presso l’ospedale, come la riabilitazione cardiologica, l’elettrofisiologia, l’ecodoppler vascolare periferico, la diagnostica per immagini comprendente la risonanza magnetica cardiaca, la miocardioscintigrafia, la TC coronarica. Queste ultime sono solo una parte, oltremodo rilevante, delle prestazioni che l’Unità Operativa di Cardiologia e l’UTIC di Enna garantiscono all’utenza.

“Il corso – evidenzia il dr. Lello Vasco – ha l’obiettivo di porre le basi per la costruzione di un ponte operativo tra il Dipartimento di Medicina, la Cardiologia dell’ospedale di Enna e i medici del territorio.   L’informazione e la conoscenza sull’ampia offerta sanitaria, che l’Unità Operativa di Cardiologia dell’Umberto I è in grado di garantire, permetterà l’individuazione, condivisa, di percorsi clinici, diagnostici e terapeutici orientati alla cura e al miglioramento della qualità di vita del paziente cardiopatico.”  Sono previste cinque sessioni che affronteranno le seguenti tematiche: l’approccio integrato allo scompenso cardiaco, i possibili scenari, il corretto uso della diagnosi strumentale, i modelli di cura a gestione cardiologica e le nuove strategie alternative nella terapia dello scompenso cardiaco.

 

Piazza Armerina – Comune, entro il 10 novembre il bilancio. Spieghiamo perché è importante questo documento

Il bilancio del comune di Piazza Armerina dovrebbe essere approvato entro il 10 novembre . Questo è quello che scrive il responsabile dell’ufficio di ragioneria del comune di Piazza Armerina, Dott. Alfonso Catalano, in una determina(*) che fissa i paletti del percorso che porterà all’approvazione dell’importante documento di gestione economica e finanziaria dell’ente.
Senza questo documento non si può infatti parlare di una vera gestione.  In pratica senza il bilancio il sindaco è come un capitano di una nave che  deve rispettare la rotta imposta dal suo predecessore. Inoltre, per così dire, la nave non può fare “rifornimento” di denaro fin quando il documento non sarà approvato dal consiglio comunale. Questo spiega perché i sindaci hanno bisogno di qualche mese dopo il loro insediamento per poter prendere in mano la situazione.

Ritornando alla determina del Dott. Catalano nella stessa è precisata il lavoro importante che dovranno fare i responsabili dei vari settori comunali accertando entrare e uscite future, debiti e crediti accumulati, ecc. Insomma una ricognizione del passato e una previsione per il futuro visto che stiamo parlando del bilancio di “previsione”.  A luglio del prossimo hanno arriverà poi il bilancio “consuntivo” che servirà a fare il punto della situazione.

Ci  scusiamo per aver semplificato forse in maniera eccessiva la spiegazione e per non aver usato i termini tecnici adeguati  ma crediamo sia indispensabile che tutti si rendano conto del perché accadono certe cose e anche del perché non accadono.

 

(*nota) La determina è un atto immediatamente esecutivo, ha un numero progressivo di registrazione generale, un numero progressivo dell’ufficio che l’ha emanato, la data, e l’oggetto. E’ in pratica un documento con cui il dirigente “determina” che si faccia qualcosa…

CNA – Forum domani a Enna: rilancio dell’economia siciliana attraverso la leva del turismo.

“Mettere in rete tutti i soggetti che, a vario titolo, sono coinvolti nel progetto di promozione e valorizzazione dei cammini esperienziali”. E’ un altro, significativo step che CNA Sicilia, assieme a CNA Turismo e Commercio dell’Isola,  propone nell’ambito delle strategie di sviluppo e di rilancio dell’economia siciliana attraverso la leva del turismo. Il Forum, in programma nella giornata di domani a Enna, prevede due momenti: entrambi ospitati all’interno del Grand Hotel  del Lago Pergusa. La mattinata, riservata agli addetti ai lavori con un confronto di natura tecnica, verrà articolata su tre Tavoli tematici. Si parlerà di “Rete degli investimenti”, “Rete delle Imprese e il Valore del Territorio”, e di “Rete Pubblico- Privata e i Servizi Turistici”. Nel pomeriggio, con inizio dalle ore 15.00, si avvierà invece la sessione pubblica, in cui saranno illustrate le relazioni, elaborate sulla base delle  proposte  e analisi emerse nel corso della mattinata, per poi aprire il dibattito.  La chiusura dei lavori verrà affidata ai vertici nazionali di CNA Turismo e Commercio: interverranno il Presidente Luca Tonini e il Coordinatore Cristiano Tomei. “Vogliamo mettere a sistema – spiegano i vertici regionali della Confederazione – tutti gli attori, che operano sia nel pubblico sia nel privato, in modo da realizzare un percorso, organico, sinergico e qualificato.  L’obiettivo, condiviso con il Nazionale e con il nostro raggruppamento, guidato da Francesco Di Natale e Stefano Rizzo – spiegano il presidente Nello Battiato e il segretario Piero Giglione – è muovere le fila del turismo attraverso la pianificazione di un concreto e mirato piano di sviluppo legato al territorio, con tutte le attrazioni e  le potenzialità di cui dispone, comprese  le eccellenze dell’artigianato e la qualità dei servizi, mettendo a frutto esperienze, interventi ed opportunità connesse a bandi e misure provenienti dall’Unione  Europea. Ed in questo nuovo scenario che pensiamo di delineare – concludono Battiato e Giglione – la CNA sarà ben lieta di offrire il proprio contributo, assumendo anche, sulla scorta delle competenze e delle esperienze acquisite, l’onere del coordinamento per l’avvio di una nuova stagione che possa segnare la svolta per l’economia turistica siciliana”.

Il comune di Troina si iscrive all’anagrafe nazionale antifascista del comune di Stazzema

Su proposta del sindaco Fabio Venezia, la maggioranza del consiglio comunale ha approvato, nella seduta del consesso civico svoltasi venerdì 21 settembre scorso, l’iscrizione del Comune di Troina all’Anagrafe Nazionale Antifascista, istituita dal Comune di Stazzema nel 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione Repubblicana.
L’adesione – che vedrà il Comune come ente sostenitore del Comune Virtuale Antifascista – , prevede la sottoscrizione della Carta di Stazzema, ispirata sui principi della Democrazia  della Costituzione Italiana, della Dichiarazione dei Diritti Umani e del Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema, e la condivisione delle finalità di “un mondo senza guerre, terrore e forme di oppressione; un futuro migliore, di progresso sostenibile, bellezza, civiltà e cultura, un futuro antifascista”.
Una scelta non casuale, che coincide con il 75° anniversario della “Battaglia di Troina”, combattuta tra l’1 luglio e il 6 agosto 1943 tra gli Alleati e i tedeschi, che ridusse la città in macerie, mietendo numerose vittime tra i civili.
“La storia politica e civile di Troina – spiega il primo cittadino – , è ispirata ai valori della democrazia e della libertà. Gli stenti e le sofferenze della seconda guerra mondiale segnarono profondamente la popolazione che, già durante il referendum del 1946, fece, a differenza di molte città dell’Italia meridionale e della Sicilia, una scelta di campo in favore della Repubblica. In un tempo odierno di smarrita e debole identità, abbiamo voluto rinvigorire i valori cardine della nostra comunità, aderendo all’Anagrafe Antifascista e alla Carta di Stazzema. Con questo atto inoltre, onoriamo la memoria dei partigiani troinesi che hanno combattuto, sacrificando anche la propria vita, per liberare l’Italia dall’occupazione nazi – fascista”.

Agira, atti persecutori nei confronti dell’ex fidanzata. I carabinieri arrestano un uomo.

Un’altra storia di stalking in provincia di Enna. Questa volta a finire in manette e agli arresti domiciliari è stato un quarantenne di Agira che  aveva, secondo quanto appurato dai carabinieri, minacciato e aggredito l’ex fidanzata colpevole di aver respinto le sue avance. In questi casi la misura degli arresti domiciliari viene di solito presa quando dalle indagini risulta che la persecuzione, le minacce e le aggressioni avrebbero potuto trasformarsi in atti ben più gravi. Da sottolineare che l’intervento dei carabinieri è stato sollecitato dalla stessa vittima attraverso una denuncia e dimostra che le forze dell’ordine possono evitare guai peggiori quando vengono chiamati in causa.  Purtroppo però accade ancora molto spesso che alcune donne non denuncino le violenze che subiscono.

 

All’ennese salvatore correnti la cronogara al kartodromo Sicilia Karting di Villapriolo

E’ l’ennese Salvatore Correnti della BM Sport di Michele Beccaria a fare segnare il migliore tempo assoluto alla Cronogara svoltasi domenica 23 settembre presso il Kartodromo Sicilia Karting di Villapriolo. L’evento come gli altri svolti nei mesi precedenti su percorsi cittadini di Calascibetta, Enna e Agira è stato organizzato dall’sd Kart Calascibetta del presidente Mario Puglisi con la collaborazione della sezione Kart del Comitato Sicilia Aci Csai e ha visto la partecipazione di una quarantina di equipaggi. Correnti che gareggia con la categoria 125 KZ2 ha fatto segnare il tempo di 1’42”09 con una media di 47,605 Km/h su un tracciato di 450 metri ricavato all’interno del kartodromo da ripetere 3 volte e prendendo il migliore tempo sui3 giri effettuati. La manifestazione è stata diretta da commissari dell’Aci Sport e il Direttore di gara era il sig. Ivan Bonsignore. Soddisfatto il presidente Mario Puglisi che traccia un bilancio finale. “Anche questa ultima prova è andata secondo quanto noi confidavamo – ha detto – tutto è andato per il verso giusto e la gente si è divertita. Adesso mettiamoci subito a lavoro per la prossima edizione di questo trofeo dei Comuni e come ho già ribadito diverse volte sono fiducioso di poter aumentare il numero dei Comuni partecipanti rispetto ai tre di questo primo anno”. Questi i nomi dei vincitori delle rispettive categorie.

Categoria 60 Mini 2010

Gabriele Babbò – 1’54”19

Classifica Generale Mini

Simone Canfora – 1’54”95

 

CATEGORIA 100 UNICA

Filippo Lizzo – 1’47”50

 

CATEGORIA 100 GENTLMAN

Alex Bottaro – 1’46”30

 

CATEGORIA 125 TAG

Pietro Libro – 1’48”34

 

CATEGORIA 125 SUPER TAG

Gaia Valenti – 1’45”20

 

CATEGORIA 125 SUPER TAG GENTLMAN

Antonio Angelo Minnì – 1’45”59

 

CATEGORIA 125 KZ4

Epifanio Beccaria – 1’50”53

 

 

CATEGORIA 125 KZ3

Pietro Romano – 1’44”69

 

CATEGORIA KZ2

Salvatore Corenti – 1’42”09

Staff Organizzazione

ASP Enna. In piena operatività il nucleo aziendale contro la violenza. I prossimi eventi

In piena attività il nucleo aziendale dell’ASP di Enna per la prevenzione e il contrasto delle violenze. L’organismo, diretto dalla dottoressa Loredana Disimone e composto da varie figure professionali, si è riunito in data 26 settembre 2018 con la partecipazione della psicologa Viviana Arangio, in rappresentanza dell’Associazione Donneinsieme “Sandra Crescimanno.

Oltre alla dottoressa Viviana Arangio e alla responsabile del Servizio Materno Infantile Territoriale, dr.ssa Loredana Disimone, hanno partecipato ai lavori i dottori Filippo Castrogiovanni, psicologo Consultorio di Agira, Stella Ciarcià, ginecologa in servizio presso il consultorio di Enna, Piazza Armerina e Valguarnera, Giusy Trovato, pedagogista Consultorio di Enna, Gianna Codetta Raiteri e Carla Pucci, ambedue assistenti sociali del Servizio Materno Infantile, Eleonora Caramanna, responsabile UOEPSA, e Antonella Santarelli, URP.

Il gruppo interistituzionale ha esaminato il bilancio dell’attività condotta in nove istituti scolastici superiori, dislocati nell’intero territorio provinciale, sul tema della violenza: i lavori realizzati dai gruppi di studenti coinvolti saranno presentati venerdì 23 novembre 2018 presso il Teatro Garibaldi di Enna alla presenza delle istituzioni.
In fase di completamento, nell’area del Pronto Soccorso dell’Ospedale Umberto I di Enna, anche la “Stanza Rosa”, spazio riservato all’accoglienza delle donne e dei soggetti vittime di violenza in osservanza del Codice Rosa.
Il Codice Rosa si affianca ai normali codici assegnati per gravità e identifica un percorso dedicato di accesso al Pronto Soccorso, servizio diretto dal dr. Renato Valenti, componente anch’egli del nucleo antiviolenza aziendale.

Al via, entro la metà del mese di ottobre, la campagna di sensibilizzazione ai temi della prevenzione della violenza con l’esposizione di banner e cartelli che riprodurranno le immagini e i lavori realizzati dagli studenti, seguiti nel progetto educativo dai volontari dell’Associazione Donneinsieme “Sandra Crescimanno”e dai referenti dell’ASP di Enna.

Aidone – Nuccio Chiarenza risponde al sindaco Lacchiana: “del suo operato dovrà risponderà alle autorità competenti”

Non si è fatta attendere la risposta dell’ex presidente del consiglio di Aidone, Nuccio Chiarenza, alle accuse rivoltegli dal sindaco Enzo Lacchiana. “Mi vedo costretto a rispondere – afferma Chiarenza in un articolo apparso oggi sul quotidiano La Sicilia  – perché ritengo di aver subito un attacco personale e non politico. Le nostre storie personali parlano di un professionista affermato e di un mestierante della politica che non svolge altre attività e non percepisce altro reddito che quello proveniente dal suo incarico da sindaco”.
Sono offese gravi quelle che volano fra i due politici una volta alleati e che rischiano di avere strascichi legali anche per l’accusa rivolta all’ex presidente del consiglio di essere manovrato da “consulenti occulti” dal parte del sindaco che , dallo stesso Chiarenza, viene accusato di elargire compensi “occulti” ad alcuni suoi esperti e di varie irregolarità nella gestione.
“Di questo e di altro , a tempo debito – afferma Chiarenza nell’articolo pubblicato da quotidiano -il sindaco  verrà a chiamato  a rispondere alle autorità competenti”.

Come si vede i toni sono più che accesi e come al solito la nostra testata è pronta a raccogliere le dichiarazione delle parti e di chi abbia qualcosa da dire in merito.

(nella foto al centro il dott. Nuccio Chiarenza)

Villa romana del Casale – Inserito nella graduatoria definitiva il progetto di restauro. In arrivo 9,7 milioni di euro

Inserito nella graduatoria definitiva degli interventi da finanziare con il fondo europeo Po-Fesr 2014-2020 il progetto di restauro della Villa romana del Casale di Piazza Armerina che prevede una spesa di 9,7 milioni di euro. Il progetto, che  ha ottenuto il punteggio più alto tra quelli che sono stati ammessi, permetterà di riprendere  il restauro dei mosaici dal punto in cui si era concluso nel 2012 e consentirà di recuperare per la piena fruizione da parte del pubblico alcune parti della villa  tra cui le zone del triclinio, delle terme, della palestra e del frigidarium. Verranno realizzate nuove coperture sui mosaici che rimpiazzeranno quelle in plexiglass e saranno costruite altre passerelle per consentire ai turisti di ammirare i nuovi mosaici restaurati».

Nel progetto è previsto anche il miglioramento della parte esterna del sito. Si procederà anche a sostituire la zona cementata  del peristilio con una superficie a verde. Un’operazione importante verrà compiuta anche per il drenaggio delle acque che passano sotto e lateralmente alla villa e che già sono state oggetto di un primo intervento alcuni anni fa. E’ prevista anche una nuova illuminazione e un nuovo sistema di videosorveglianza. In relazione ai tempi di realizzo bisogna attendere che  l’assessorato ai Beni culturali pubblichi i decreti di finanziamento, da qual momento partirà l’iter per  redigere il progetto esecutivo.

 

Irccs oasi di Troina partecipa alla notte dei ricercatori 2018

Per la prima volta anche l’IRCCS Oasi Maria SS. di Troina parteciperà all’evento “La Notte Europea dei Ricercatori”, che si terrà venerdì 28 settembre prossimo. Si tratta di un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea e che si ripete annualmente dal 2005 con l’obiettivo di sostenere un approccio diretto, senza intermediazione, tra coloro che operano nei laboratori di ricerca e la gente. Troppo spesso siamo abituati a fruire delle notizie medico-scientifiche attraverso la stampa tradizionale e specializzata. Con questo evento invece, la comunità scientifica apre le porte dei propri laboratori per creare un legame diretto con la società, spiegando contenuti, metodi, azioni, e soprattutto per far toccare con mano la passione, l’impegno, l’entusiasmo dei tanti ricercatori, giovani e non solo, continuamente impegnati nel trovare soluzioni alle sfide sempre più rilevanti che coinvolgono la società. Anche l’IRCCS Oasi di Troina, che continua a contribuire attivamente alla ricerca scientifica nazionale e internazionale nel campo della genetica e non solo, sarà tra i protagonisti dell’evento europeo. Il 28 settembre dalle ore 19.00 alle 22.00 presso la Cittadella dell’Oasi i ricercatori dell’Istituto incontreranno quanti vorranno esplorare l’affascinante mondo della ricerca attraverso accompagnato da un piccolo rinfresco.

La ricerca fatta all’Oasi è all’avanguardia e attrae anche tanti giovani ricercatori che decidono di mettere a disposizione le proprie conoscenze, l’impegno e la passione.

Troina – Il comune aderisce all’itinerario turistico “Area ‘43”

Siglato ieri al centro fieristico “Le Ciminiere” di Catania il protocollo d’intesa tra il sindaco Fabio Venezia e il presidente della Fondazione OELLE Ornella Laneri, per la costituzione e la gestione di una rete denominata “Area ‘43”, volta alla promozione e valorizzazione culturale e turistica dei luoghi dello sbarco in Sicilia, avvenuto tra il luglio e l’agosto del 1943.
“Il turismo storico-militare in Sicilia – spiega il sindaco Fabio Venezia – , è un segmento che negli ultimi anni mostra notevoli segnali di crescita, che in Normandia è ormai consolidato da decenni. Le vicende legate alla Battaglia di Troina dell’agosto del 1943 e la recente acquisizione degli scatti inediti di Robert Capa, faranno di Troina una delle tappe siciliane più importanti  per gli appassionati di storia militare e di fotografica storica. Siamo convinti che il lavoro di rete avviato in questi mesi con la Fondazione OELLE e con altri soggetti istituzionali, presto darà buoni frutti per il rilancio turistico del nostro territorio”.
L’accordo tra il Comune e la Fondazione – che ha tra i propri fini quello di sostenere l’interazione degli attori pubblici del territorio siciliano per dare vita a un percorso di turismo congiunto,  legato alla storia e ai momenti della vita civile, che videro protagonista l’Isola in uno dei momenti più drammatici della seconda guerra mondiale – , è stato sottoscritto a margine della presentazione della mostra “Lo sguardo oltre la guerra” del fotografo Phil Stern, curata da Ezio Costanzo, in esposizione al Museo Storico dello sbarco in Sicilia1943, che espone in anteprima una fotografia inedita di Robert Capa, di proprietà della Fondazione Pintaura di Troina.
“In occasione di questa prestigiosa mostra che rimarrà esposta alla Ciminiere di Catania per alcune settimane  – prosegue il primo cittadino – , abbiamo voluto dare in prestito una foto di Capa scattata a Troina, per promuovere il nascente Museo del più grande fotoreporter di guerra di tutti i tempi che sorgerà in città il prossimo anno. Una bella operazione di immagine e di promozione territoriale”.

Forza Italia, Campione: “disappunto per l’esclusione dell’avv. Palermo dal Cda di Riscossione Sicilia”

COMUNICATO STAMPA  DI FORZA ITALIA

Esprimo piena amarezza per la scelta di escludere a seguito del voto non favorevole dalla commissione all’ ARS, dalla carica di componente del Consiglio di Amministrazione della società Riscossione Sicilia l’ Avv. Gaetana Palermo, alla quale mi sento di rivolgere la gratitudine di tutta la segreteria provinciale di Forza Italia per la disponibilità e l’ impegno profuso, la scelta di Gaetana Palermo era un riconoscimento per un territorio particolarmente depresso condivisa con il commissario regionale On. Miccichè, mi auguro che  le capacità professionali di Gaetana Palermo possano essere valorizzate in futuro, oggi Forza Italia è impegnata in un processo di rinnovamento come evidenziato da Berlusconi nel recente incontro di Fiuggi, a livello territoriale in nostro impegno prosegue come sempre e presto in vista delle prossime elezioni provinciali creeremo un fronte popolare e liberale, che si ispiri al PPE, inoltre grazie anche alla collaborazione di tutte le esperienze civiche cercheremo di  garantire al nostro territorio un’ adeguata rappresentanza contro gli estremismi e contro chi propugna una politica priva dei sentimenti di solidarietà, noi vogliamo guardare avanti con rinnovato spirito politico e piena condivisione con quanti credono nel nostro progetto.”

Lo rende noto il commissario provinciale di Forza Italia Salvo Campione

Cosa pensi di Matteo Salvini?

L’angolo dei sondaggi. E’ un buon metodo per capire come la pensiamo su temi che riguardano la vita di ogni giorno. Nulla di scientifico ma utile a capire

Agira-Regalbuto – Da domani 26 settembre, per un mese, chiuso un tratto della ss121

A partire da domani, mercoledì 26 settembre, e fino al 22 ottobre, verranno eseguiti gli interventi di consolidamento e stabilizzazione delle pendici sulla strada statale 121 “Catanese” – nell’ambito del più ampio intervento previsto tra il km 60 e il km 70 della statale – dal km 60,800 al km 61,200, tra Agira e Regalbuto, in provincia di Enna.

Tutti i giorni, esclusa la domenica, è prevista la chiusura totale al traffico in fascia oraria compresa tra le ore 8:30 e le ore 18:00, con itinerario alternativo costituito da sp 21, A19 e sp 23b. Tra le ore 18:00 e le ore 8:30 del mattino successivo è invece prevista l’istituzione del senso unico alternato regolamentato da impianto semaforico.

(Fonte: Anas)

Aidone – Dimissioni del presidente del consiglio . Primi focolai di un campagna elettorale che si preannuncia rovente

«Dietro le dimissioni del presidente del consiglio comunale di Aidone c’è l’azione di alcuni “consulenti occulti”» . A dichiararlo è il sindaco Enzo Lacchiana  che rincara la dose quando si parla dell’azione svolta da Nuccio Chiarenza :« non è stato mai presente ad alcuna attività istituzionale e non è stato mai capace di alcuna iniziativa non solo politica ma anche sociale, culturale, ricreativa utile ad Aidone». «Ha convocato pochissimi consigli comunali – continua Lacchiana – e da lui ci saremmo attese dimissioni dignitose».

Si accendono dunque i toni dello scontro politico ad Aidone dove il prossimo anno si svolgeranno le elezioni comunali. Bisognerà scegliere se confermare o meno l’attuale sindaco che sembra intenzionato a dare battaglia anche se si troverà ad affrontare, come sembra da alcune indiscrezioni che abbiamo raccolto, avversari molto agguerriti e soprattutto molto popolari tra i cittadini.

Aidone – Un incontro sul galloitalico organizzato dall’Univerità del Tempo Libero

Ad Aidone l’Università del Tempo per giorno 25 settembre alle ore 18.00 ha organizzato un incontro dedicato a Gaetano Mililli e alla sua opera “Poesie e proverbi nella parlata galloitalica di Aidone”. L’evento  a cui sarà presente l’autore si svolgerà presso la Fondazione Marida Correnti.
Giace in parlamento una proposta di legge per il riconoscimento e la tutela della minoranza linguistica galloitalica presentata dall’ex deputato regionale Antonio Venturino. Ci chiediamo anche che fine abbai fatto  il gruppo di lavoro per favorire la crescita sociale, culturale ed economica delle comunità territoriali in cui si parla il galloitalico di cui fanno parte i sindaci di Aidone e di Novara di Sicilia Vincenzo Lacchiana e Gino Bertolami, Enza Cilia, dirigente del Centro regionale per la Progettazione e per il Restauro dell’assessorato ai Beni culturali, Alfonso Gambacurta, docente di Sociologia dell’Università La Sapienza di Roma, Noemi Marzullo, docente della scuola media di Piazza Armerina.

(nella foto un momento della presentazione del disegno legge sul galloitalico – luglio 2016)

Troina – torna potabile l’acqua nel centro abitato

I cittadini troinesi potranno tornare a utilizzare l’acqua delle rete idrica delle proprie abitazioni anche per uso potabile.
Revocata l’ordinanza di divieto, emanata dal sindaco Fabio Venezia giovedì 6 settembre scorso, a salvaguardia dell’igiene e della pubblica incolumità, che ne disponeva l’utilizzo per i soli fini igienici, a seguito della presenza di colore giallognolo, riscontrata nelle analisi effettuate dall’ASP di Enna sulle acque prelevate il 4 settembre scorso.
Su comunicazione dell’Azienda Sanitaria Provinciale giunta oggi, gli esami effettuati sui campioni prelevati lunedì 24 settembre, hanno infatti evidenziato il ripristino dei valori nei parametri previsti dalla legge.

Troina. Centro storico: contributi del 50% per il rifacimento dei prospetti

Un contributo del 50% per il rifacimento dei prospetti di immobili che insistono su Piazza e Via Conte Ruggero e su Piazza e via Santa Lucia, dell’importo massimo di 20 mila euro, pari al 70% per i soggetti richiedenti con ISEE inferiore a 10 mila euro.
È quanto prevede la modifica al regolamento comunale per la concessione di contributi per le ristrutturazioni edilizie degli immobili siti nel centro storico, approvato all’unanimità dal consiglio comunale nella seduta svoltasi al palazzo municipale venerdì 21 settembre scorso che, oltre ai privati cittadini, sarà esteso anche a enti di culto, parrocchie, associazioni, fondazioni, confraternite e opere pie.

“L’intenzione dell’amministrazione – spiega l’assessore alle attività produttive e allo sviluppo economico Giuseppe Schillaci – , è quella di conferire maggiore decoro urbano al nostro centro storico, in vista dei lavori che saranno avviati a breve e che cambieranno il volto a tutta la linea prospettica degli edifici che insistono lungo la via Conte Ruggero. L’obiettivo del contributo è dunque quello di stimolare gli interventi dei privati attraverso piccoli interventi di manutenzione edilizia, che migliorino l’accesso al centro storico e, al tempo stesso, creino indotto per gli operatori e l’economia locale”.
La variazione, si inserisce nell’ambito più ampio del regolamento comunale, approvato nell’aprile scorso, che prevede un contributo massimo di 15 mila euro, pari al 35% dell’importo complessivo dell’intervento effettuato, per i proprietari, titolari, locatari e soci di cooperative degli immobili siti nel centro storico, ricadenti nella zona A del vigente Piano Regolatore Generale, che intendano effettuare ristrutturazioni edilizie, cui va a aggiungersi un finanziamento di ulteriori 10 mila euro per gli interventi di efficientamento energetico.

Enna, si è concluso all’Umberto I il convegno su demenza e disagio psicofisico

Si è concluso il Convegno Scientifico dal titolo “Conoscere le demenze per ridurre il disagio psicofisico della persona” organizzato, Sabato 22 settembre presso il P.O. Umberto I di Enna, dalla Cooperativa Sociale Global Service (che gestisce l’Ambulatorio di Neuropsicologia, Riabilitazione e Rieducazione motoria ed il Centro Ascolto Alzheimer ad Enna e Catania).
Al convegno hanno preso parte numerosi rappresentanti del settore pubblico e privato, che operano a stretto contatto con le problematiche dementigene, per far conoscere le nuove ricerche, i nuovi approcci di cura e diffondere la cultura della prevenzione e del benessere.
Sono stati resi noti i dati ricavati dalla Campagna di Prevenzione sul decadimento cognitivo over 55, in collaborazione con Federfarma Enna e Asp Enna, che ha coinvolto centinaia di cittadini della nostra provincia riscuotendo una grandissima partecipazione delle farmacie e della popolazione. 
I professionisti messi a disposizione dall’Ambulatorio gestito dalla Global Service hanno incontrato i cittadini che, prenotandosi presso le farmacie di fiducia, si sono sottoposti alla valutazione preliminare sul funzionamento cognitivo. A seguito della valutazione i cittadini hanno ricevuto la restituzione dei dati e le indicazioni dei professionisti sui possibili interventi, ove necessari.
“Lo screening preventivo – dice il dr. Tommaso Careri, Direttore dell’Ambulatorio e Presidente del CCA dell’Asp di Enna – è l’unico modo per poter individuare i primi segni di decadimento cognitivo che spesso portano alla demenza. Indagare l’incidenza del decadimento cognitivo e informare la nostra popolazione sono le finalità della campagna di prevenzione, si prefigge quindi di promuovere la cultura del benessere per migliorare la qualità di vita”.
Da anni la Global Service si occupa di stare vicina alle persone portatrici di disagio psico-fisico e alle loro famiglie, assistendo le fasce svantaggiate della popolazione attraverso numerose iniziative gratuite come screening nelle piazze o l’organizzazione di autorevoli convegni scientifici e di momenti di confronto con il territorio e le istituzioni. I servizi socio-sanitari offerti per i cittadini come la valutazione neuropsicologica, la riabilitazione e il potenziamento non solo neurocognitivo ma anche motorio, il tutto in collaborazione con un team di professionisti, hanno il fine di decongestionare gli ospedali e di favorire le cure. A breve partirà la nuova Campagna di Prevenzione non solo nella provincia di Enna ma anche nel territorio di Catania

Piazza Armerina, denunciati due minorenni per furto aggravato.

Carburatori, parafanghi posteriori,  cupolini, specchietti laterali e carburante di alcuni ciclomotori posteggiati in piazza sen. Marescalchi: questo il bottino di una serie di furti che avrebbero commesso due ragazzini di 15 anni nella mattinata di lunedì 17 settembre. I due, invece di recarsi a scuola in un vicino istituto professionale, avrebbero deciso di appropriarsi di  alcune parti di ben cinque ciclomotori  dei colleghi che frequentano l’Istituto Tecnico Industriale e che utilizzano parte della piazza come posteggio. I carabinieri della Stazione di Piazza Armerina nella giornata di ieri, a conclusione dell’indagine che li ha portati a identificare gli autori dei furti, hanno denunciato in stato di libertà i due quindicenni.

 

 

Troina, emergenza idrica: Venezia: “una soluzione rapida o agiremo per vie legali non convenzionali”

Siciliacque, AcquaEnna e Asp eseguiranno analisi congiunte ai campioni d’acqua del territorio troinese, qualora i prelievi che saranno effettuati nei prossimi giorni dovessero ancora rilevare valori di torbidità fuori parametro.
È la sintesi del lungo e articolato incontro svoltosi stamane nell’aula consiliare del palazzo municipale, convocato d’urgenza dal sindaco Fabio Venezia con i vertici degli enti gestori del servizio idrico, per avere chiarimenti in merito al colore giallognolo dell’acqua in distribuzione nel territorio comunale, ormai non potabile da oltre quindici giorni, e conoscere quali atti intendano porre in essere per superare l’ormai lunga criticità.

Presenti per AcquaEnna il responsabile dell’Ufficio Tecnico Alessandro Dottore, il direttore generale Michele Zappalà e il responsabile di zona Silvestro Miraglia, per Siciliacque il responsabile del controllo di qualità Graziella Russo e l’assistente all’amministratore delegato Enrico Spada, il responsabile del Sian e il direttore del laboratorio di analisi dell’Asp 4 di Enna Giuseppe Stella e Maria Fascetto Sivillo e il direttore generale dell’Ato 5 di Enna Stefano Guccione.
Alla richiesta del primo cittadino, che ha espresso con vigore il disagio dell’intera comunità per una situazione che desta preoccupazione e allarme per la salute pubblica, congiuntamente all’arrivo delle bollette con alti importi che fanno montare la protesta dei cittadini, i rappresentanti di AcquaEnna e Siciliacque hanno rassicurato circa il costante e ripetuto monitoraggio delle analisi effettuate sulle acque, dalle quali emergerebbe un colore puro, unitamente a una presenza di torbidità e di manganese nei limiti, che non costituiscono alcun problema per la salute pubblica.

Diametralmente opposta la posizione dell’Asp, che ha esposto la costante presenza di colore giallognolo rilevata dalle acque provenienti da Siciliacque e AcquaEnna, con conseguente disposizione al sindaco di emettere ordinanza di divieto per uso pubblico dal 6 settembre scorso.
“Sono deluso da questo incontro che speravo accendesse i riflettori sulle cause della problematica – spiega il primo cittadino – , mentre invece abbiamo assistito a un continuo rimpallo di responsabilità tra AcquaEnna e Siciliacque. Chiediamo una risoluzione rapida del problema e il dimezzamento delle bollette dell’ultimo bimestre o, qualora le nostre richieste non venissero rispettate, agiremo per vie legali e non convenzionali della disobbedienza civile”.
Il vertice sarà aggiornato nei prossimi giorni, qualora emergessero novità, insieme all’impegno del direttore generale dell’Ato 5 di Enna Stefano Guccione a procedere all’abbattimento delle bollette, se gli accertamenti compiuti sulle analisi congiunte dovessero accertare la responsabilità della problematica a AcquaEnna. 

Il Palio dei Normanni incontra il Palio di Siena

Venerdì 28 e sabato 29 settembre, in occasione del “World Tourism Event for Unesco Sites” che si svolgerà a Siena, una delegazione del Palio dei Normanni di Piazza Armerina sfilerà in corteo per le vie della città del più noto Palio al mondo, Siena. Il corteo che rievoca le gesta di Ruggero d’Altavilla verrà accolto dall’amministrazione comunale di Siena alla quale sarà consegnato, in segno di incontro e stima reciproca, il vessillo di Maria Santissima delle Vittorie. Proprio la figura di Maria è un importante trait d’union tra le due manifestazioni: a Piazza Armerina il Palio si svolge in onore di Maria Santissima delle Vittorie, festeggiata il 15 agosto, giorno dell’Assunzione, così come a Siena il Palio di agosto è in onore dell’Assunta.

Il Palio dei Normanni, che racconta l’integrazione tra il popolo arabo e i Normanni che Ruggero mise in atto, è più che mai attuale in un momento storico dove è invece troppo spesso difficile accettare “lo straniero”. Per questo, il corteo di 70 figuranti vedrà la presenza del giovane gambiano ospite del progetto SPRAR che lo scorso 15 settembre è stato vittima di violenza da parte di razzisti proprio nella giornata della visita di Papa Francesco a Piazza Armerina. Il progetto è stato ideato dall’assessore al turismo Ettore Messina, particolarmente sensibile alle dinamiche dell’integrazione.

Imprese: rete e sinergia con le istituzioni. Il sindacato Uninpresa organizza a Piazza Armerina un incontro con esperti

Una rete di imprese in grado di creare sinergia con le istituzioni è l’obiettivo di Unimpresa. L’Associazione interprovinciale di Enna e Caltanissetta che rappresenta il sistema della piccole medie imprese, presieduta da Toto Puglisi ha organizzato il 28 Settembre alle 18 all’ Hotel Villa Romana a Piazza Armerina un incontro tra tutti gli amministratori e le associazioni del territorio.

“ Saranno presenti degli esperti- dice Puglisi – che terranno un incontro di formazione per dare un supporto a tutti i piccoli imprenditori su come costruire un “Contratto di Rete”, quali obiettivi stra-tegici come raggiungere, intercettare e utilizzare i fondi comunitari europei per rafforzare il sistema delle Piccole Imprese”.

“Occorre chiarire aspetti di primaria importanza e dare informazioni a tutti i soggetti della filiera del turismo interessati”, sottolinea Barbara Corrao portavoce per Unimpresa.

 

Valguarnera – Avviato il servizio gratuito di raccolta, trasporto e recupero degli oli vegetali commestibili esausti

COMUNICATO STAMPA

E’ stato avviato il servizio gratuito di raccolta, trasporto e recupero degli oli vegetali commestibili esausti e usati di provenienza domestica. è stato collocato all’interno dell’ecopunto un contenitore, dove i cittadini potranno depositare le loro bottiglie con l’olio esausto. Sarà cura della ditta che provvederà periodicamente al ritiro ed al trasporto dell’olio vegetale esausto che successivamente verrà sottoposto al trattamento e alla rigenerazione.

Si va avanti verso la differenziazione dei rifiuti. Si tratta di un servizio importante che va a completare quello della raccolta differenziata porta a porta, degli altri rifiuti pericolosi e degli indumenti usati. Siamo orgogliosi di questo ulteriore passo per creare un ambiente sostenibile e più sicuro, innalzando al contempo la qualità della vita dei nostri cittadini. Il servizio di raccolta degli oli vegetali esausti, è completamente gratuito, e rientra in un piano dei rifiuti organizzato. L’olio esausto vegetale, come altri rifiuti riciclabili, rappresenta una risorsa riutilizzabile. Con un litro di olio vegetale esausto utilizzato in cucina si può produrre un litro di biocarburante (biodiesel) a basso impatto ambientale, ed anche lubrificanti, olio per motori, saponi e altro ancora. In Italia vengono immessi al consumo ogni anno (direttamente come olio alimentare o presente in altri alimenti) un milione e quattrocento mila kg di olio vegetale per un consumo medio pro capite di circa 25 kg per anno (fonte Ministero della Sanità). Gli oli esausti se non vengono smaltiti secondo le regole dettate dalla normativa.
Auspico una fattiva collaborazione dei cittadini.

Gli oli vegetali esausti non devono essere buttati nel lavandino ma vanno raccolti in un contenitore (plastica, vetro, metallo) e poi portati nell’apposito contenitore sito presso l’eco punto.

L’amministrazione di Valguarnera incontra i sindacati dei lavoratori

L’amministrazione Draià di Valguarnera ha incontrato i Sindacati per discutere di alcuni temi riguardanti il Personale in particolare del Personale Precario. “Sono soddisfatta per il lavoro fatto in questi anni in sinergia con tutte le sigle sindacali, siamo tra pochi comuni che hanno avviato il buono pasto elettronico. Dopo tanti anni di inerzia l’amministrazione ha avviato la Satbilizzazione e stiamo lavorando per continuare in questa direzione, con lo scorrimento di graduatoria dei B e la stabilizzazione dei C.”. A dichiararlo il sindaco Francesca Draià

Valguarnera – I consiglieri D’Angelo e Pecora:”nessuno strappo ulteriore all’interno del gruppo PD”

Riceviamo e pubblichiamo

“Abbiamo votato a favore del rinvio e non contro gli atti dell’amministrazione. Una volta per tutte abbiamo voluto dare la possibilità alla “nuova maggioranza” di prendersi tutto il tempo a loro necessario per avere chiariti, dal collegio dei revisori, eventuali dubbi circa il Conto Consuntivo e il Bilancio di Previsione, auspichiamo, così, che si arrivi al prossimo consiglio comunale con toni più contenuti nel rispetto soprattutto della collettività che purtroppo “paga le spese” delle beghe in aula, e le paga anche se un’amministrazione è costretta a lavorare in dodicesimi. Nessuno strappo ulteriore  all’interno del gruppo PD locale e nessuna crisi con il Sindaco.

Piuttosto abbiamo constatato, ancora una volta, che c’è gente pronta a capire solo ciò che vuole, anche la stampa locale si è distratta e non ha chiesto smentita alle dirette coinvolte. Noi, come il resto del nostro gruppo, abbiamo dimostrato di non ricevere nessun ordine di tipo militare, come qualcuno ama asserire, e di essere persone libere. Quello che si è consumato in consiglio comunale non è certo il distinguo di due consigliere, Filippa D’Angelo e Sara Pecora, che precisano a gran voce che sosterranno il Sindaco così come fatto fino ad oggi, soprattutto la consigliera D’Angelo che in tre anni ha fermamente condiviso tutti gli atti perché in linea con il Programma siglato dal suo gruppo nel 2015, e perché crede nella persona del Sindaco che nel triennio di mandato consumatosi ha dimostrato di avere a cuore la propria collettività, lavorando con impegno e puntualità, e se a dirlo è un’altra donna ha ancora più valore perché è facile entrare in conflitto, difficile è apprezzarne le doti. Ci spiace per i “bene informati”, ma la posizione futura delle consigliere D’Angelo e Pecora sarà la stessa avuta fino ad oggi, piuttosto invitano sempre gli stessi “bene informati” a cominciare a prendere carta e penna per annotare tutti i nomi dei futuri candidati a Sindaco, e aimè sono in tanti che concorrono all’ambita poltrona.

Al collasso non vi è nessuna situazione attuale, l’unica nota che viene in mente è che purtroppo la “nuova maggioranza” continua a sbraitare contro le “persone”, attacchi che hanno il sapore più personale che politico. Ai “bene informati”, che tanto non ci sembrano, vogliamo ricordare che la storia valguarnerese non ci racconta di amministrazioni che sono arrivate a fine mandato con la maggioranza compatta fino alla fine, e non ci racconta nemmeno di sindaci rieletti in secondo mandato consecutivo perché avevano fatto bene. Un po’ di amarezza va espressa per i consiglieri che per motivi solo propri si sono allontanati dal gruppo, e non per mancanza di condivisione delle azioni amministrative. Loro in due anni e mezzo, a spada tratta, hanno appoggiato e difeso ogni atto prodotto perché partecipi nella stesura degli stessi, e giova loro ricordare che se l’amministrazione ha fatto bene fino ad oggi è anche grazie al loro contributo, se in qualcosa ha sbagliato loro ne erano consapevoli perché sempre presenti e attenti.”

I Consiglieri comunali D’Angelo e Pecora

Alla vigilia del patto di stabilita’

Francesco Magris nel suo recente libro “ Libertà totalitaria” ha fatto anche l’analisi dei fenomeni sociali e politici che maggiormente caratterizzano questa epoca.

L’evocazione del bene comune deve essere guardato con sospetto; essa può infatti convertirsi in una mera strategia mediatica volta a giustificare l’attuazione di politiche economiche le quali in realtà cerchino di favorire alcune categorie di individui, nella gerarchia dei soggetti da tutelare.”

Molte di queste considerazioni  riguardano la legge di stabilità che in questi giorni dovrebbe trovare la sua definizione da parte del Governo. Situazione che in concreto si sta verificandosi nel nostro paese, con la contrapposizione di due posizioni espresse dai leader dei due raggruppamenti politici della maggioranza. Entrambi richiamandosi al “contratto” siglato al momento della costituzione del nuovo Governo,  continuano a porre con toni pesanti problemi spesso alternativi, dando la sensazione che la stesura del cosiddetto contratto è stata fatta in modo strumentale, per potere avere una doppia interpretazione:  vista da destra e vista da sinistra, ognuno con un occhio al proprio elettorato. Certamente il lungo programma presentato in occasione del voto di fiducia, dovrebbe essere attuato nell’arco della legislatura. Le contrapposizioni al momento riguardano principalmente l’ordine di approvazione dei relativi provvedimenti, anche se non mancano pesanti frecciate dalle due parti sul merito di alcuni.

Il Governo, in considerazione anche del particolare momento, dovrebbe  svolgere una seria azione di mediazione, azione resa molto più difficile perché i titolari delle contrapposizioni sono i due Vice Presidenti del Consiglio, Di Maio e Salvini, rispettivamente leader dei due movimenti che sostengono il Governo. Quello che sta accadendo oggi non è un fatto puramente nostrano, è un fatto che anche la dottrina economica ha previsto possa accadere e che in effetti spesso si verifica. Speriamo che il buon senso prevalga e che  i toni usati vengano per l’avvenire normalizzati.

 

Angiolo Alerci

Il 25, 26 e 27 settembre la derattizzazione del centro abitato

Martedì 25, mercoledì 26 e giovedì 27 settembre prossimo, verrà effettuata la derattizzazione dell’intero centro abitato.
Il provvedimento igienico – sanitario, volto alla tutela della salute pubblica, è disposto da un’ordinanza del sindaco Fabio Venezia.
Le operazioni di disinfestazione, che saranno effettuate dalla ditta “Nuova Pulisa Sud srl” di Castel di Lucio, consisteranno nell’applicazione di esche topicide nelle caditoie stradali, nei pozzetti fognari e nelle scarparte della città, che non costituiscono alcun pericolo per l’incolumità personale e pubblica.
Si invita comunque la cittadinanza a prestare attenzione e ad adottare tutti gli accorgimenti necessari.

Consegnati i premi a 4 studenti che hanno elaborato una tesi di laurea su Troina

Cerimonia di consegna, ieri pomeriggio nella “Sala Miani” della Torre Capitania di via Conte Ruggero, del premio di 500 euro che il Comune ogni anno mette in palio per gli studenti che abbiano elaborato una tesi di laurea sulla storia e sul territorio di Troina.
Quattro i giovani universitari troinesi destinatari della borsa di studio, che hanno partecipato al terzo bando, riservato alle tesi elaborate nell’anno accademico 2016/2017:
– Valentina Conti – Università degli Studi di Catania – Dipartimento di Scienze Umanistiche – Corso di Laurea in Lingue e culture europee – Tesi di laurea: “Traduzione e commento di “Troina Fair” dal By – paths in Sicily di Eliza Putnam Heaton – La Sicilia Raccontata dalle viaggiatrici straniere”;
– Maria Roberta Giachino – Università degli Studi di Catania – Dipartimento di Economia e Impresa –  Corso di laurea in Economia Aziendale – Tesi di laurea: “La competitività delle aziende sanitarie: il caso Oasi Maria SS. e il vantaggio competitivo del “prendersi cura” ”;
– Angela Polizzi – Università degli Studi di Catania – Dipartimento di Scienze Biologiche, geologiche e ambientali  – Corso di laurea in Scienze Geologiche – Tesi sperimentale di laurea: “Azioni di pianificazione e prevenzione del rischio idro – geomorfologico nel Comune di Troina”;
– Giovanni Ruberto  – Università degli Studi di Catania – Dipartimento di Economia e Impresa – Corso di laurea in Economia Aziendale – Tesi di laurea: “Identità e vocazione nel marketing territoriale della Città di Troina”.
La cerimonia, che ha visto relazionare brevemente gli studenti sugli argomenti trattati nella tesi, è stata introdotta dall’assessore alla pubblica istruzione Carmela Impellizzeri, presente insieme al sindaco Fabio Venezia e al vice presidente del consiglio comunale Silvio Trovato, che ha spiegato: “Questa iniziativa scaturisce dall’attenzione che vogliamo dare ai nostri giovani, fornendo al tempo stesso un modo per far conoscere il nostro territorio, approfondirne le problematiche e creare i presupposti per il futuro. Crediamo infatti che il rilancio turistico – culturale della nostra città possa passare anche attraverso queste tesi”.

A consegnare il premio ai ragazzi, i cui elaborati saranno custoditi nella biblioteca comunale, a disposizione della comunità, il primo cittadino: “Si tratta di un premio modesto ma simbolico, che vogliamo consegnare a chi ha deciso di donare un momento importante della propria vita e della propria formazione alla nostra comunità. Troina è una città che punta sul valore del sapere e della conoscenza e, pertanto, riteniamo opportuno stimolare gli studenti a occuparsi del proprio territorio e dare il giusto riconoscimento a chi lo ha fatto con impegno, sacrificio e dedizione”.

Sicily Beer Fest: concluso con successo il tour in tutta la Sicilia

Tempo di bilancio per la Cooperativa Olimpo al termine del lungo ed impegnativo tour che ha visto il “Sicily Beer Fest” approdare durante l’estate appena conclusa in alcune delle località più prestigiose della Sicilia. Da Giugno a Settembre, infatti, la carovana del Sicily Beer Fest ha attraversato tutta l’isola, portando con se tanta musica e divertimento, oltre naturalmente alla birra artigianale protagonista indiscussa della manifestazione. Il Sicily Beer Fest è partito, infatti, da Marzamemi (1-3 Giugno), per proseguire a Giardini Naxos (6-8 Luglio), Pozzallo (20-22 Luglio), Sciacca (2-5 Agosto), Enna (17-19 Agosto) e concludersi a  Piazza Armerina (7-9 Settembre).

Ad organizzare il primo evento itinerante in Sicilia dedicato alla buona birra artigianale Peppe Truscia, direttore organizzativo della Cooperativa Olimpo. “Gli eventi che abbiamo organizzato in tutta l’isola – commenta Truscia – hanno avuto la finalità di promuovere alle migliaia di persone coinvolte le più importanti birre artigianali prodotte in Sicilia. A nome della cooperativa siamo felici degli ottimi riscontri che abbiamo avuto durante gli appuntamenti del Sicily Beer Fest. Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro i quali hanno reso possibile la realizzazione di queste sei tappe, a partire dai sindaci e dagli assessori dei comuni coinvolti, i miei collaboratori, i produttori delle birre artigianali, i ristoratori coinvolti e tutti gli artisti e professionisti dello spettacolo che hanno impreziosito i nostri appuntamenti con i loro contributi”.

Tra i protagonisti del Sicily Beer Fest l’attore comico Sandro Vergato, noto per i suoi esilaranti personaggi già protagonisti nelle più importanti emittenti televisive siciliane, che si è occupato della conduzione delle serate. Tra gli artisti presenti al Sicily Beer Fest Sicily Country Life, Giusimaria Raciti, The Dreamers, Antonio Tricarichi, Archinuè, Born It, Alessandro Cozzetto, Cover Band Ramazzotti, Room 26 Nek Tribute Band e Orchestra PA&F.

[VIDEO] Piazza Armerina – Sala gremita alla presentazione del libro di Totò Cuffaro “La figlia delle monache”

Si è svolta ieri sera a Palazzo Trigona alla presenza di un un numeroso pubblico  la presentazione del Libro di Totò Cuffaro “La figlia delle monache” che narra la vicenda di Rosa Gemma una bambina, così come afferma lo stesso autore, “nata, morta ma mai vissuta”. La storia vera, ma in parte romanzata, coinvolge anche personaggi noti al grande pubblico  come Lucio Dalla  che nella realtà ha conosciuto Rosa Gemma e lo stesso Cuffaro, allora presidente della regione Sicilia. Nel video l’intervista con l’autore.

ASP Enna. Bando per quattro progetti di Servizio Civile

Sono stati approvati, dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri,  339 progetti del Servizio Civile in Sicilia di cui 4 presentati nel 2017 dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna.

I progetti dell’ASP sono: “Bamby 2”, a cura del Servizio di Neuropsichiatria Infantile, per 27 volontari; “M’informo… mi curo 2”, a cura dell’URP per 12 volontari; “Proponiamo Salute 2”, a cura del Dipartimento Materno Infantile Territoriale, Rete Consultori, per 9 volontari;  “Approcci Pericolosi 2” a cura dei SER.T (Servizi per le Tossicodipendenze) per 8 volontari.

Sul sito istituzionale dell’ASP di Enna, www.asp.enna.it,  cliccando sull’icona Servizio Civile e sulla pagina “Bando del Servizio Civile Nazionale 2018”, si possono avere tutte le informazioni necessarie per la presentazione delle domande e per i collegamenti alle pagine del sito del Servizio Civile Nazionale e del Servizio Civile Sicilia  (http://www.serviziocivilesicilia.it/) da cui si possono scaricare gli allegati.

Il Responsabile Locale di Ente Accreditato, dr.ssa Luisella Madia, informa che:

“Le istanze per concorrere alla selezione dei volontari del Servizio Civile per i progetti del nostro Ente a valere sul bando del 20-08-2018 dovranno pervenire nei i tempi e nei modi previsti dal bando regionale…”. Gli aspiranti volontari (d’ora in avanti “candidati”) dovranno produrre domanda di partecipazione indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto esclusivamente secondo le seguenti modalità:

1) con Posta Elettronica Certificata (PEC) di cui è titolare l’interessato, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf all’indirizzo: protocollo.generale@pec.asp.enna.it

2) a mezzo “raccomandata A/R” all’indirizzo: Azienda Sanitaria Provinciale n°4 di Enna

v.le A.Diaz 7/9, 94100 Enna;

3) consegna a mano.

 

Il termine per l’invio delle domande via PEC, o a mezzo raccomandata A/R, e per la consegna  è fissato al 28 settembre 2018.

 

 

 

 

Troina – Il sindaco convoca per lunedì vertice urgente con Siciliacque, Acquaenna e Asp

Il sindaco Fabio Venezia ha convocato per lunedì 24 settembre prossimo, alle ore 10.00 al palazzo municipale, un vertice urgente con i dirigenti di Siciliacque, AcquaEnna e Asp 4 di Enna per avere chiarimenti in merito ai valori di torbidità fuori parametro nell’acqua in distribuzione nel territorio comunale e, contestualmente, conoscere quali atti i gestori e l’Azienda Sanitaria intendano porre in essere per superare l’ormai lunga criticità. “Questa vicenda – lamenta il primo cittadino – , si protrae ormai da oltre quindici giorni, creando disagi ai cittadini e agli operatori commerciali, suscitando grave disagio e legittima e diffusa preoccupazione nell’opinione pubblica. Sono costretto a mantenere in vigore un’ordinanza di divieto di utilizzo dell’acqua per fini destinati al consumo umano e oggi ho ricevuto dall’Asp l’ennesima nota in cui si comunica il permanere del colore non accettabile e della torbidità fuori parametro. Adesso basta, questa situazione è vergognosa: esigiamo chiarezza e una soluzione rapida al problema”. 

Barrafranca – Rapina con ostaggio, carabinieri arrestano uno degli autori.

All’alba di oggi, i militari della Stazione Carabinieri di Barrafranca, coadiuvati nella fase esecutiva dai colleghi della Stazione di Nesima (CT), hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Enna, traendo in arresto Coppola Giovanni, di anni 35 residente a Catania, venditore ambulante, incensurato, per rapina aggravata.

A seguito della rapina a mano armata, perpetrata a Barrafranca lo scorso 17 agosto presso l’Istituto di Credito “Monte dei Paschi di Siena”, durante la quale i due autori, introdottisi nella filiale, si facevano consegnare dal cassiere la somma in contanti di 2.500 euro con la minaccia di un taglierino, il GIP di Enna, Dott. Vittorio Giuseppe LA PLACA, concordando con la tesi  nvestigativa della Procura della Repubblica di Enna, emetteva Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere nei confronti della suddetta persona. In particolare, le indagini condotte dai militari della Stazione Carabinieri di Barrafranca, sotto la direzione del Sostituto Procuratore, Dott. Francesco LO GERFO, permettevano di individuare nella persona arrestata, uno
degli autori della rapina. Nell’immediatezza dell’evento delittuoso, è stato possibile ricostruire che, verso le ore 9.40 del 17 agosto scorso, i due soggetti – uno a volto scoperto, l’altro con volto travisato – irrompevano nel predetto istituto di credito,
dove si trovavano tre impiegati ed un anziano cliente.

L’uomo a volto scoperto, appena entrato, prendeva in ostaggio un operatore di cassa, puntandogli un taglierino alla gola e costringendo un secondo operatore ad aprire la porta per permettere l’ingresso del proprio complice che, rimasto a volto travisato, minacciava i presenti con una bottiglia di vetro. I due soggetti, quindi, si impossessavano della somma di 2500 euro e si dileguavano fuggendo a piedi. L’attività investigativa ha permesso di risalire all’identità del rapinatore a volto scoperto, riconosciuto per un serie di dettagli visivi emersi nel corso delle indagini.
Il Coppola Giovanni, pertanto, questa mattina è stato rintracciato presso la propria abitazione e, dopo le formalità di rito, tradotto presso la Casa Circondariale di Catania “Piazza Lanza”, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Sono in corso ulteriori attività investigative per risalire all’altro autore della rapina.

Regalbuto: pistola “sotto conserva” , i carabinieri denunciano un uomo

Nel corso della mattinata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Nicosia e Regalbuto, unitamente al personale
dello Squadrone Eliportato Cacciatori di “Sicilia”, nell’ambito di un servizio di rastrellamento delle aree rurali ricadenti nelle contrade “Colla” e “Scala” di Regalbuto, finalizzato alla prevenzione e repressione di reati in materia di armi, hanno rinvenuto una pistola semiautomatica marca Browning cal. 6,35 unitamente alle relative munizioni; in particolare, le suddette arma e
cartucce, rinvenute in un barattolo di vetro, posto all’interno di una cavità di un muro a secco, sono apparse in
buono stato di conservazione. I successivi accertamenti effettuati dai militari hanno consentito di risalire al proprietario del terreno e di denunciare in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Enna, per detenzione illegale di armi e munizioni, il 40enne S.L.S., già gravato da precedenti per analoghi reati.

Enna, inizia l’anno scolastico: controlli antidroga dei Carabinieri. Denunciati due giovani

Nella giornata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Enna, all’esito di un servizio straordinario di controllo del territorio svolto nel capoluogo di provincia, hanno denunciato in stato di libertà due minorenni rispettivamente di 16 e 17 anni, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo hashish.
Durante un controllo delle aree soggette al transito di studenti, nel perlustrare la zona antistante il terminal degli autobus “SAIS” di Enna, i militari si sono insospettiti per l’atteggiamento dei due giovani che, alla vista dei Carabinieri, si sono immediatamente dati alla fuga, tentando maldestramente di disfarsi della sostanza stupefacente che trasportavano con sé, gettandola a terra e nel cestino di un bar dove uno dei due avevano nel frattempo cercato rifugio. Il tempestivo intervento dei militari dell’Arma ha però consentito di fermare prontamente i due ragazzi che sono stati immediatamente sottoposti a perquisizione personale e sorpresi in possesso di altra sostanza stupefacente. In totale, all’esito del controllo, i Carabinieri hanno sequestrato 18,5 grammi di hashish, già suddivisa in dosi e pronta per la successiva eventuale vendita. I due studenti, dopo essere stati accompagnati in caserma per gli adempimenti del caso, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà e riaffidati infine alle rispettive famiglie.

 

Aidone – Il comitato cittadino al sindaco “Le bollette TARI 2018 sono da annullare”

Ad Aidone, in un incontro promosso dal comitato cittadino appositamente costituito, si è discusso della recente emissione di bollette relative alla Tari 2018. Nel corso del dibattito  sono stati analizzati gli errori riscontrati sia sul quadro economico del piano finanziario Aro, approvato con delibera di giunta comunale del 21 giungo scorso,  sia sulle bollette ricevute dai contribuenti. L’analisi di documenti contabili  ha messo in evidenza, secondo i promotori dell’incontro,  l’incongruità di alcuni calcoli e per tale motivo Il Comitato chiederà al Sindaco, alla Procura, alla Guardia di Finanza e alla Corte dei Conti, idi annullare gli atti deliberativi le bollette 2018.

Valguarnera – Il sindaco Francesca Draià:”nella nostra città parlano i fatti”

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Prosegue l’assalto alla diligenza.
Ormai è diventata una prassi e una insana abitudine affermare che il Sindaco perde pezzi e che il PD locale si è ridotto a briciole. E’ quasi un gioco del quale qualcuno non può più fare a meno.
L’impressione molto fondata è che qualcuno dedichi la propria esistenza a screditare e a godere sulle sventure degli altri nonostante la mediocrità e la pochezza sono le migliori doti che possiedono.
Parlano i fatti e, se non dovessero bastare, gli atti, i provvedimenti adottati dall’Amministrazione che forse è l’unica amministrazione nello scenario locale che a distanza di 3 anni ha 7 consiglieri che la sostengono.
In merito alle conclamate gesta delle consigliere D’Angelo e Pecora che seppur dotate di parola non sono state raggiunte dai giornalisti che, come da copione, improntano comunicati stampa sul sentito dire o su personali interpretazioni dei fatti senza confermare le notizie con i diretti interessati. Certamente saranno loro, eventualmente, a informare e motivare il loro voto favorevole alla richiesta di rinvio del Consiglio Comunale.

Inoltre non vedo nulla di così scandaloso nel votare favorevolmente ad un semplice rinvio, tranquilli perché hanno votato per un semplice rinvio così da dare loro la possibilità di incontrare una volta per tutte i revisori perché annoiate di sentire e vedere rinviare sistemsticamente, con questa scusa, i consigli comunali, hanno piuttosto dimostrato ancora una volta di essere persone libere come gli altri del gruppo, ad andarsene sono state le persone che evidentemente dovevano rendere conto a qualcuno come è stato da loro stessi più volte ribadito perché è più corretto che siano loro a spiegare le motivazioni delle proprie azioni. Di certo, però, hanno raggiunto il loro scopo.

Inoltre, vorrei tranquillizzare tutti, e soprattutto tutti i facinorosi che vivono solo per contrastare questa Amministrazione per puro principio e senza un vero disegno politico, sul fatto che questa Amministrazione non ha nessun problema anzi siamo sempre impegnati a lavorare per dare risposte alla nostra comunità.
Smentisco inoltre la falsa notizia circolata su di una presunta riunione che avrei avuto con i Consiglieri perché impegnata insieme alla Giunta a discutere insieme con il Presidente del Consiglio e alcuni soci dell’Associazione Pane di Comunione.
Questa Amministrazione continua a sorridere ogni qual volta, e ormai succede da anni, qualche consigliere accusa l’Amministrazione di non effettuare alcuna programmazione nonostante il corposo numero di atti e provvedimenti dicano il contrario, e il primo Comune che ha approvato il PEG e Piano degli obiettivi a inizio anno.

Per chi avesse la memoria corta o addirittura fosse smemorato ricorso che prima tutti gli atti di programmazione si approvavano a fine anno, come certificato dagli stessi provvedimenti, e volendo evitare di polemizzare ci fermiamo a questa considerazione perché la politica rappresentata da questa Amministrazione ha tanto altro da fare molto più importante del gossip, delle dicerie e delle fake news.
I cittadini avranno la possibilità di esprimere il proprio consenso nel 2020 e quindi qualcuno deve stare più tranquillo, ancora c’è tempo. Ritenta sarai più fortunato.
Noi intanto continuano a lavorare.
Infatti, anche a smentita sul presunto azzeramento della Giunta comunico che proprio ieri pomeriggio dopo la seduta di Consiglio Comunale abbiamo deliberato il Progetto di Efficientamento Energetico della Scuola A. Pavone, che si aggiunge ai numerosi bandi ai quali abbiamo partecipato e per alcuno ottenuto importanti risultati. Nessun Bando fattibile è tralasciato e così continueremo nel prossimo futuro.

Francesca Draià

Valguarnera – Deliberati due importanti atti per la cittadinanza

COMUNICATO STAMPA COMUNE DI VALGUARNERA

Settimana proficua per l’amministrazione Draia nella quale sono stati deliberati due atti importanti per la cittadinanza,
Il primo riguarda il  progetto per l’ampliamento del marciapiede in via Garibaldi. Questo consentirà a tutti i commercianti di avere il marciapiede innanzi la propria attività, ai disabili e alle mamme con passeggino di avere continuità del marciapiede da piazza Canale fino piazza della Repubblica. D’accordo con la soprintendenza si lascerà una corsia centrale di 3.20 ml per il passaggio dei veicoli.

Il secondo punto è relativo a all’approvazione di un progetto preliminare per  i lavori di riqualificazione energetica del plesso Don bosco che consentirà la riduzione di consumo di energia primaria. Progetto proposto dall’assessore ai Lavori Pubblici Ing Riccobene che rimarca l’attenzione di questa amministrazione per la riqualificazione degli edifici pubblici con tecnologie innovative in grado di garantire un risparmio non solo energetico ma anche economico. Il progetto è dell’arch. Di Vincenzo.

Il sindaco : “Diffuse notizie false. Ci difenderemo nelle sedi opportune”.

Informare una comunità su quel che accade nel territorio può sembrare una attività semplice ma non lo è assolutamente. Non basta saper scrivere o saper riprendere con il telefonino o con una telecamera un avvenimento, non basta neanche una registrazione al tribunale e un direttore responsabile per definirsi operatori della comunicazione. In realtà serve tanta esperienza per evitare tutta una serie di errori che rischiano di rendere, quello che per alcuni è solo un hobby, una raccolta di figuracce e soprattutto una frequentazione costante del tribunale di Enna per difendersi dalle denunce ricevute.

La testata a cui si riferisce il sindaco non è  Startnews che in 12 anni di attività non ha mai subito una querela (l’unica è stata ritirata) e ha dovuto pubblicare smentite ufficiali in soli due casi per errori causati da terzi.

LA REDAZIONE DI STARTNEWS

Piazza Armerina – Salvatore Cimino:” risolto il problema sulla Sp15″

COMUNICATO STAMPA 

Sembra che finalmente il problema relativo alla S..P. 15  di cui nelle scorse settimane si è tanto discusso,  sia arrivato a soluzione. Finalmente sono stati appaltati i lavori di messa in sicurezza di quel tratto di strada che da Piazza Armerina porta a Barrafranca, Mazzarino, Pietraperzia. Ricordo che qualche settimana fa inviai una nota a tutti i vertici locali, Provinciali e Regionali affinché si mettessero in atto tutte le necessarie attenzioni al fine di evitare il rischio di disagi per tanti cittadini che giornalmente percorrono questa strada. Il dott. Fernando Guarino che ringrazio per la celerità con la quale si è attivato, mi aveva chiamato  assicurandomi che in tempi brevi sarebbe stata indetta la gara d’appalto e così è stato. Tra l’altro la soddisfazione è doppia, perché ad aggiudicarsi la gara è una ditta di Piazza Armerina la Ital Scavi del giovane Mario Rizzo che ha già iniziato i lavori. Un’occasione importante per dimostrare che non sempre le istituzioni dormono. Ora mi auguro per il bene comune,  che tante altre strade di questa martoriata Provincia vengano messe in sicurezza. Tra l’altro l’assessorato regionale alle infrastrutture,  ha già comunicato che sono  stati stanziati 15 milioni di euro per la viabilità provinciale. Un’occasione in più per dare una risposta e rendere un servizio alla comunità. 

Salvatore Cimino
Capogruppo di “Diventerà Bellissima “.

Piazza Armerina – L’eredità della vecchia amministrazione.

Per cinque lunghi, dal 2013 fino al giugno del 2018, Piazza Armerina è stata ostaggio di un sistema che ha privilegiato l’attenzione alla politica, agli interessi di partito, alle beghe personali e a le lotte per la conquista e il mantenimento del potere. E’ un dato di fatto inconfutabile che risulta da documenti e da problemi oggi scoppiati in tutta la loro drammaticità come la scarsa igiene in alcuni quartieri.
Quando da queste pagine lanciavamo grida d’allarme sulla situazione solo pochi, e spesso in malafede, non si rendevano conto  del danno che stava facendo un certo modo di intendere il potere. L’arroganza e la superficialità contro cui ci siamo battuti, con tutte le nostre forze, subendo soprusi di ogni genere, ha comunque lasciato un segno e oggi si ci chiede come una città come Piazza Armerina possa trovasi a discutere di problemi di igiene quasi dimenticati  dalle nuove generazioni.

In realtà questa non è che la punta di un iceberg. Dietro ci sono tutta una serie di errori che  in cinque anni hanno rischiato di distruggere il tessuto economico della città a causa di una totale mancanza di programmazione e di un progetto generale di crescita. Basta leggere la relazione di inizio mandato del nuovo sindaco che fotografa la situazione economica-finanziaria nel momento in cui l’ha lasciata la vecchia amministrazione per rendersi conto di quanto scadente sia stato il lavoro svolto dalla precedente giunta. Per fortuna questi politici oggi sono a casa e speriamo ci restino per qualche decennio.

Oggi si spera che le cose cambino. La ricetta per far funzionare l’amministrazione di questa città è sempre la stessa: valorizzare il turismo, le attività produttive e investire in cultura. Così si crea ricchezza economica con tutto quel che ne consegue e si favorisce la crescita culturale che aiuta a  i cittadini a essere sempre più consapevoli.

Nicola Lo Iacono

Prevenzione. Al via il progetto di Attività Fisica Adattata per gli over 64

L’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna, diretta dal Commissario Straordinario Antonino Salina, coadiuvato dal Direttore Sanitario, dr. Emanuele Cassarà, e dal Direttore Amministrativo, dr. Maurizio Lanza, e il CONI Sicilia, il cui presidente è il dr. Angelo Sberna,  promuovono, per il triennio 2018/2020, il Progetto di Attività Fisica per Anziani (AFA), il programma di esercizio fisico rivolto ai cittadini di età superiore ai 64 anni, in condizioni di salute stabili.

Per l’ASP, si occuperanno del progetto l’ U.O. di Educazione e Promozione della Salute, dr.ssa Eleonora Caramanna e la Medicina Sportiva, dr.ssa Vincenza  Di Cataldo,  per il CONI Sicilia sarà parte attiva il CONI Point di Enna. Ormai da tempo l’Attività Fisica Adattata è stata riconosciuta fondamentale ed efficace per contrastare la perdita di autonomia nell’anziano e la riduzione della sedentarietà. L’AFA infatti, è un’attività ludico motoria non sanitaria svolta in piccoli gruppi con la guida di istruttori professionisti e con protocolli di esercizi che tengono conto delle diverse condizioni di salute dei fruitori e che rientrano nel campo della educazione alla salute e della promozione di stili di vita corretti.

ASP Enna e CONI si propongono come soggetti organizzatori ma auspicano la partecipazione al progetto dei Medici di Medicina Generale quali primi conoscitori dei bisogni dei loro pazienti, così come è gradito il coinvolgimento sul territorio di altri enti o soggetti (istituzionali, sociali e sportivi) che siano interessati ad avviare una collaborazione, tramite apposito protocollo d’intesa. Una tale ampia condivisione degli obiettivi e una molteplice partecipazione al progetto di più realtà Istituzionali e Associative garantiranno una diffusione capillare dell’attività sul territorio, per poter offrire agli utenti una sede per poter svolgere l’attività il più possibile vicina a casa.

Il medico di medicina generale o lo specialista forniranno le necessarie informazioni e daranno indicazioni sulla possibilità di partecipare a questi programmi. L’obiettivo della proposta è, dunque, la prevenzione delle disabilità secondarie e terziarie, alleggerendo così il lavoro del sistema sanitario. I progetti che saranno avviati nelle realtà provinciali non già interessate dagli interventi precedentemente promossi e portati a termine, saranno finanziati dall’ASP e avranno il supporto fondamentale della Medicina dello Sport del Dipartimento di Prevenzione e dell’U.O. di Educazione e Promozione alla Salute.
Per le realtà già interessate dal progetto, che vorranno continuare l’attività, il costo sarà interamente a carico dei partecipanti, comprensivo di una assicurazione personale contro eventuali infortuni.

Nel 2017 ed inizio 2018 i Comuni dell’Azienda Sanitaria che hanno attivato corsi AFA sono stati 6: Barrafranca, Troina, Pietraperzia, Piazza Armerina, Calascibetta e Villarosa, con considerevoli numeri di partecipanti. Presso le sedi di Nicosia, Agira, Leonforte, Valguarnera, Catenanuova ed Enna, già interessate in precedenza dal progetto, si è svolta attività continuativa.

INFO:

CONI Point Enna – Tel 0935/35195 – e.mail: enna@coni.it

Segreteria Progetto – Tel. 3281223351 – e.mail: progettoafaenna1@gmail.com

Consorzi di Bonifica: l’On. Luisa Lantieri: “pagati gli stipendi ai dipendenti”.

“Sono riuscita a far sbloccare gli emolumenti dovuti dalla Regione ai consorzi di bonifica i cui dipendenti non percepivano lo stipendio da 6 mesi”. A dichiararlo è l’on. Luisa Lantieri che prosegue: ” Ho preso a cuore la situazione dei lavoratori dei consorzi che hanno dimostrato un grande senso di responsabilità evitando di scendere in sciopero, una protesa legittima ma che avrebbe messo in grande difficoltà gli agricoltori siciliani soprattutto per quel che riguarda la distribuzione delle risorse idriche”. “Gli agricoltori peraltro – continua l’On. Lantieri – vivono in questi giorni una situazione molto delicata  visto che stanno ricevendo le cartelle iscritte a ruolo relative ai canoni irrigui, cartelle che nel 2017 ero riuscita a bloccare .”

Troina – Al via l’assegnazione dei lotti della zona artigianale “Libero Grassi”

 Riaperti i termini per l’assegnazione di alcuni lotti ricadenti nell’area artigianale “Libero Grassi”, da destinare a imprenditori, imprese, artigiani, consorzi e cooperative locali, che intendono investire sul territorio comunale.
Ad annunciarlo l’assessore alle attività produttive Giuseppe Schillaci, in vista della pubblicazione del secondo bando pubblico di concorso, dopo quello dell’aprile scorso, che prevede la concessione, in diritto di superficie, delle aree previste dal Piano Particolareggiato degli Insediamenti Produttivi e Artigianali (PIP) Comunale.
“In questo momento di crisi economica  – spiega l’assessore Schillaci – , è nostra priorità far ripartire un polo produttivo come quello dell’area artigianale, riaprendo nuovamente i termini per acquisire nuove richieste di concittadini interessati. Oggi l’area, grazie alla recente adozione del Piano Regolatore Regionale, può accogliere insediamenti produttivi di vario genere, non solo artigianali, per cui, assegnati i lotti, attueremo forme di sostegno a supporto degli imprenditori che vogliono investire in nuove attività o diversificare quelle già esistenti”.
Il bando, che prevede l’assegnazione di lotti di superficie compresa tra i 250 e i 750 metri quadrati, con le relative regole, modalità e istanze di partecipazione, sarà disponibile nei prossimi giorni sull’Albo Pretorio e sul sito istituzione dell’Ente www.comune.troina.en.it, dove sarà possibile scaricare la relativa modulistica.                   

Nato a Xibet, sul grande schermo la Sicilia che rischia di scomparire. Anteprima nazionale a Caltanissetta

Uno spaccato della Sicilia vera e genuina, il racconto di una comunità dell’entroterra dell’isola, Calascibetta, Xibet in arabo, che si spopola ogni giorno di più e che come tante realtà agricolo pastorali sta perdendo la sua identità, la sua memoria.Scorre su questi binari il Film Nato a Xibet, del regista palermitano Rosario Neri, che sarà presentato in anteprima nazionale venerdì 21 settembre alle 19 a Caltanissetta al cinema palazzo Moncada, con replica l’indomani alla stessa ora. Il film fissa momenti e scene di vita dei personaggi del paese nella realtà in gran parte già scomparsi e che continuano a perdersi, con l’obiettivo di conservarle sia pure in una pellicola. Un collage fatto con arte e maestria dal regista, che è anche autore del soggetto cinematografico.

 

Una storia che è piaciuta molto ad un produttore toscano, Maurizio Macelloni che, con la sua  Lorebefilmproducion, ha deciso di investire su una realtà del profondo Sud dando vita all’idea di Rosario Neri. “Abbiamo voluto portare sullo schermo – dice  Macelloni – un pezzo della Sicilia autentica e della vita di tutti i giorni che non è fatta solo di mafia”.

Il film, che parte dagli anni 80 sino ad arrivare ad oggi, narra la storia del piccolo Pietro La Paglia che da bambino va a scuola ed aiuta il padre a pascolare le pecore. Per lui sembra esserci un futuro già segnato. Ma Pietro ha talento dentro, studia la luce dei raggi solari che penetrano dalle fessure delle finestre delle stalle, disegna con gusto, è bravo a scuola. Il primo amore giovanile con la ragazza con la bicicletta e poi via al Nord a studiare, a rincorrere il sogno di una vita migliore. Diventa fotografo professionista, ma si sa la nostalgia della propria terra resta sempre incollata sulla pelle dei siciliani che emigrano. Un giorno torna in paese e davanti ai suoi occhi scorrono le immagini di quando era ragazzino, le fatiche, gli stenti, i luoghi, le botteghe artigiane, i pastori e i contadini, la vita semplice, ma piena di emozioni, col senso di comunità e di appartenenza.

Scorrono anche le immagini di Domenico Di Mauro, il grande maestro, scomparso nei giorni scorsi, che “pittava” i carri siciliani con immagini suggestive e piene di scene di vita. Quelle della “fuitana” e del matrimonio riparatore con la tipica festa nuziale in campagna. Le conversazioni dal barbiere dove si ascoltava anche la musica fatta apposta per queste sale. Le lezioni tra i banchi di scuola delle elementari, il sogno infranto di Pietro quando barda una bicicletta come fosse un carretto siciliano “però senza cavallo”. La invia ad un concorso al Nord, ma nel tragitto la bicicletta viene  irrimediabilmente danneggiata. Una delusione cocente, sconfinata.

E poi la voce di un uomo che fa un quadro piuttosto pessimistico dei siciliani che sono “bloccati, non hanno voglia di fare, di agire, sono in perenne oblio, inerti; il sonno è quello che vogliono”. “Stiamo perdendo la memoria di quello che siamo stati – dice Pietro – Siamo stati noi ad affossare il nostro paese andando via e stiamo regalando intelligenze e creatività ad altri”. Ma la vita a Xibet sta troppo stretta e nemmeno lui resiste alla tentazione di ripartire. E mentre guarda dal finestrino del treno i campi di grano che scorrono sotto i suoi occhi dice a se stesso: “Vado via, ma un giorno chissà, forse… L’eterno dilemma che lacera i siciliani che lasciano la propria terra.

Al Film, che dura un’ora e 40 minuti, hanno partecipato attori professionisti come Vittorio Vaccaro e Domenico Gennaro ed altre 180 persone, la gran parte del luogo. La colonna sonora è di Giuseppe Maurizio Piscopo. Nato a Xibet è stato presentato al ministero dei Beni culturali per il riconoscimento dell’italianità dell’opera. “Puntiamo – dice il produttore – ad una distribuzione della pellicola in Italia e all’estero per far conoscere l’anima vera di una Sicilia che rischia di essere cancellata”.

 

 

 

Per ulteriori informazioni: Il regista, Rosario Neri: 344/0435638. Il produttore, Maurizio Macelloni: 348/3312143. Comunicato stampa, Rino Canzoneri: 3465778995

In arrivo “Miss & Mister Telenicosia 2019 – Volti rappresentativi della provincia di Enna”.

L’Associazione Culturale TeleNicosia, con sede in Nicosia (En), Via Umberto I n. 45, P. Iva/Cod. Fisc.: 91049750861 e l’omonima Testata Giornalistica on line TeleNicosia.it, iscritta al R.O.C. al N. 23022  e al Tribunale di Nicosia al N. 2/13,  bandiscono per l’anno “dicembre 2018 – dicembre 2019” il concorso di bellezza denominato “MISS & MISTER TELENICOSIA 2019 – Volti rappresentativi della provincia di Enna”.

La finalità del concorso è quella di individuare il volto maschile e il volto femminile più rappresentativo del territorio della ex provincia di Enna, tenendo conto oltre che dell’aspetto fisico, anche delle conoscenze in campo musicale e cinematografico, del portamento e delle capacità di porsi al pubblico.

Le iscrizioni saranno raccolte solamente sino all’ultimo giorno di ottobre 2018. Nel mese di novembre le foto dei partecipanti verranno votate on line, sul sito della testata TeleNicosia (www.telenicosia.it). I primi cinque ragazzi e le prime cinque ragazze più votati/e on line parteciperanno alla serata inserita nel calendario natalizio del Comune di Nicosia. Durante tale serata ci saranno tre selezioni, che vaglieranno la conoscenza nel mondo del cinema e della musica, il portamento e la capacità di porsi al pubblico.

In palio, oltre a fascia e corona, un premio offerto dalla gioielleria Orospin di Salvo Spinelli.

Per partecipare, scaricare la domanda di iscrizione visitando il sito www.telenicosia.it e scegliendo la voce di menù TeleNicosia/Concorsi/MISS & MISTER TELENICOSIA/Domanda d’iscrizione;  poi spedirla, compilata in ogni sua parte e sottoscritta, entro il 31 ottobre 2018 a :

TeleNicosia

“Concorso di bellezza Miss & Mister TeleNicosia 2019”

Via Umberto 45, 94014

Nicosia (EN).

allegando tutti i documenti richiesti dal Bando del concorso.

E’ possibile consegnare la domanda e i documenti allegati personalmente, a mano, su appuntamento da richiedere all’email direzione@telenicosia.it

Per visualizzare e scaricare il regolamento generale/bando del concorso clicca su —> Bando del concorso

Per visualizzare e scaricare la domanda d’iscrizione clicca su —> Domanda d’iscrizione

Per visualizzare e scaricare il modello di autocertificazione dei requisiti clicca su —> Autocertificazione di requisiti

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/MissMisterTeleNicosia

Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1955015291462694/

ASP Enna: la visita di Papa Francesco importante banco di prova per la gestione delle emergenze

La visita di Papa Francesco a Piazza Armerina, lo scorso sabato 15 settembre, è stata l’occasione  per verificare l’organizzazione dei soccorsi sia in ambito extra che intra-ospedaliero. L’importanza dell’evento prevedeva, infatti, un massiccio afflusso di fedeli che avrebbe potuto mettere in crisi il sistema Urgenza/Emergenza sia in ambito territoriale che ospedaliero.

Il Servizio 6° dell’Assessorato alla Salute della Regione Siciliana, la Centrale Operativa del 118 di Caltanissetta, e l’ASP Enna hanno redatto per l’occasione un Piano di Emergenza Sanitaria per l’evento, disponendo una fitta rete di soccorsi con l’utilizzo sul territorio di Posti Medici Avanzati e ambulanze con rianimatori, medici emergenza territoriali, infermieri del 118 e 19 ambulanze delle associazioni di volontariato (CRI, Misericordie, Pubbliche Assistenza, Giubbe d’Italia, etc) tutte coordinate sapientemente dal responsabile provinciale 118/EN, dott. De Rose, dal responsabile del 118 di Agrigento, Caltanissetta ed Enna, dott. Misuraca e dal suo staff.

 

La Direzione dell’ASP di Enna, la dott.ssa Rosalia Lo Gerfo, responsabile direzione medica del Rresidio Umberto I, il dott. Renato Valenti, capo Dipartimento Emergenza, e il dott. Di Fabrizio, Hospital Disaster Manager, hanno attivato lo stato di allerta del PEIMAF (Piano Emergenza Improvviso Massiccio Afflusso Feriti) aziendale per gli Ospedali di Piazza Armerina ed Enna, predisponendo un “percorso dedicato” per eventuali situazioni di criticità legate all’evento. Predisposta la collaborazione del personale dell’area di emergenza e dei servizi dei due nosocomi; sono state coinvolte l’U.O. Farmacia dell’Umberto I di Enna che ha garantito presidi sanitari e farmaci per allestimento dei posti e dei mezzi di soccorso, il Servizio Tecnico e Servizio Mensa per far fronte ad eventuali possibili criticità, il Dipartimento Materno/Infantile e il Dipartimento Salute Mentale.

 

L’intero staff aziendale ha ricevuto i complimenti e l’approvazione del piano di emergenza da parte dell’equipe medica afferente alla Direzione di Sanità ed Igiene del Vaticano per l’organizzazione sanitaria messa in campo in occasione della visita del Santo Padre.

La Federazione Regionale Movimento Noi Liberi: annullate il decreto regionale sull’assegno di cura

La Federazione Regionale  Movimento Noi Liberi – che raggruppa numerose  associazioni Siciliane  di persone disabili – comunica la propria intenzione di impugnare, per chiederne l’annullamento, nelle competenti sedi giudiziarie, il Decreto del Presidente della Regione Siciliana n. 589/2018 che ridetermina la misura e i criteri per l’erogazione  del c.d. assegno di cura in favore delle persone  disabili gravissimi,  nonché le modalità e i criteri di erogazione di interventi finanziari con procedure complesse e di rilievo per l’intero territorio regionale per le persone disabili.

A tale scopo la Federazione in persona del presidente Angela Zicari (presidente, altresì,  dell’associazione Amici di Agrigento presidente della Federazione  Movimento Noi Liberi) ha incaricato gli avvocati Liliana Vella e  Alessandro Rampello del foro di Agrigento al fine di far valere i molteplici profili che,  illegittimamente, pregiudicano i diritti delle persone disabili gravissimi e gravi attraverso modifiche peggiorative rispetto al precedente quadro normativo.

Piazza Armerina – Continuano le adozioni di monumenti e spazi pubblici da parte di privati e aziende

COMUNICATO COMUNE DI PIAZZA ARMERINA – ASSESSORATO TURISMO

Continuano le adozioni di monumenti e beni pubblici della città ad opera di privati . L’assessore Gallo ha più volte sottolineato che questi gesti sono doverosi per il bene di tutta la città e si auspica che possano aumentare notevolmente. Questa è la strada da percorrere. L assessore Gallo ha organizzato per stamattina la pulizia della villa Garibaldi i cui vasi di ingresso sono stati adottati dalla agenzia immobiliare Giampi che si occuperà di piantare delle nuove piante e di occuparsi della manutenzione degli stessi. Sempre nella giornata di oggi L assessore si è occupato di coordinare la pulizia di
Villa Ciancio con la preziosa collaborazione dei ragazzi dello Sprar e sempre nella stessa giornata sono iniziati i lavori di rifacimento della aiuola adiacente il castello Aragonese adottata dallo show girl Marina Graziani che ha manifestato il desiderio di allestire una aiuola di Piante grasse ed una area cani. I lavorai verranno terminati in una settimana.
Un contributo prezioso è arrivato stamani anche da Marco Incalcaterra presidente del Consiglio comunale che ha deciso di adottare a propria cura e spese i vasi posizionati all ingresso della via Roma subito dopo Villa Ciancio nei quali verranno piantati nuovi piccoli arbusti.Un ringraziamento inoltre agli assessori Renzo Amore ed Ettore Messina per la collaborazione.

Ass. Turismo

Troina – Convocazione del consiglio comunale

Il presidente del consiglio comunale Gaetano Monastra ha convocato per venerdì, 21 settembre prossimo, alle ore 19.00, nell’aula consiliare “Professor Silvestro Graziano” del palazzo comunale, la prossima seduta del consesso civico.
Sette i punti di trattazione all’ordine del giorno: lettura e approvazione verbali delle sedute precedenti; approvazione del bilancio consuntivo 2017 dell’Azienda Speciale Silvo Pastorale; elezione commissione elettorale comunale; iscrizione del Comune all’Anagrafe Nazionale Antifascista istituita dal Comune di Stazzema; approvazione del regolamento comunale per l’assegnazione del “Reddito di dignità” a favore dei cittadini in situazioni di disagio sociale; modifiche al regolamento comunale per la concessione di contributi per le ristrutturazioni edilizie degli immobili siti nel centro storico; recesso dall’Associazione “Borghi Autentici d’Italia”.  

Chiello, farmaci salvavita – Mancata consegna: interrogazione all’ARS dell’On. Luisa Lantieri.

Lorenzo Naso, molto conosciuto in città per il lavoro svolto per i disabili, nei giorni scorsi  ha dovuto confrontarsi, in base a quanto da lui stesso  raccontato alla stampa, con quello che solitamente viene definito un caso di malasanità. La vicenda è relativa alla richiesta alla farmacia dell’ospedale Chiello di un farmaco salvavita,  indispensabile alla sopravvivenza della moglie cardiopatica, richiesto per diversi giorni e che il personale dell’ospedale si sarebbe rifiutato di consegnare per un la mancanza di una firma su un documento da parte del farmacista titolare, assente in quei giorni. Nonostante ripetuti tentativi e dopo diversi rinvii alla fine è dovuta intervenire la polizia a cui Naso si è rivolto spiegando l’accaduto e affermando, in maniera provocatoria,  di essere intenzionato a rubare il farmaco in caso di un ennesimo rinvio.

Fin qui la vicenda che sicuramente avrà degli strascichi visto che  è finita sul tavolo dell’assessorato regionale alla sanità e ha suscitato l’interesse anche dell’on. Luisa Lantieri che ha presentato una interrogazione. E’ anche prevista, da notizie provenienti da Palemo,  un’audizione in commissione sanità  dei responsabili del servizio.

“L’infermiere – dichiara l’On. Luisa Lantieri  – non è sollevato dall’obbligo  di conoscere i farmaci che deve preparare e somministrare. Inoltre bisogna tenere conto che, in base al decreto legislativo di recepimento della direttiva 2013/55/UE sul riconoscimento delle qualifiche professionali e che definisce le competenze degli infermieri,  pare chiaro che rientra tra le azioni sanitarie del personale anche quella di avviare autonomamente misure immediate per il mantenimento in vita del paziente”

“Nella stessa direzione vanno le indicazioni fornite  – continua l’On. Luisa Lantieri – dalla Società Italiana di Medicina diEmergenza/Urgenza (SIMEU) e dall’Italian Resuscitation Council (IRC). Infine vi è il codice penale (art. 54) che afferma la non punibilità per chi interviene in caso di grave pericolo per la persona”.

“Una situazione incresciosa, se dovessero essere confermati i fatti raccontati da Lorenzo Naso,  quella venutasi a creare al Chiello.   Mi auguro – conclude l’on. Luisa Lantieri – per il bene della sanità pubblica e dello stesso ospedale che venga subito fatta massima chiarezza”

(Nella foto: L’On. Luisa Lantieri e Lorenzo Naso)

L’INTERROGAZIONE ALL’ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA PRESENTATA DALL’ON. LUISA LANTIERI

interrogazione_LL18

 

Enna: il 22 Convegno su “Conoscere le demenze per ridurre il disagio psicofisico della persona”

Sabato 22 settembre 2018 dalle 9 alle 18, in occasione della Giornata Mondiale Alzheimer, presso la Sala Congressi “Armando Mingrino” del P.O. Umberto I di Enna in contrada Ferrante, si svolgerà il Convegno Scientifico dal titolo “Conoscere le demenze per ridurre il disagio psicofisico della persona” promosso dalla S.C.S. Global Service.
Il Dr. Tommaso Careri, ( nella foto) Presidente del Comitato Consultivo dell’Asp 4 di Enna e Responsabile Scientifico dell’evento dichiara “Le prospettive di vita sono cresciute portando la tendenza all’invecchiamento della popolazione e di conseguenza anche un incremento delle malattie età correlate. Spesso i sintomi di tali problematiche vengono sottovalutati o non attenzioni nel giusto modo e questo chiaramente impedisce di avviare terapie in grado di curare o ritardare la progressione delle malattie. La giornata sarà un momento formativo e di confronto che intende promuovere le ricerche e le esperienze nel territorio siciliano non solo relativamente alle problematiche in età geriatrica ma sulla qualità di vita in generale.Un ringraziamento va ai partner Federfarma Enna e A.S.P. Enna per il sostegno e la collaborazione offerta. “.
Il Dr. Careri attraverso l’Ambulatorio di Neuropsicologia Global Service e il Centro Ascolto Alzheimer mira ad offrire supporto, servizi, informazioni e risposte alle molteplici richieste e bisogni dei cittadini sui diversi settori della sanità e grazie alla Campagna di Prevenzione sul decadimento cognitivo, giunta alla sua quarta edizione, sta promuovendo una nuova cultura del benessere nel nostro territorio.
Il convegno è gratuito. Per info e iscrizioni contattare la segreteria organizzativa, Ufficio Formazione, A.S.P. di Enna.

Piazza Amerina – Arrestato l’autore di un tentato furto in un appartamento

Nella tarda serata di ieri, i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina, nel corso di un predisposto servizio finalizzato ad arginare il fenomeno dei furti in abitazione, traevano in arresto Brighina Giovanni di anni 44, residente a Mirabella Imbaccari, pregiudicato.

In particolare, l’uomo veniva sorpreso dai militari mentre, dopo aver rotto il vetro di una finestra e forzato la serranda con una spranga in ferro di 90 cm, stava cercando di introdursi all’interno di un’abitazione sita a Piazza Armerina in C.da Gatta, approfittando dell’assenza dei proprietari.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto a Mirabella Imbaccari presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa di giudizio con rito direttissimo che si terrà nella giornata di domani.

Valguarnera – Il sindaco Draià di ritorno da Kusel (Germania): tre giorni proficui e ricchi di emozioni

Il sindaco, Francesca Draià, è ritornata la scorsa settimana da Kusel una cittadina del sud della Germania con cui Valguarnera ha concluso un accordo di gemellaggio.

” Sono stati  tre giorni proficui e ricchi di emozioni di quelle che ti lasciano il segno – dichiara Francesca Draià –  quel segno che si traduce in un insegnamento di vita. In Germania è’ stato concretizzato il primo gemellaggio nella storia di Valguarnera e inoltre  ho voluto accompagnare i nostri produttori agricoli alla fiera che si tiene ogni anno a settembre in questa cittadina e che vede la partecipazione di diversi paesi europei. Promuovere il nostro territorio era uno dei punti in programma e oggi posso afferma che anche questo obiettivo è stato raggiunto”.

“La promozione del territorio è un tema importante su cui la la politica deve porre attenzione, – continua il sindaco –  bisogna fare il bene della collettività sostenendola a 360 senza se e ma. Ho conosciuto una donna, Sindaco come me, che giornalmente si impegna per la sua comunità. Ho ascoltato, meditato, riflettuto su tutto quello che ho vissuto, visto, sentito e incontrato nei 3 giorni che abbiamo dedicato a questo evento e sono convinta di aver acquisito informazioni importanti per la gestione futura della mia comunità”

“Orgogliosa di aver dato il mio contributo a questo progetto così importante per la nostra comunità. Ringrazio tutti, il Sindaco di Kusel e la sua squadra di governo, l’amico Pippo Di Fede, il Presidente dell’associazione Sicily Food Vincenzo Serravalle i produttori Arena e il loro Rappresentante in fiera Michrlangelo Di Fede, Filippo Litteri, Gianluigi e Carmelo di Valsapori e Lorenzo Scarlata. Ringrazio sempre tutti i consiglieri comunali che sostengono l’amministrazione in queste attività importanti che alla base hanno l’obiettivo di promuovere il nostro territorio.

“Un grazie particolare voglio rivolgerlo alla’associazione Sicily Food con cui abbiamo strettamente collaborato alla riuscita dell’evento. E’ la collaborazione con l e associazioni locali a favorire sempre risultati positivi”

“Questo è solo l’inizio di un grande percorso di scambio interculturale – conclude Francesca Draià.  Con un pizzico di orgoglio, soddisfazione personale non posso che accogliere questo risultato positivo, l’ennesimo di questa giovane e fresca amministrazione. In merito all’oggetto predominante del nostro viaggio a Kusel sono sempre più convinta che il cibo è condivisione, contaminazione e incontro tra popoli”

Piazza Armerina – Conferenza stampa nella Sala delle Luci: l’amministrazione fa un bilancio dell’estate piazzese

La conferenza stampa svoltasi ieri nella Sala delle Luci del municipio di Piazza Armerina ha toccato diversi punti relativi alla manifestazione “Piazza D’Estate” e alla visita di Papa Francesco. Per comodità abbiamo diviso gli interventi per argomento.


“Piazza D’Estate” – Spese e impegni futuri. 

Abbiamo chiesto al sindaco dove sono state reperiti i fondi per  organizzare circa 60 eventi contro i 14 organizzati lo scorso anno. Inoltre vengono anche chiariti i progetti futuri.


La visita di Papa Francesco – L’organizzazione

Era la prima volta che Piazza Armerina si confrontava con l’organizzazione tanto complesso. Nell’audio il bilancio fatto dal sindaco Nino Cammarata


Visita del Papa – Perdite economiche per alcuni imprenditori. 

L’errore di valutazione da parte di qualcuno e alcuni tentativi di speculazione…


La cattedrale chiusa  

La cattedrale,  gestita da Padre Bognanni, è rimasta chiusa anche durante la veglia dei giovani organizzata dalla stessa curia.


L’aggressione del ragazzo Gambiano alla villa Garibaldi

L’aggressione pone ancora una volta il problema del razzismo che si sta diffondendo anche nella nostra città.


Il sindaco Cammarata sull’aggressione alla villa Garibaldi : “condanno quest’atto di violenza. Necessario bonificare l’area”

Il sindaco Nino Cammarata si unisce al coro di condanna che ha suscitato l’aggressione del ragazzo ganese alla villa Garibaldi.

“Non posso che condannare l’atto di violenza che è accaduto a Piazza Armerina a poche ore dalla visita del Pontefice  afferma il SIndaco – anche se per poter esprimere un giudizio completo sull’episodio preferisco attendere che le forze dell’ordine facciano piena chiarezza sulle cause dell’aggressione. In ogni caso è chiaro che all’interno della villa Garibaldi vi è un problema di sicurezza ed che si tratta di uno spazio pubblico che bisogna bonificare e ridare alla piena godibilità dei cittadini. Un problema che presto spero di affrontare con i rappresentanti delle forze dell’ordine locali e che si trova tra le priorità di questa amministrazione”.

 

 

L’aggressione al ragazzo ganese a Piazza Armerina. Dichiarazione dell’On Luisa Lantieri

DICHIARAZIONE DELL’ON. LUISA LANTIERI

Quello che è accaduto a poche ore dalla visita di Papa Francesco a Piazza Amerina, l’aggressione brutale nei confronti di un ragazzo ganese di 22 anni, mi ha profondamente scossa. Come madre non ho potuto fare a meno di di avvertire un senso di angoscia e di pena per un ragazzo selvaggiamente picchiato, solo in un paese straniero e privo dell’affetto  dei propri cari. Qualunque forma di violenza va condannata ma la condanna deve essere ancora più forte soprattutto quando si abbatte su persone che si trovano a vivere, non per propria scelta, situazioni di disagio.
Conoscendo la mia comunità credo di potere esprimere a nome di molte donne e mamme solidarietà al ragazzo ganese colpito da un gesto tanto stupido quanto inqualificabile e violento. Mi auguro che la giustizia faccia il proprio corso e sia in grado di rintracciare i colpevoli che sicuramente hanno agito anche a causa un certo clima politico che qualcuno sta diffondendo in maniera irresponsabile.

Simone Patrinicola: “la vittoria a Imola figlia di un grande lavoro di squadra”

Una vittoria figlia del gioco di squadra. E’ così che si può commentare la prestigiosa vittoria ottenuta sabato 15 settembre in uno dei “templi” del Motorsport come il Circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola, dall’Autosport Sorrento del Patron Tonino Esposito nella quarta prova del Campionato nazionale di Durata organizzato dal Gruppo Peroni. In pratica della serie Davide ha battuto Golia visto che il piccolo team campano ha messo in riga organizzazioni di gran lunga più esperte e con Budget più “robusti”. Ma invece in questo 2018 gara dopo gara a partire dal ritiro sfortunato di Mugello, al secondo posto di Misano al quarto di Monza il team Autosport Sorrento lavorando sodo è riuscito a portare la sua vettura, la Ligier JS 53 ai massimi livelli. Ma è chiaro se la tecnologia e l’organizzazione sono state importanti, un ruolo determinante lo giocano sempre chi sale sulle vetture vale a dire i piloti. Ed in questo l’ennese Simone Patrinicola, si sta confermando una certezza nel mondo del Motorsport ed in particolare nel settore delle gare di durata anche se lo stesso però vuole fare sempre ribadire che quella di Imola è stata una vittoria di tutti.

“A partire dal mio collega ed amico pilota Michele Esposito – commenta – perchè sulla vettura gareggiamo in due e quindi è una vittoria che da un punto di vista delle nostre competenze ce la dividiamo. Ma la verità che questa è una vittoria figlia del lavoro e della programmazione. Due settimane fa siamo venuti a Imola per effettuare dei test che come ho già detto altre volte si sono rivelati molto preziosi per le informazioni che ci sono arrivate sia in funzione di questa gara, visto che si correva sempre a Imola, che per il prosieguo della stagione. Siamo in crescita e per certi versi iniziamo già a pensare alla prossima stagione. Il nostro progetto è e medio lungo termine”. Anche se quest’anno dovrebbe esserci sempre l’esordio internazionale. “Si stiamo lavorando per effettuare un test all’estero – continua – ma non c’è fretta – quando si creeranno le condizioni giuste eventualmente lo faremo”.

E Simone a Imola ha anche avuto alcuni “tifosi” ennesi del tutto particolari come Carlo Assennato Direttore di Gara Internazionale che da tempo si è trasferito a Imola per motivi famigliari e il Presidente dell’Ente Autodromo di Pergusa Mario Sgro, che si è anche soffermato con il patron della Peroni Race Sergio Peroni su eventuali progetto che vedano questo gruppo impegnarsi su Pergusa. Ma non è detto però che a brevissimo si possa vedere sfrecciare sull’asfalto di Pergusa la Ligier JS 53 dell’Autosport Sorrento e con al volante Simone Patrinicola per effettuare dei test ma anche per condividere con tutti gli sportivi ennesi questa tanto importante quanto storica vittoria.

Gli “Amici di Padre Pio” hanno accolto i pellegrini

COMUNICATO STAMPA

Anche noi dal complesso monumentale dedicato a Padre Pio, ubicato all’ingresso nord della città, a modo nostro per un servizio sociale e spirituale, abbiamo accolto i pellegrini, i devoti, i turisti, con “Pace e Bene” il saluto di San Francesco. Un flusso di presenze inaspettate nei dintorni della struttura monumentale per una sosta in preghiera, una foto di gruppo, rifocillarsi con cibi e bevande e farsi prendere dalla  curiosità, prima di prendere il pullman, per una visita alla cripta dedicata a Giovanni Paolo II.

Paolo Orlando
Coordinatore    di  “Amici di Padre Pio”

 

 

 

 

L’aggressione del giovane ganese alla Villa Garibaldi colpa di chi diffonde il razzismo per motivi politici.

L’aggressione a Piazza Armerina del 23enne di origini gambiane alla villa comunale Garibaldi non è un caso ed è il risultato  di una mentalità razzista che si sta diffondendo in tutta Italia grazie anche all’atteggiamento irresponsabile di alcuni politici nazionali.  E’ facile sentire, nei discorsi da bar o in quelli da Facebook,  la frase “… non sono razzista ma…” ed è proprio dietro quel “ma” che si nasconde l’animo razzista di molti che vedono nella diversità della pelle una fattore discriminante e che sta giorno dopo giorno diffondendosi  come un cancro.

Mentre da una parte Salvini parla di una invasione che non esiste e si si coltivano leggende metropolitana, come quella che gli immigrati leverebbero posto ai lavoratori italiani, in realtà sono pochi a capire che l’animare sentimenti razzisti è solo un metodo per fare campagna elettorale,  raccogliere consensi e accumulare potere.

Dal punto di vista religioso non credo che chi è razzista possa definirsi cattolico e cristiano. Permettetemi di esprimere un leggero disappunto sul discorso di Papa Francesco che non ha toccato questo argomento nel suo intervento a Piazza Armerina  condannando esplicitamente il populismo ed il razzismo così come ha fatto a Palermo.

Infine vi è la questione economica. Siamo una nazione ricca e i nostri poveri non sono poi in numero così elevato. Basta guardarsi attorno per comprendere che la gente ha soldi da spendere. In una cittadina come Piazza Armerina banche, supermercati, luoghi di divertimento, ristoranti, sono sempre ben frequentati: segno che esiste un’economia vivace  che può ben permettersi di aiutare alcuni amici africani oltre che i propri poveri.

Speriamo che le forze dell’ordine individuino gli aggressori del 23enne avvenuta alla villa Garibaldi e che il giudice li punisca in maniera esemplare non con la detenzione ma mandandoli per un anno a fare servizio civile in una comunità di accoglienza. Sono convinto che la conoscenza di ciò che considerano diverso e pericoloso smonterebbe ogni pregiudizio e risveglierebbe la loro coscienza.

(foto tratta dal servizio realizzato dal TG3 – RAI)

Il sindaco di Enna: Movimento 5 Stelle e Lega contro le aree più deboli delle nostre città

“Con il voto di fiducia di oggi, le forze di maggioranza hanno confermato il taglio dei fondi del cosiddetto Piano Periferie che, come è noto, significa per la nostra città, la rinuncia ad un finanziamento che avrebbe cambiato il volto del centro di Enna Bassa. Purtroppo, quindi, nonostante la meritoria attività messa in campo dal Sen. Fabrizio Trentacoste, quanto da noi denunciato all’indomani del voto del Senato si è puntualmente verificato, con le forze di governo, Lega e Movimento cinque stelle, che si sono mostrate sorde a ogni richiamo alla ragionevolezza, confermando con il loro voto quanto deciso dal Senato lo scorso mese di agosto.

Ma la battaglia per riavere il maltolto non si fermerà certamente qui. In attesa che gli impegni assunti dal Presidente Conte circa la garanzia di copertura almeno per i progetti già conclusi diventino realtà, assieme ai colleghi dell’ANCI continueremo a batterci nell’interesse delle aree più deboli delle nostre città. Per quanto mi riguarda, poi, sono pronto a valutare sin da subito l’opportunità di agire anche sul piano legale, tenendo conto dei possibili danni economici derivanti da tale decisione”.

Calendario Polizia di Stato 2019

L’attività della Polizia di Stato illustrata attraverso i disegni di dodici famosi fumettisti. Queste saranno le tavole che rappresenteranno i mesi del 2019 nel nuovo calendario della Polizia di Stato.

Dal 2001 il ricavato della vendita del calendario della Polizia di Stato è destinato a finanziare alcuni appelli umanitari dell’ UNICEF; solo lo scorso anno la vendita dei calendari della Polizia di Stato ha permesso di devolvere 117.000 euro al progetto UNICEF “Italia – Emergenza bambini migranti”.

Quest’anno il ricavato della vendita sarà destinato al sostegno del progetto “Yemen”, teatro di una delle più gravi crisi umanitarie del mondo, oltre 22.2 milioni di persone necessitano di assistenza immediata. L’UNICEF si prefigge di raggiungere, con i propri interventi, 17.3 milioni di persone, tra cui 9.9 milioni di bambini attraverso azioni che garantiscono l’accesso sicuro all’acqua, la prevenzione e la cura delle malattie killer più frequenti e il supporto psicosociale ai bambini e adolescenti attraverso percorsi di educazione.

Anche quest’anno una quota del ricavato delle vendite del calendario sarà devoluto dal Comitato italiano per l’Unicef al Fondo Assistenza per il personale della Polizia di Stato.

E’ possibile prenotare il calendario da parete (costo 8 euro) e il calendario da tavolo (costo 6 euro) entro il 24 settembre p.v., previo versamento sul conto corrente postale nr. 745000, intestato a “Comitato Italiano per l’Unicef”. Sul bollettino dovrà essere indicata la causale “Calendario della Polizia di Stato 2019 per il progetto Unicef Yemen”.

La ricevuta del versamento sarà poi presentata agli Uffici Relazioni con il Pubblico di tutte le Questure d’Italia che forniranno dettagli sulla consegna.

Polizia di Stato : Al via la campagna TISPOL “EDWARD” per la sicurezza stradale

Al via la campagna congiunta di sicurezza stradale “EDWARD” (A European Day Without a Road Death) promossa dal Network Europeo delle Polizie Stradali “TISPOL”. L’iniziativa, svolta con il supporto della Commissione Europea, si inserisce nel quadro della settimana europea della mobilità (17-23 settembre 2018), con lo scopo di ottenere, a livello europeo, una giornata, quella del 19 settembre 2018, a zero vittime sulle strade. Ulteriori e collaterali scopi dell’iniziativa in questione sono quelli di:

  • Aumentare la consapevolezza sociale del fenomeno della mortalità ed incidentalità grave sulle strade europee, oggi più che mai in aumento;
  • Richiamare l’attenzione degli utenti della strada sulla necessità di riallinearsi agli obiettivi europei relativi alla riduzione del 50% del numero di vittime sulle strade entro il 2020;
  • Dimostrare che, con un ampio sostegno da parte della collettività, si può essere in grado di ridurre il numero di vittime e feriti gravi sulle strade europee.

In occasione di tale operazione la Polizia Stradale predisporrà sull’intero territorio nazionale mirati servizi volti alla riduzione delle principali cause di incidentalità, individuabili nella elevata velocità, nel mancato utilizzo dei dispositivi di sicurezza, dei sistemi di ritenuta per bambini e del casco protettivo e nell’uso di telefoni cellulari alla guida (principale fonte di distrazione).

L’iniziativa si accompagnerà allo svolgimento in parallelo di iniziative di prevenzione e sensibilizzazione rivolte alla collettività.

La campagna è compiutamente illustrata alla pagina web: https://projectedward.eu/.

Tutti coloro che vorranno sostenere la campagna sono invitati a visitare la predetta pagina web ed a fare click sul tasto “pledge” (trad. impegno), tramite il quale, ciascun utente della strada, inserendo la propria email ed il proprio nome, sottoscriverà formale impegno a rispettare le regole del codice della strada nell’ottica della riduzione dell’incidentalità su tutte le strade europee.

TISPOL è una rete di cooperazione tra le Polizia Stradali, nata nel 1996 sotto l’egida dell’Unione Europea. Nell’ambito di tale network europeo, l’Italia ha acquisito presidenza a far data dal 1° ottobre 2016.

L’Organizzazione intende sviluppare una cooperazione operativa tra le Polizia Stradali europee per ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali, in adesione al Piano d’Azione Europeo 2011-2020, attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne “tematiche” in tutta Europa all’interno di specifiche aree strategiche.

L’obiettivo è quello di elevare gli standards di sicurezza stradale, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte i cui risultati vengono poi monitorati dal Gruppo Operativo TISPOL.

Centuripe: arrestato un uomo per coltivazione e produzione di marijuana

COMUNICATO STAMPA POLIZIA DI STATO

La Polizia di Stato ha tratto in arresto: ZAFFORA Antonio (cl. 1981),ritenuto responsabile, dei reati di coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana nonché detenzione illegale di arma da fuoco.

Personale della Squadra Mobile di Catania  e del Commissariato di P.S. di Adrano, nell’ambito di attività info-investigativa concernente la crescente diffusione di piantagioni di cannabis, apprendeva che in contrada Cugno di Carcaci, agro di Centuripe (EN), in un appezzamento di terreno, era stata impiantata una coltivazione illegale di marijuana.

Alla luce di quanto appreso, il predetto personale, dopo avere esperito preliminari accertamenti, ha avviato una certosina attività di p.g. che consentiva di individuare il terreno ove insisteva la piantagione.

Nel pomeriggio di ieri, gli uomini della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. di Adrano,  ad esito di un servizio di osservazione, dopo aver notato un individuo intento ad irrigare, effettuavano una perquisizione all’interno dell’area che consentiva, con la collaborazione di personale della Squadra Mobile di Enna, di rinvenire e sequestrare n. 2545 piante di cannabis indica.

Estesa la perquisizione all’interno di un casolare di pertinenza del terreno, venivano rinvenuti  e sequestrati sostanza stupefacente del tipo marijuana già essiccata per un peso complessivo di gr. 170 circa, nonché un revolver e munizioni di vario calibro.

Espletate le formalità di rito, il predetto è stato associato presso la casa circondariale di Enna a disposizione dell’A.G.

 

Nota della redazione sui comunicati stampa –  La redazione di StartNews quando pubblica integralmente i comunicati stampa è a disposizione di chiunque volesse replicare se interessato in maniera diretta dalla vicenda trattata. 

Piazza Armerina – Ritirato dal comandante Paolo Gabrieli il divieto di ingresso in città da parte dei non residenti

COMUNICAZIONE DA PARTE DEL COMANDO DELLA POLIZIA LOCALE

In relazione al divieto di ingresso a partire dalle ore 14:00 di domani venerdì 14 settembre il comandante della polizia locale Paolo Gabrieli precisa che: “questa mattina  c’è stato un problema nella comunicazione  delle informazioni relative alla gestione del traffico proveniente dall’esterno del perimetro urbano e pertanto, differentemente da quanto avevamo annunciato, non vi è alcuna limitazione all’ingresso in città per i non residenti”. “Tuttavia – precisa Paolo Grabrieli –  si consiglia a partire da domani   di utilizzare i parcheggi esterni alla città che sono ampiamente indicati dalla segnaletica”.

Dalle 14:00 di domani, venerdì 14 settembre, divieto di ingresso a Piazza Armerina per i non residenti

A partire dalle ore 14:00 di domani venerdì 14 settembre verranno chiusi gli ingressi della città al traffico automobilistico. Solamente i residenti o chi svolge attività lavorative potranno entrare nel perimetro urbano di Piazza Armerina. Agli sbarramenti predisposti dalla Polizia, per poter entrare in città,  occorrerà esibire un documento che dimostri la propria residenza o il rapporto di lavoro presso un’azienda locale. I non residenti verranno indirizzati ai parcheggi esterni alla città predisposti sia nella zona nord che nella zona sud di Piazza Armerina.

A comunicarlo è stato il commissario Walter Campagna che è il responsabile della viabilità in occasione della visita di Papa Francesco. I residenti potranno circolare liberamente in città tranne nella zona rossa che comprende il percorso el Papa, la piazza Falcone- Borsellino e le vie limitrofe alla piazza Gen. Cascino.

Nel frattempo si completano gli ultimi lavori  relativi al posizionamento dei maxischermi , alla preparazione di piazza Falcone Borsellino, al posizionamento di strutture per i vari servizi previsti sia commerciali che di assistenza

[VIDEO] – L’on. Luisa Lantieri invita l’assessore regionale Tusa: il museo Trigona entro l’anno

Il museo di palazzo Trigona potrà essere inaugurato entro la fine dell’anno. La comunicazione è arrivata nel corso dell’incontro promosso dall’On. Luisa Lantieri con l’assessore regionale ai Beni Culturali Sebastiano Tusa che insieme al deputato regionale ha visitato l’ente parco Floristella e subito dopo si è spostato a Piazza Armerina per parlare dell’apertura del museo.

Piazza Armerina – Arrestato giovane rumeno su cui pendeva un mandato di arresto europeo

 

Nella mattina scorsa, gli uomini del Commissariato di Piazza Armerina – diretti dal Commissario Capo Dott. Sergio CARRUBBA, unitamente a personale della Squadra Mobile di Enna, diretta da Vice Questore Aggiunto Dott. Gabriele PRESTI, hanno proceduto all’arresto di un cittadino di nazionalità rumena, GHIDU Vasile, classe 1989 su cui pendeva un mandato di arresto europeo in relazione alla condanna definitiva inflitta dal Tribunale di Buhusi (Romania), dovendo scontare la pena di anni 3 (tre) di reclusione per il reato di furto aggravato.

In particolare, gli investigatori armerini ed erei, ricevuta la segnalazione da parte dello S.C.I.P – Servizio Di Cooperazione Internazionale di Polizia, attivavano prontamente i dovuti accertamenti identificando immediatamente il ricercato dalle Autorità Rumene in un soggetto che lo scorso Gennaio era stato arrestato in flagranza nell’ambito dell’Operazione di Polizia “Sfântul Gheorghe” che aveva stroncato una banda di rumeni dediti a furti contro il patrimonio e che per tali fatti si trovava adesso ristretto agli arresti domiciliari.

Gli operatori, quindi, davano immediata esecuzione al mandato d’arresto europeo.

Il rumeno catturato, ultimati gli atti di rito, veniva, associato alla Casa Circondariale di Caltanissetta, a disposizione della Procura Generale di Caltanissetta, A.G. procedente, per le successive procedure di estradizione, che si svolgeranno dinanzi la Corte d’Appello di Caltanissetta, finalizzate ad estradare il GHIDU nel paese di origine, ove dovrà scontare la pena inflitta in precedenza dagli organi giudiziari rumeni.

 

Confcommercio: assemblea a Roma, “è importante unirci per difendere le nostre attività”

A distanza di alcuni mesi dall’insediamento del Governo Nazionale, è ancora irrisolto il nodo dell’applicazione della Direttiva Bolkenstein per l’assegnazione delle concessioni di suolo pubblico alla categoria degli ambulanti nei mercati settimanali e nelle fiere. Le forze politiche di governo si stanno cimentando in un iter legislativo teso alla soluzione dei problemi della categoria del commercio su aree pubbliche.

Per supportarne l’azione, la F.I.V.A. Confcommercio e l’A.N.V.A. Confesercenti nazionali hanno indetto una assemblea congiunta a Roma che si terrà il prossimo 18 settembre alle ore 15 nell’Auditorium Roma Eventi Fontana di Trevi, a cui saranno presenti parlamentari ed esponenti del Governo. L’assemblea tratterà il tema: “Riforma del commercio su aree pubbliche – Dal superamento della Direttiva Bolkenstein a un piano di rilancio per i mercati”. Il momento di elaborazione politico sindacale è destinato pertanto al confronto con l’espressione politica sul futuro della nostra categoria.

Per questo la F.I.V.A. Confcommercio di Enna sarà presente con i propri quadri sindacali, all’importante riunione romana e lancia un appello a tutti gli operatori a prendere urgentemente contatto con la sede di Enna per definire le modalità della loro partecipazione: «Occorre che i miei colleghi prendano coscienza dei gravi rischi che la nostra categoria sta correndo – dichiara il Presidente F.I.V.A. Confcommercio Enna Filippo Villareale – Il pressapochismo della politica e il perdurare del clima di incertezza sul nostro futuro stanno mettendo a repentaglio la nostra stessa sopravvivenza».

«Mai come ora – continua Villareale – è importante unirci per difendere le nostre attività, manifestare tutte le preoccupazioni, garantire i nostri diritti e difendere la dignità del nostro lavoro. L’ambulante è spesso discriminato e considerato un commerciante di serie B, dimenticando l’utilità dei mercati e la loro funzione sociale. È per questo – conclude Filippo Villareale – che mi aspetto una convinta partecipazione dei miei colleghi all’importante appuntamento di Roma».

Toto’ Cimino: un grazie all’on. Luisa Lantieri. Con il buon senso e lavorando in sinergia solo buoni risultati

In merito al comunicato inerente la S.P. 15 a firma dell’ onorevole Luisa Lantieri, non posso che esprimere grande soddisfazione a riguardo.  In realtà qualche giorno fa l’onorevole Lantieri mi aveva contattato per informarmi che  si era già attivata in passato per questa strada, prima per il tratto già sistemato nell’ autunno scorso che da Piazza Armerina porta alla villa del Casale, poi per il tratto da me evidenziato un paio di settimane fa oggi a rischio crollo, e mi ha assicurato che avrebbe fatto ciò che era possibile nella sua veste istituzionale affinché gli uffici preposti  si attivassero più velocemente possibile per indire la gara d’appalto, cosa che mi aveva confermato tra l’altro  il dott. Guarino. Io non posso che ringraziare l’onorevole Lantieri per aver tramutato in interesse fattivo il mio grido d’allarme. Ora attendiamo con fiducia l’espletamento della gara e l’inizio dei lavori, affinché si eviti il rischio di creare ulteriori disagi alle tante migliaia di cittadini che percorrono giornalmente questo tratto di strada. Questa è la dimostrazione che con il buon senso e con la sinergia si possono raggiungere grandi risultati, di cui a beneficiarne è  tutta la comunità.

Totò Cimino
Capogruppo di “Diventerà Bellissima”

Piazza Armerina – Signora aggredita perché sfama dei cani: denunciato un uomo

Comunicato stampa NOITA (*)

E’ successo il 5 settembre, in zona Santa Croce, quando un ingegnere piazzese ha aggredito una signora, Anna Maria Luzzitelli, residente nella zona colpevole, ai suoi occhi, di dare acqua a tre cani randagi assolutamente mansueti e che non hanno mai dato atto a episodi di aggressività; non contento dell’aggressione alla donna, che è ricorsa alle cure del Pronto Soccorso del Chiello, il signore in questione ha anche rincorso i cani lanciandogli contro delle pietre e prendendo a calci il contenitore di plastica per l’acqua; uno dei cani, una femmina presumibilmente incinta, è stata colpita alla testa ed è fuggita perdendo sangue.

Il fatto, ripreso da un video, ha fatto sì che intervenisse sul posto la delegata di Piazza Armerina del NOITA, Lorena Sauli, che ha raccolto la testimonianza della signora: per l’ingegnere è scattata, presentata dall’ufficio legale diretto dall’Avv. Alessio Cugini, la denuncia per maltrattamento di animali aggravato dai motivi abietti e futili.

I tre cani sono infatti assolutamente docili, non hanno mai creato pericolo alcuno per la collettività ed anzi erano già prima dell’episodio fortemente impauriti tanto da non avvicinarsi alle persone.

Il caso riapre la necessità di avviare campagne di sterilizzazione dei randagi per evitare la formazione dei branchi presenti nelle varie zone della Città (da Padre Pio al Centro raccolta rifiuti, Santa Croce e piano san Filippo), stabilendo una tabella concreta di intervento da concordare con le associazioni animaliste, che conoscono il territorio ed il percorso dei branchi, ed ascoltando anche i cittadini che si occupano di curare questi cani.

La vocazione turistica di Piazza Armerina non può essere compiuta, specie per grandi eventi come quello della visita del Santo Padre, omettendo di intervenire per contrastare un fenomeno dalle dimensioni allarmanti come quello del randagismo: l’Amministrazione guidata dal Sindaco Cammarata, e che vede assegnata la delega al randagismo alla dott.ssa Vagone, deve intervenire da subito per affrontare il problema, con controlli sul territorio, il censimento dei randagi, la loro sterilizzazione (l’ASP di Enna ha già assicurato massimo sostegno a realizzare gli interventi e a fornire anche il materiale per l’apertura di un ambulatorio pubblico) e sostenere le associazioni animaliste che devono assicurare l’adozione degli animali (in un anno il NOITA e l’ENPA di Piazza Armerina hanno già assicurato oltre 200 partenze, evitando la presenza di tutti questi cani per le strade ed intervenendo in cani, quasi quotidiani, di abbandono di cuccioli e di randagi feriti o bisognosi di cure veterinarie).

Enrico Rizzi

Presidente NOITA Onlus

 

(*) Nota della redazione sui comunicati stampa –  La redazione di StartNews quando pubblica integralmente i comunicati stampa è a disposizione di chiunque volesse replicare se interessato in maniera diretta dalla vicenda trattata.

Cambio al vertice nel comando provinciale dei carabinieri.

Dopo 4 anni in terra ennese il Colonnello Paolo Puntel, Comandante Provinciale dei Carabinieri, saluta la città di Enna e la provincia e si appresta ad assumere l’incarico di Capo Ufficio Personale della Legione Carabinieri “Trentino Alto-Adige”, in Bolzano. Sono stati anni di intenso e proficuo lavoro per l’alto Ufficiale, caratterizzati da impegni  gravosi, ma remunerativi sotto il profilo degli obiettivi traguardati.

Ricordiamo, sotto il suo comando, diverse operazioni di servizio condotte sia contro i sodalizi mafiosi sia contro la criminalità comune, quali la “Lock-out” che ha consentito di disarticolare il clan “Salvo” della famiglia CAPPELLO di Catania operante a Catenanuova, la “Bonifica Pasquasia” che ha permesso di mettere in luce ed accertare le responsabilità di numerosi soggetti, anche appartenenti all’arco istituzionale, in ordine ad un consolidato sistema di illecita ingerenza nelle operazioni di bonifica della miniera di sali potassici di contrada Pasquasia del comune di Enna, la “Primavera”, condotta a Pietraperzia a contrasto di un sodalizio dedito allo spaccio di stupefacenti e ad altri reati associativi, la “Fratelli di Sangue” che ha consentito di accertare le responsabilità di alcuni componenti del Clan Nicosia operante a Villarosa, in ordine all’omicidio del tabaccaio Bruno, assassinato nel 2004 e la “Maglie Larghe”, tesa a smantellare un consolidato sistema di cattiva gestione dei contributi AG.E.A. destinati alle aziende agricole di diverse province siciliane. Sono queste solo alcune delle operazioni condotte sotto la direzione del Colonnello Puntel in questa che è stata la sua terza esperienza siciliana, avendo comandato in passato anche la Compagnia di Vittoria (RG) ed il Reparto Operativo di Ragusa.

Il Colonnello Puntel, che durante la sua permanenza ad Enna è stato anche insignito del titolo di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana, benemerenza tributatagli direttamente dal precedente Prefetto di Enna, Dott.ssa Maria Rita Leonardi, in vista del suo imminente trasferimento ha voluto dichiarare che quella in terra ennese è stata  “…un’esperienza estremamente esaltante sotto il profilo professionale , caratterizzata da fruttuose sinergie istituzionali e non , ma soprattutto per l’affetto e il calore umano che ho potuto sperimentare  in questa provincia, ricca di bellezze paesaggistiche, di  eccellenze naturalistiche e di storia”. L’Ufficiale ha inteso infine rivolgere  i più sinceri sentimenti di gratitudine verso i suoi militari tutti, di ogni ordine e grado, uomini e donne coraggiosi, di indiscussa integrità morale e di provata lealtà, esprimendo il sincero auspicio di ulteriori successi operativi, a beneficio della popolazione di questa terra.

Il Tenente Colonnello Saverio Lombardi assume il comando del Comando Provinciale Carabinieri di Enna.

Pugliese, coniugato, tre lauree, Ufficiale del Ruolo Normale, proveniente dai corsi regolari dell’Accademia di Modena,  ha alle proprie spalle una vasta e diversificata esperienza professionale maturata pressoché interamente nella linea territoriale dell’Arma; già Comandante delle Compagnie di Sora, in provincia di Frosinone dal 2001 al 2005 e Giarre (CT), dal 2005 al 2009, dove si è distinto per la conduzione di diverse operazioni di servizio di contrasto ai locali sodalizi mafiosi. Successivamente,  Comandante del Reparto Operativo dei Carabinieri di Lecce dal 2011 al 2017, ha ricoperto inoltre un delicato incarico di responsabilità presso lo Stato Maggiore del Reggimento Carabinieri MSU (unità multinazionale specializzata dell’Arma dei Carabinieri) in Bosnia Erzegovina dal 2004 al 2005.

Attualmente proviene da Roma, dove è stato Capo Ufficio Comando del Comando Carabinieri Banca d’Italia, dove dal 2009 al 2011 aveva ricoperto l’incarico di Cte di Sezione presso la Scuola Ufficiali Carabinieri.

Ufficiale al merito dell’Ordine della Repubblica Italiana, Insignito di Croce d’Oro per anzianità di servizio, Medaglia d’Argento di lungo comando, e altri titoli, ha meritato inoltre, nel corso della sua lunga carriera, due encomi semplici del Comandante della Legione Carabinieri “Sicilia” per altrettante operazioni di polizia giudiziaria che hanno consentito di smantellare diversi sodalizi mafiosi operanti nel catanese, consentendo altresì il sequestro di decine di milioni di euro in denaro e altre utilità.

Quello del Colonnello Lombardi è quindi un ritorno in terra siciliana e il prestigioso incarico assegnatogli si presenta da subito avvincente e ricco di spunti professionali, dal momento che il nuovo Comandante Provinciale dovrà confrontarsi con un’area molto sensibile sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica, caratterizzata da articolate e variegate dinamiche sociali e criminali, soprattutto nei piccoli centri dove spesso i Carabinieri danno volto e anima ad un’Istituzione da sempre a contatto con la gente, costituendo di fatto il più autorevole e sicuro baluardo dello Stato.

La visita del Papa: il Sicilia Outlet Village attiva servizio bus gratuito per i fedeli

In occasione della visita di Papa Francesco a Piazza Armerina, in programma sabato 15 settembre per il XXV anniversario della morte del beato don Pino Puglisi, Sicilia Outlet Village metterà a disposizione il servizio gratuito di pullman per favorire il trasferimento al luogo dell’evento che vedrà la partecipazione di migliaia di fedeli.

La navetta consentirà di raggiungere Piazza Armerina direttamente dall’Outlet, con la possibilità di arrivare a destinazione evitando di cercare parcheggio, in vista dei possibili disagi e incolonnamenti che si andranno a formare a causa delle limitazioni del traffico e dei controlli alle vie di accesso previsti nella città. Gli ospiti potranno lasciare la propria auto nel parcheggio zona P1 del Village, adiacente all’area di sosta dei bus turistici dedicati. L’orario di partenza previsto sarà alle ore 5.30 del mattino.

Per usufruire del servizio gratuito, è richiesta la prenotazione inviando una e-mail all’indirizzo prenotazionebus@siciliaoutletvillage.it, indicando nome e cognome dei partecipanti e il numero di adulti e bambini presenti (numero massimo di 4 persone a prenotazione). La conferma della prenotazione, gestita direttamente dall’Info Point di Sicilia Outlet Village, avverrà sempre via e-mail entro 36 ore.

Artisti siciliani per Papa Francesco: una giornata dedicata alla musica in onore del Pontefice

COMUNICATOMI STAMPA ASSESSORATO TURISMO PIAZZA ARMERINA

In vista dell’imminente visita di Papa Francesco a Piazza Armerina, che avverrà la mattina del giorno 15 settembre 2018, il cantante Lello Analfino, leader della band Tinturia organizzerà in qualità di direttore artistico ,quello che si preannuncia un evento unico non solo per Piazza Armerina ma anche per la Sicilia stessa: “Artisti siciliani per Papa Francesco”, kermesse musicale che vedrà impegnati alcuni tra i principali cantanti e musicisti siciliani che si esibiranno in Piazza Falcone e Borsellino (Piazza Europa) per tutta la giornata del 15 settembre, fino a sera dopo aver salutato il Papa , occupando uno spazio esclusivo tra le autorità , in quanto come sostiene l’assessore Messina che coordinerà l’evento ,  saranno per quel giorno ambasciatori della cultura.

Tra gli artisti ad oggi confermati ci sono, oltre allo stesso Lello Analfino : Pippo Barrile, gli ex Cunzertu, la band etno funky mediterranea dei Qbeta, il duo di  cabaret Matranga & Minafò.
Confermata anche la presenza di Juri Camisasca, grandissimo artista che pur non essendo siciliano ha con la Sicilia un legame di lungo corso, anche grazie alla collaborazione con Franco Battiato.

Si attendono conferme da altri nomi come Mario Venuti

Sempre legata alla visita del Papa, dal 7 al 17 settembre sarà inoltre visitabile a Palazzo Trigona (Piazza Duomo) la mostra “Vestire l’icona”, mostra di abiti e costumi dedicata a Papa Francesco organizzata e diretta dalla professoressa di Liliana Nigro, docente di Storia del costume presso l’Accademia di Belle Arti di Catania (la mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14, il mercoledì fino alle ore 18).

Sp15, l’On. Luisa Lantieri: “finanziato dalla provincia l’intervento, presto la gara”

“Ho condiviso alcuni giorni fa le preoccupazioni espresse del capogruppo consiliare di Diventerà Bellissima relative alla Sp15, la strada provinciale che collega Piazza Armerina a Barrafranca ma che più in generale rappresenta un collegamento stradale importante nell’ambito della viabilità provinciale. L’appello di Salvatore Cimino,  apparso alcuni giorni fa su Startnews, mi ha consentito di rafforzare una delle richieste che da tempo sto rivolgendo ai vertici provinciali in relazione alla viabilità”.

“Oggi posso comunicare che l’intervento sulla sp15 è stato finanziato dalla provincia ed entro questa settimana verrà espletata la relativa gara. Avevo chiesto alla Provincia la massima celerità anche perché ci avviamo verso la stagione autunnale particolarmente critica per lo stato delle nostre strade,  ringrazio funzionari e tecnici che sono venuti incontro alle mie richieste. Per me questo intervento sulla sp15 rappresenta  un altro importante risultato che si aggiunge a quello ottenuto lo scorso anno. Molti sicuramente ricorderanno che nel 2017  si è rischiata la chiusura della stesa strada proprio nei pressi di Piazza Armerina per uno smottamento che avrebbe in pratica isolato la Villa Romana,  una eventualità che solo il mio intervento ha evitato.

Tutte le notizie sulla sp15

Piazza Armerina – Giovane nigeriano arrestato dalla Polizia di Stato per detenzione di droga

COMUNICATO STAMPA POLIZIA DI STATO

Nella giornata di ieri, 6 Settembre 2018, nell’ambito di controlli straordinari che hanno interessato il centro cittadino, gli uomini della Squadra di P.G. del Commissariato di P.S. di Piazza Armerina, diretto dal Commissario Capo Dott. Sergio Carrubba, hanno proceduto all’arresto di un giovane di nazionalità nigeriana perché colto nella flagranza del reato di cui all’art.73 del D.P.R. 309/90 per avere detenuto, ai fini di spaccio, grammi 70 di sostanza stupefacente del tipo marijuana, suddivisa in nr.7 confezioni termo-sigillate con del cellophane trasparente.

 

I FATTI.

Intorno alle ore 17:50 circa, giungeva segnalazione telefonica da parte del responsabile di un C.A.S. (centro di accoglienza straordinaria) di Piazza Armerina, in ordine al fatto che uno degli stranieri ivi ospitati era stato trovato in possesso di un consistente quantitativo di sostanza verosimilmente stupefacente tipo marijuana.  

Il personale si recava quindi immediatamente sul posto riuscendo prontamente a recuperare il borsello contenente la sostanza stupefacente di cui lo straniero, A.O. classe 1986, di nazionalità nigeriana, aveva tentato invano di disfarsi lanciandolo all’esterno dello stabile.

Lo straniero veniva inoltre trovato in possesso di copiosa somma di danaro, ritenuta provento dell’attività di spaccio posta in essere dal nominato in oggetto.

Ultimate le attività tecniche, i poliziotti procedevano all’arresto in flagranza nei confronti di A.O. per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. L’Autorità Giudiziaria, nella persona del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Enna, Dott. Cattano, coordina le indagini.

 

Il comune si costituisce in giudizio nel ricorso Miroddi. Quanto ci costerà l’ex sindaco?

Il comune di Piazza Armerina si costituisce in giudizio in merito alla vicenda relativa al ricorso presentato da Filippo Miroddi. L’incarico è stato affidato all’Avv. Felice Giuffré ed ha lo scopo, come si legge dalla delibera di giunta  di tutelare l’ente.  A dicembre il Tar deciderà se ammettere o meno la richiesta dell’ex sindaco che spera di recuperare voti da quelli annullati dai presidenti di seggio per  irregolarità. Quest’ultime così evidenti tanto che al momento dello spoglio non sarebbero state contestate dai rappresentanti di lista dello stesso Miroddi se non in quattro casi.

Sarebbe stato più giusto chiudere la vicenda a giugno e Miroddi avrebbe fatto meglio, per il bene della città, a non contestare il risultato elettorale. Abbiamo più volte affermato che la passata amministrazione è da considerarsi a nostro giudizio, dal punto di vista amministrativo, come una delle peggiori dal dopoguerra ad oggi. I cinque anni passati sono stati caratterizzati dal totale immobilismo e dalle sterili e inconcludenti  lotte politiche dello stesso Miroddi strettamente collaborato da Giuseppe Mattia. Entrambi sono usciti sconfitti dalle elezioni nelle quali i cittadini piazzesi hanno espresso in maniera inequivocabile il desiderio di un cambiamento, una richiesta che speriamo la nuova amministrazione tenga sempre presente.

Il ricorso di Miroddi costerà diversi migliaia di euro ai cittadini piazzesi  anche per questo l’ex sindaco avrebbe fatto bene ad onorare la città riconoscendo la sua confitta e magari prendendosi un lungo periodo di riposo per riflettere sugli errori commessi durante il suo mandato, errori che hanno portato quasi l’ottanta per cento dei piazzesi a non votarlo.

Nicola Lo Iacono.

Troina – .Divieto dell’utilizzo dell’acqua per fini non igienici nell’intero abitato

Tutti i cittadini dell’intero abitato, a partire da oggi e fino a nuova disposizione, potranno utilizzare l’acqua delle rete idrica delle proprie abitazioni solo ed esclusivamente per fini igienici.
Lo dispone un’ordinanza del sindaco Fabio Venezia, emanata oggi, a seguito della comunicazione giunta da parte dell’ASP di Enna, relativa alle analisi sui campioni delle acque prelevate in via Vittorio Emanuele 299 e Piazzale Lazio, martedì 4 settembre scorso, che hanno rilevato una presenza di colore giallognolo oltre limiti.
Il primo cittadino, in quanto garante dell’igiene e della pubblica incolumità della città, ha pertanto ritenuto opportuno adottare d’urgenza il provvedimento, al fine di scongiurare la possibile ed eventuale insorgenza di problematiche igienico – sanitarie. 

Caltagirone, primo passo verso la De.Co. (Denominazione Comunali)

“Anno del cibo italiano: specificità territoriale nell’agroalimentare” è il tema del convegno promosso dalla Cia in collaborazione col Comune di Caltagirone, che si è svolto  a Caltagirone    nel salone “Silvio Milazzo” del palazzo municipale.

I lavori, introdotti e moderati dall’assessore comunale allo Sviluppo economico, Francesco Caristia, sano stati  caratterizzati dagli interventi di Calogero Giancona, Maurizio Pedi, Giosuè Catania , Giuseppe Di Silvestro  e di Nino Sutera.   Al Termine un qualificato  dibattito, con  le conclusioni   del sindaco   Gino Ioppolo.

Prossima tappa l’Audizione Pubblica di presentazione alla Città, che decreta l’avvio del percorso Borgo GeniusLoci De.Co.

Le De.Co. (Denominazioni Comunali) nascono da un’idea semplice e geniale del grande Luigi Veronelli, che così le spiegava: “Attraverso la De.Co. il “prodotto” del Territorio acquista una sua identità.” Rappresenta un concreto strumento di marketing territoriale, ma soprattutto un’importante opportunità per il recupero e la valorizzazione delle identità e le unicità locali. La De.Co. è “un prodotto del territorio” (un piatto, un dolce, un sapere, un evento, un lavoro artigianale, etc) con il quale una comunità si identifica per elementi di unicità e caratteristiche identitarie, deve essere considerata come una vera e propria attrazione turistica capace di muovere un target di viaggiatori che la letteratura internazionale definisce “foodies” viaggiatori sensibili al patrimonio culinario locale e non solo.  

   Chiediamo a Nino Sutera,  Funzionario Responsabile dell’Osservatorio di Neoruralità dell’Ente Sviluppo Agricolo e Ideologo della Libera Università Rurale dei Saperi & dei Sapori Onlus   Che cos’è un  Borgo  GeniusLoci De.Co.?

Innanzitutto mi permetta di ringraziare il Sindaco On Gino  Ioppolo e l’Amministrazione comunale, e ll Dott. Catania che nei lavori preparatori all’evento ha svolto un lavoro straordinario,   puntuale e preciso, il che sarà di grandissimo aiuto nel proseguo del percorso.
Che cos’è? E’ un percorso culturale,un modus operandi collettivo,  al francese “terroir”, preferiamo il latino “genius loci”, un equilibrio di forze ed energie caratteristico di un luogo definito e pertanto irripetibile.
Il percorso Borghi  GeniusLoci De.Co.,   prevede un modello dove gli elementi essenziali di relazionalità sono Territorio-Tradizioni-Tipicità-(intesa come specificità)-Tracciabilità e Trasparenza, che rappresentano la vera componente innovativa, da condividere con il territorio e per il territorio. Si tratta di un percorso che vuole salvaguardare e valorizzare il “locale”, rispetto al fenomeno della globalizzazione, la quale tende ad omogeneizzare prodotti e sapori. Nelle arti e non solo, il “GeniusLoci” rappresenta concettualmente quello “spirito” percepibile, quasi tangibile, che rende unici certi luoghi ed irripetibili certi momenti, uno spazio, un edificio o un monumento. Non solo: il Genius Loci è anche nelle immagini, nei colori, nei sapori e nei profumi dei paesaggi intorno a noi, che tanto spesso, anche all’improvviso, ci stupiscono ed emozionano. Le persone “respirano” il genius loci di un luogo, di un ambiente quando ne hanno piena coscienza. Ognuno di noi è attaccato ad un luogo d’infanzia, ad un ricordo, ad un affetto, a un dolce, ad un piatto. Ecco, l’obiettivo è recuperare l’identità di un luogo, attraverso le prelibatezze storiche e culturali del territorio. Il percorso è stato inserito tra gli esempi virtuosi del -FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER LA TERRA E IL PAESAGGIO- “Salviamo il paesaggio, difendiamo i territori” Il format è stato presentato: * Poster Session del Forum P.A. di Roma; * VALORE PAESE economia delle soluzioni, organizzata da ItaliaCamp a Reggio Emilia; * Premio nazionale Filippo Basile dell’AIF · XXVI Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana Formatori di Palermo. EXPO2015 MILANO

Qual è la mission?     Il percorso     mira a salvaguardare e valorizzare il “locale”, rispetto al fenomeno della globalizzazione, che tende ad omogeneizzare prodotti e sapori. Il Genius Loci rappresenta l’essenza, l’identità di un territorio; ad esso appartengono le immagini, i colori, i sapori ed i profumi dei paesaggi. Obiettivo del Percorso GeniusLoci De.Co. è recuperare l’identità di un luogo, attraverso anche le valorizzazione delle produzioni di eccellenza e delle tradizioni storiche e culturali dello stesso, al fine di ottimizzarne la competitività.

Il percorso innovativo “Borghi Genius Loci De.Co.”, attraverso il quale si intende incrementare il turismo enogastronomico puntando sulla spiccata tipicità delle pietanze ereditate dalle antiche tradizioni locali, in grado di esprimere l’essenza più autentica e di “raccontare” la storia di un territorio finalizzato a rafforzare l’identità del territorio attraverso l’esaltazione delle rispettive peculiarità gastronomiche, sulla base dell’assunto che una pietanza non serve solo a soddisfare l’appetito ed a fornire all’organismo apporti calorici e nutrizionali, ma riesce anche a “raccontare” la cultura, i valori e le tradizioni dell’ambiente in cui la si cucina e, prima di tutto, la si “pensa”.

Qual è la differenza rispetto agli altri strumenti?   «La denominazione comunale (De.Co.)   è un atto politico, nelle prerogative del Sindaco, che presuppone una conoscenza del passato, un’analisi del presente ed una progettualità riferita al futuro. Il tutto nell’ottica del turismo enogastronomico, che se ben congegnato e gestito, costituisce una vera e grande opportunità per lo sviluppo dell’economia locale, specie per le piccole comunità rurali, che nei rispettivi prodotti alimentari e piatti tipici hanno un formidabile punto di forza attrattiva nei confronti del visitatore.

Illuminante, al riguardo, la definizione che il compianto Luigi Veronelli  ideologo delle De.Co.  ha dato del “genius loci”:   esso è da intendere come “l’intimo ed imprescindibile legame fra uomo, ambiente, clima e cultura produttiva.

Qual è la vision?  La bellezza e l’unicità del paesaggio, gli insediamenti storici, la rigogliosa natura ha regalato diversi elementi attrattivi ereditati dalla tradizione ed in grado di affascinare i cosiddetti “viaggiatori del gusto”, ossia quei tanti turisti intelligenti e colti alla ricerca della buona tavola, non solo per apprezzarne le qualità gastronomiche, ma anche per l’intimo e profondo legame tra essa ed il territorio.

Il valore di una De.Co.(Denominazione Comunale) è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing. I prodotti agro-alimentari e artigianali racchiudono al loro interno tradizione, cultura, valori, conoscenza locale, e, forse la cosa più importante, l’autenticità del loro territorio di origine. La Denominazione Comunale non è un marchio di qualità, ma il biglietto da visita di una comunità, sulla quale possono operare i sindaci per salvaguardare e valorizzare l’identità di un territorio.

In conclusione  Dr  Sutera   quali sono i requisiti che i comuni debbono possedere per far parte del circuito dei Borghi GeniusLoci De.Co.?

Per garantire la sostenibilità del percorso occorrono dei principi inderogabili e non barattabili, innanzitutto  la storicità e l’unicità, l’interesse collettivo, condiviso e diffuso e a burocrazia zero.  Il mito che circonda la maggior parte dei territori rurali di successo, assomiglia a una favola vera fatta di personaggi e di eccezionalità, e di unicità. Aspetti importanti che collocano l’idea del Borgo GeniusLoci  De.Co. all’interno di un percorso culturale e di pensiero innovativo volto alla difesa delle peculiarità territoriali.

In questo processo culturale, i disciplinari, le commissioni, e i regolamenti, mutuati dai marchi di tutela di tipo europeo(DOP, IGP, DOC, ect) sono perfettamente inutili e controproducenti.

 

Piazza Armerina, Papa Francesco – Comunicato dalla Polizia Locale il Piano del traffico definitivo

Questa mattina la Polizia Locale ha comunicato  il piano del traffico che verrà adottato durante la visita di Papa Francesco e i giorni precedenti. La Polizia Locale attraverso il commissario Walter Campagna, responsabile del piano, precisa che quanto pubblicato potrebbe subire variazioni legate a problemi di sicurezza  o per motivi contingenti. In ogni caso la popolazione verrà adeguatamente informata.

StartNews comunicherà in tempo reale eventuali variazioni.

Tutto il tragitto percorso da Papa Francesco sarà transennato e l’ingresso a queste aree è libero, fatta eccezione per la piazza “Generale Cascino”, per la quale è prevista, per motivi di sicurezza, la distribuzione dei pass che possono essere richiesti alla Curia di Piazza Armerina attraverso le parrocchie di appartenenza

piano traffico_PapaFrancesco

 

CLICCA QUI PER SCARICARE IL PIANO DEL TRAFFICO

 

 

Clicca qui per le notizie sulla visita del Papa 

 

Piazza Armerina – Tutti dobbiamo collaborare per la visita di Papa Francesco. Una probabile bufala gira su Facebook

Quella del 15 settembre sarà una occasione importante per Piazza Armerina: gestire l’afflusso e il deflusso  di migliaia di persone in occasione della visita di Papa Francesco rappresenterà un sorta di banco di prova per la nostra città e un’importante esperienza organizzativa che potrà tornare utile nel momento in cui si dovranno gestire eventi di un certo livello.
Tutto può e deve andare bene ed è per questo che è necessario che ogni cittadino di Piazza Armerina si comporti in maniera responsabile e collabori affinché tutto vada nei migliori dei modi.

In questi giorni si sono fatte diverse ipotesi sul numero di persone che arriveranno in città. Avevamo parlato di 200 mila presenze in base ai primi dati che ci erano stati comunicati dalla Polizia Locale ma nei giorni successivi la previsione si è ridotta a 100 mila. Di parere diverso la Curia che parla di un 40/50 mila presenze. Ne sapremo sicuramente di più giorno 12 settembre quando saranno completate le operazioni di registrazione dei pullman per la prenotazione dei parcheggi. In ogni caso il fatto di poter esser più a stretto contatto con il Papa sta giocando un ruolo importante nella decisione di molti pellegrini nel preferire Piazza Armerina a Palermo

Il piano del traffico, in un primo momento divulgato dalla Diocesi e poi subito ritirato perché incompleto, prevede la chiusura di strade, la rimozione di aree di sosta, la variazione di sensi di marcia: una serie di prescrizioni e divieti all’interno del centro urbano che dureranno per almeno tre giorni. Questo comporterà un grande disagio per i cittadini che dovranno avere molta pazienza e organizzare in tempo le attività quotidiane che necessariamente subiranno intoppi e rallentamenti.

Sembra invece un bufala, quella fatta girare attraverso Facebook, riguardante il divieto di affacciarsi sui balconi lungo il percorso del Papa: attualmente non ci risulta alcuna prescrizione in merito.

 

Visita di Papa Francesco a Piazza Armerina: i pullman entro il 12 settembre dovranno accreditasi per poter posteggiare

Il comune di Piazza Armerina comunica che al fine di ottemperare alle prescrizione sulla sicurezza, in occasione della visita di Papa Francesco i pullman dovranno prenotare il parcheggio e dimostrare l’avvenuto pagamento dello stallo presentando al controllo la ricevuta e la relativa autorizzazione. Collegandosi con il sito del comune (comune.piazzaarmerina.en.it) sarà possibile scaricare l’apposito modulo da compilare e da far pervenire entro il 12 settembre alle ore 18:00 agli uffici comunali  via email allegando anche la ricevuta del pagamento

I pullman da 10  fino a 30 posti pagheranno una tariffa di 50 euro oltre  i 30 posti l’importo è di 80 euro. Il versamento dovrà essere effettuato attraverso un bonifico bancario utilizzando il seguente IBAN IT 62 J 03019 16800 000000000784. Casuale: Visita Papa Francesco

EMAIL A CUI INVIARE LA DOCUMENTAZIONE
papafrancesco@comunepiazzarmerina.it

Via email, in ordine di arrivo delle richieste, verrà  inviata la risposta contenente l’accettazione e l’assegnazione dello stallo fino ad esaurimento dei posti disponibili.

 

 

 

Visita del Papa : divieti e controlli. Attenti agli zaini.

Queste alcune indicazioni comunicate dalla Diocesi di Piazza Armerina relative al giorno della visita di Papa Francesco. Chiediamo ai nostri elettori di informare sui divieti e sui controlli soprattutto le persone anziane che difficilmente verranno raggiunti dalle comunicazione attraverso gli organi di stampa.

AMMALATI E DISABILI
Si raccomanda di raggiungere il varco di accesso all’area riservata entro e non oltre le ore 7:30 del 15 settembre.

IMPIANTO VIDEO AUDIO E FILODIFFUSIONE MAXISCHERMI
Saranno installati 6 maxischermo per agevolare la partecipazione al grande evento: via Libertà (alta), via Roma, Piazza Gen. Cascino, piazza Gen. Villari, Piazza Sen. Marescalchi, piazza Garibaldi; tutto il percorso sarà servito da un impianto di filodiffusione.

BAGNI CHIMICI
I bagni chimici saranno posizionati all’interno della zona dell’evento.

POSTI A SEDERE
Non previsti tranne per autorità, sacerdoti e religiosi/e.

SI PUÒ PORTARE UNO ZAINO?
Si, ma sarà sottoposto a controllo di sicurezza.

SI POSSONO PORTARE BOTTIGLIE O LATTINE?
È possibile portare solo bottiglie di plastica senza tappo. Non è possibile portare lattine né bottiglie di vetro.

COSA È VIETATO?
È severamente vietato introdurre: valigie, trolley, borse e zaini più grandi di 10 litri; bombolette spray (antizanzare, deodoranti, creme solari, etc…); trombette da stadio; armi; materiale esplosivo; artifizi pirotecnici; fumogeni; razzi di segnalazione; pietre; coltelli o altri oggetti da punta o taglio; catene; bevande alcooliche di qualsiasi gradazione; sostanze stupefacenti; veleni; sostanze nocive; materiale infiammabile; accedere e trattenersi in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti; introdurre o vendere all’interno dell’impianto bevande contenute in lattine; bottiglie di vetro; borracce di metallo; è inoltre vietato introdurre animali di qualsiasi genere e taglia; bastoni per selfie e treppiedi; ombrelli e aste; strumenti musicali; apparecchiature per la registrazione audio/video; macchine fotografiche professionali e semiprofessionali; videocamere, go-pro; i-pad e tablet; biciclette; skateboard; pattini e over-board; tutti gli altri oggetti atti ad offendere; droni e aeroplanini telecomandati.
Sarà inoltre vietato: esporre materiale che ostacoli la visibilità agli altri spettatori o che interferisca con la segnaletica di emergenza o che, comunque, sia di ostacolo alle vie di fuga verso le uscite; svolgere qualsiasi genere di attività commerciale che non sia stata preventivamente autorizzata, per iscritto, dall’Amministrazione Comunale.

BISOGNA SOTTOPORSI AL CONTROLLO SICUREZZA?
Sì, per entrare all’interno dell’area della preghiera, oltre ad esibire il PASS, bisogna sottoporsi al controllo di sicurezza, che avverrà in tutte le porte di accesso, a mezzo di agenti di polizia muniti del metal detector.
È utile avere con sé un documento di riconoscimento.
Si consiglia di arrivare in tempo utile, rispetto all’inizio della manifestazione, per garantirsi l’accesso all’interno dell’area destinata all’evento.
I varchi saranno aperti dalle ore 6:00 e saranno chiusi alle 7:45.

 CI SARANNO I SERVIZI SANITARI?
Saranno allestiti 3 PMA (Posto Medico Avanzato) presidiati da personale medico e posizionate ambulanze in caso di necessità.

Clicca qui per le notizie sulla visita del Papa 

Centuripe – “Operativa…mente in azienda”: Alternanza Scuola -Lavoro per gli alunni dell’alberghiero

Sono novanta e sono gli allievi delle classi terze, quarte e quinte dell’Istituto Alberghiero Don Pino Puglisi di Centuripe che, anche quest’anno, hanno svolto l’alternanza scuola-lavoro presso i migliori hotels e resorts d’Italia. Per alcuni di loro al termine dell’esperienza, è scattata la proposta di firmare un contratto di lavoro.

Una stimolante esperienza di vita e di lavoro che testimonia come proprio questo tipo di formazione, nei più rinomati hotel italiani, frequentati da clientela internazionale, favorisce l’ingresso degli allievi nel mondo del lavoro. Le aziende che hanno ospitato gli studenti sono: Federico II Palace Hotel e Hotel Villa Giulia di Enna, Resort città del mare di Terrasini (PA), Rocca dei Saraceni e Hotel Castel Miralago di Regalbuto (EN), Daidone Bar – Pasticceria e Ristorante di Catenanuova (EN), Bluserena (Sicilia – Sardegna), Voi Hotels “Marsa Siclà” (gruppo Alpitour), Hotel Intermonti e Charme hotel Alexander di Livigno (SO) e il Kento Park Hotel. La formazione nei vari reparti dell’albergo (ricevimento, sala, bar, cucina, pasticceria), ha permesso agli studenti, seguiti dai tutor aziendali e dai docenti tutor didattici, di crescere sia dal punto di vista personale che professionale.

Da sud a nord, a conferma che il raccordo tra sistema scolastico e mondo lavorativo con l’alternanza scuola-lavoro e di apprendistato, genera benefici per l’impresa, che può formare un giovane secondo le proprie esigenze, per lo studente, che acquisisce esperienza e competenze specifiche per il mercato del lavoro,  per la scuola, che perfeziona l’efficienza del percorso formativo e per il sistema territoriale, cui è assicurato un ritorno in termini di professionalità diffusa.

Insomma, una rafforzata integrazione tra studio e lavoro può aiutare ad affrontare gli ostacoli posti dalla crisi economica e dal vischioso mercato del lavoro italiano. Su questi principi si basa la progettualità messa in campo dall’Istituto “Fortunato Fedele” di Agira (EN),di cui il Don Pino Puglisi fa parte. Per gli allievi  dell’Alberghiero di Centuripe, che hanno sperimentato questo tipo di formazione, questo modello educativo ha acquistato un importanza sempre maggiore per la formazione al di fuori dell’Istituto. In questo contesto si inseriscono i percorsi di ASL/Apprendistato degli studenti dell’Istituto Alberghiero di Centuripe, una scuola di primo livello nel panorama nazionale nell’attuazione di attività di formazione “on the job”, realizzati nei più rinomati hotel e resorts.

La formazione nei vari reparti dell’albergo (sala, bar, cucina, pasticceria, ricevimento), permette agli studenti seguiti dai vari capi servizio e dai direttori di avvicinarsi nel mondo del lavoro.

“Sono soddisfatta di questi ragazzi – ha detto la direttrice Giovanna Falzone, ennese anche lei,  di uno dei più prestigiosi gruppi alberghieri di Livigno a conclusione del percorso – è stato un onore ricevere l’eccellenza della mia terra: la Sicilia. Tutti i ragazzi si sono rivelati ottime risorse in tutti i reparti (reception, cucina e sala), riuscendo ad integrarsi allo staff al punto di non far percepire stacco fra professionisti e stagisti. Sempre attenti e pronti ad imparare: hanno scoperto le funzioni della Reception, il “cuore dell’albergo”; le diverse tecniche di cucina, proposte dal nostro Executive Chef Amedeo Airò Farulla; la differenza fra servizio a buffet dell’hotel Intermonti e servizio servito dello Charme Hotel Alexander”.

“Il nostro obiettivo – dichiara il dirigente scolastico Pippo Lo Cascio – è quello di far conoscere realtà di turismo d’élite, dove la customer satisfaction è l’obiettivo primario da raggiungere. Le strutture che hanno ospitato gli allievi dell’Istituto centuripino, hanno proposto ad alcuni di loro un contratto di lavoro retribuito per la stagione estiva”.

“Sicuramente, una intelligente politica scolastica di integrazione fra i saperi (quelli teorici e quelli pratici) e fra i settori (quello della scuola e quello dell’impresa) non può che migliorare il trend avviato, confermando la validità e la spendibilità di un diploma come quello alberghiero che offre un reale inserimento nel mondo del lavoro – dice Antonio Sportato, docente dell’Alberghiero e referente ASL e dell’Apprendistato per l’Istituto – Tanti i progetti in cantiere per l’a.s. 2018/2019 come l’ASL in Polonia e l’ASL in gruppi alberghieri di primo piano a livello internazionale e l’apprendistato di I liv. presso le migliori aziende siciliane”.

“Diventerà Bellissima”: bisogna risolvere il problema della SP15

Sembra risolto il problema inerente la S.P. 4 (almeno per ora), ma un’altra importantissima arteria la S. P. 15 quella che collega Piazza Armerina a Barrafranca e altri paesi limitrofi, crea grandi preoccupazioni. Oramai da qualche mese in un punto preciso la corsia è ristretta a tal punto da lasciare lo spazio necessario a far transitare una sola autovettura. A tal riguardo come capogruppo di “Diventerà Bellissima”, questa settimana ho inviato una richiesta ufficiale a tutti i rappresentanti locali, provinciali e regionali preposti affinché si dia rimedio nel più breve tempo possibile a questa problematica al fine di evitare gravi disagi ai cittadini che per vari motivi percorrono giornalmente questa arteria. Inoltre con l’approssimarsi dell’apertura del nuovo anno scolastico, molti alunni e docenti  attraverseranno ogni giorno questa via di collegamento. Colgo l’occasione per ringraziare il dott. Guarino commissario della ex provincia di Enna e l’ingegnere Alvano per avermi contattato immediatamente, informandomi  delle procedure messe già in atto per dare rimedio a quel tratto di strada. Chiedo a loro ma anche a tutti coloro i quali ho inviato la nota, di mettere in atto tutto ciò che necessita affinché non si perda più tempo del necessario, perché l’inverno è alle porte e con l’aggravarsi delle condizioni meteorologiche aumenta il rischio crollo. Cogliamo l’occasione per dare risposte a quei cittadini che ancora credono nelle istituzioni.

Salvatore Cimino 
Capogruppo di “Diventerà Bellissima”.

Servizio civile Unpli. La Pro Loco di Piazza Armerina ricerca 6 volontari. La domanda da presentare

Il SERVIZIO CIVILE UNPLI,  PRO LOCO PIAZZA ARMERINA, ricerca 6 volontari :
N°3 PROGETTI PER N°6 VOLONTARI
-ITINERARIO DEI CASTELLI SICILIANI – Settore: Patrimonio Artistico e Culturale.
-VACANZE, CULTURA, ARTE E TRADIZIONI IN SICILIA – Settore: Patrimonio Artistico e Culturale.
-TOUR DEI CASTELLI E LUOGHI FORTIFICATI NELLA SICILIA CENTRALE – Settore: Patrimonio Artistico e Culturale.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Per essere ammessi alle selezioni i candidati dovranno:

a) Aver compiuto i 18 e non aver superato i 28 anni di età (28 anni 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
b) essere in possesso del Diploma di Scuola Media Superiore o Laurea;
c) godere dei diritti civili e politici;
d) essere in possesso della cittadinanza italiana;

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Gli aspiranti volontari dovranno produrre domanda di partecipazione indirizzata direttamente alla Pro Loco che realizza il progetto prescelto, il termine per la consegna delle domande a mano è fissato alle ore 18.00 del 28 settembre 2018; le domande trasmesse con modalità diverse da quelle sopra indicate e pervenute oltre i termini innanzi stabiliti non saranno prese in considerazione.

La domanda dovrà essere presentata nella sede della Pro Loco scelta in duplice copia firmata in originale con penna blu completa degli allegati.

Al fine di agevolare l’istruttoria per le procedure di selezione la domanda dovrà rispettare il seguente ordine:

1) Ricevuta di presentazione della domanda (allegato A);
2) Domanda di ammissione (allegato 3);
3) Dichiarazione titoli posseduti (allegato 4);
4) Informativa sulla privacy redatta ai sensi del Regolamento U.E. 679/2016 (allegato 5);
5) Curriculum vitae;
6) Fotocopia Diploma di Scuola Media Superiore o Laurea;
7) Attestati di Formazione professionale;
8) Altri titoli;
9) Fotocopia documento d’Identità;
10) Fotocopia del Codice Fiscale;

Gli aspiranti volontari avranno cura di ritirare copia della ricevuta di consegna della domanda di partecipazione con il numero di protocollo (allegato A).

IMPORTANTE
È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile.
La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti, indipendentemente dalla circostanza che non si partecipi alle selezioni.

Le selezioni si svolgeranno il 24 Ottobre 2018 presso Palazzo dell’Università’, Corso Vittorio Emanuele n° 92, CALTANISSETTA (CL)

Le selezioni verranno effettuate seguendo l’ordine alfabetico di località della sede di attuazione del progetto e cognome degli aspiranti volontari.

La presentazione della domanda di partecipazione è anche attestazione della conoscenza della data e del luogo di selezione

Tutta la documentazione può essere scaricata dal sito www.serviziocivileunpli.net

Per info: prolocopiazzaarmerina@gmail.com
cell. 3388524872

Salvatore Cancare’ (Forza Italia): “In solo due mesi importanti risultati per l’amministrazione Cammarata”

Comunicato COMMISSARIO FORZA ITALIA SALVATORE CANCARE’

In merito all’articolo da Voi pubblicato questa mattina voglio precisare che il finanziamento per la Piazza Armerina- Valguarnera – svincolo A19 è il risultato di un lavoro svolti in prima persona attraverso l’attivazione dei nostri referenti  Regionali. Subito dopo la Visita del Santo Padre annuncio che vi sarà un incontro con l’assessore alle infrastrutture e alla mobilita’, Marco Falcone, a Piazza Armerina per illustrare meglio quanto si sta facendo.

In qualità di commissario locale di Forza Italia, in sinergia con tutta l’amministrazione Cammarata stiamo lavorando, con discrezione, come il Governatore Musumeci ci insegna, alle problematiche del nostro territorio, attraverso una stretta sinergia con i componenti del governo Regionale.  Non stiamo facendo altro che realizzare il programma  del Sindaco Cammarata presentato in campagna elettorale. L’aiuto del Governo Regionale e’ evidente. La partecipazione dell’assessore Pappalardo all’edizione di quest’anno del Palio dei Normanni, l’attenzione dell’Ass. Falcone per la Viabilità e il finanziamento dei 7 cantieri di Lavoro sono evidenti segni del rapporto fattivo esistente con i vertici politici e amministrativi regionali.

Voglio preannunciare che il lavoro  svolto con la collaborazione del dipartimento di acqua e rifiuti del direttore Cocina ha prodotto un nuovo capitolato con la Tekra che consentira’ di far nascere a Piazza Armerina alcune isole ecologiche per la raccolta dei rifiuti differenziati nelle contrade che si trovano fuori dal perimetro urbano. Ci tengo a sottolineare, con orgoglio,  che sono trascorsi solo due mesi dall’insediamento di questa amministrazione e gia’ si iniziano a raccogliere i primi risultati positivi.

Salvatore Cancarè
Commissario Forza Italia Piazza Armerina.

(nella foto l’assessore Marco Falcone davanti ad uno dei pilastri di un viadotto sulla SP4)

Festa dei giovani a Piazza Armerina aspettando Papa Francesco

In vista della prossima visita di Papa Francesco alla città e diocesi di Piazza Armerina il 15 settembre, l’ufficio diocesano di Pastorale giovanile, diretto da don Filippo Celona, ha organizzato un momento di riflessione e di festa per i giovani della diocesi il 14 settembre, vigilia della venuta del Santo Padre dal tema “Perché la vostra gioia sia piena”. (Sul sito www.diocesipiazza.it la lettera di don Filippo Celona e la scheda d’iscrizione).

L’incontro che avrà inizio a partire dalle ore 17.30 non prevede solo il momento di riflessione ma anche di festa e musica e si concluderà con la celebrazione di una veglia dinanzi a Gesù Eucaristia. In 7 chiese della città, dalle 18.30 alle 20.30, 7 sacerdoti daranno testimonianza sulla Gaudete et Exultate di Papa Francesco.

A partire dalle ore 21 in piazza Duomo, la festa spettacolo:

Arriverà direttamente dal gradino più alto del podio del talent X-Factor 11, il cantante ragusano Lorenzo Licitra, ospite speciale della serata. Con lui da Ragusa arriva anche Nico Arezzo, cantante e chitarrista concorrente di X-Factor 2017, vincitore del Festival Show 2017 e astro nascente del pop nazionale. Ad accompagnarli in un inedito percorso musicale sarà il pianista e compositore ragusano Peppe Arezzo, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

Ad aprire la serata e accogliere i numerosi giovani attesi in piazza Duomo la sera del 14 settembre, saranno due band piazzesiRomano Bros (Angelo e Marco Romano) e Taverna Umberto I(Giuseppe e Gianfilippo Santangelo), da sempre vicine al mondo cattolico.

Diverse le testimonianze previste che verteranno sul tema della gioia: già confermata la presenza del prete cantautore Giosy Cento che la sera del 14 parlerà ai giovani anche attraverso la sua musica. Un suo concerto integrale è poi previsto a Piazza Armerina sabato 15 dopo l’incontro con Papa Francesco.

Anche il vescovo Rosario Gisana ha già manifestato la volontà di stare accanto ai suoi giovani e partecipare alla serata di musica e testimonianze.

E intanto l’inno dei giovani che incontrano il papa in Sicilia, dal titolo “Canta e danza insieme a noi”, sarà presentato a Piazza Armerina e a Palermo e condiviso più volte nel corso degli incontri regionali. A scriverlo, musicarlo per l’occasione e donarlo ai giovani dell’Isola è stato don Filippo Celona, responsabile della pastorale giovanile della diocesi piazzese e attualmente parroco di San Giovanni Battista a Enna alta. (l’inno in versione mp3 è possibile scaricarlo dal sito diocesano www.diocesipiazza.it). Il pernottamento dei giovani sarà nei locali delle parrocchie di Piazza Armerina. Le iscrizioni dei gruppi devono pervenire entro e non oltre il 3 settembre prossimo al seguente indirizzo mail: filippocelona@hotmail.it, oppure chiamando al numero 3472307621. I giovani che parteciperanno all’incontro del 14 potranno avere il pass per la visita del Papa di giorno 15. Potranno prendere parte all’evento i giovani e ragazzi a partire dai 14 anni.

Viabilità: in arrivo 2 milioni di euro da spendere sulla Piazza Armerina (Aidone)- Valguarnera-A19

Il presidente Nello Musumeci ha mantenuto in parte la promessa, fatta in campagna elettorale e ribadita durante le recenti elezioni amministrative a Piazza Armerina, di finanziare fondi a favore della viabilità dell’entroterra siciliano ed in particolare nel territorio della provincia di Enna. Martedì scorso il Governo regionale ha deliberato uno stanziamento di 10 milioni di euro che finanzierà undici direttrici, seguito da un secondo finanziamento di circa 4/5 milioni di Euro che verrà utilizzato per la normale manutenzione e la segnaletica. In realtà Musumeci aveva parlato di 50 milioni di Euro ma alla luce della situazione economica siciliana dobbiamo considerare già un buon risultato quanto ottenuto dalla Regione.

Importante l’intervento sulla SP4 lungo Piazza Armerina- Valguarnera- Svincolo A19 una strada che è una vergogna per l’intera Sicilia visto che rappresenta la direttrice principale per il flusso turistico diretto a Piazza Armerina e ad Aidone. Il finanziamento per questa strada è di 1 milione e 674 mila euro a cui bisogna aggiungere 572.687 euro finanziati sull’asse Aidone-Valguarnera-A19. Un altro finanziamento è quello relativo alla direttrice Piazza Armerina – Enna – A19 con un finanziamento di 220mila euro. L’ultimo a riguardare la città dei mosaici è quello relativo alla strada Piazza Armerina – Mirabella Imbaccari con un importo di 748.898 euro. Finanziamenti sono previsti per altre importanti strade della  provincia tra cui la Barrafranca- Enna (1.894,000  euro).