BILANCIO REGIONALE: AUMENTANO LE TASSE PER CITTADINI E IMPRESE

Nella nuova finanziaria della regione siciliana sono previsti una serie di aumenti per alcune tasse che colpiscono sia le imprese che i provati. Ottenere la patente costerà 15 euro in più, mentre per gli esami di idoneità all’insegnamento nelle scuole guida e per la patente di autista di bus, si dovranno pagare 123 euro in più. Nuove tasse anche per il rilascio di autorizzazioni per impianti energetici (da mille euro per il fotovoltaico a 6 mila per i rigassificatori e centrali a carbone). Le royalties sui petrolieri passano dal 7 al 10 per cento del fatturato. Votata anche una tassa di 10 euro a ettaro per i proprietari terrieri che vogliono inibire la caccia nei loro fondi.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PIAZZESE CONDANNATO A 8 ANNI DI CARCERE PER AVER ABUSATO DELLA FIGLIA

Il tribunale di Enna ha condannato a 8 anni di reclusione il piazzese S.F., di 33 anni, per aver abusato per anni della figlia della convivente, una ragazza , oggi ventenne, disabile psichica. S.F. era stato denunciato in passato , sempre per reati a sfondo sessuale, da parte dell’ex convivente. Nel processo è intervenuto anche un neuropsichiatra che ha giudicato credibile il racconto fatto dalla vittima. Gli episodi che hanno portato in carcere S.F. si riferiscono al 2004 quando la vittima aveva appena 14 anni.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

CINEMA: LA FOX AVVIA COLLABORAZIONE CON LA REGIONE SICILIANA

Una collaborazione pubblico-privato per lo sviluppo di produzioni cinematografiche in Sicilia. E’ quanto emerso oggi nel corso dell’incontro a palazzo dei Normanni, a margine dei lavori d’Aula, tra l’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Nino Strano, e il presidente della Twentieth Century Fox Italia, Osvaldo De Santis. “Siamo orgogliosi – ha detto Strano – di aver ricevuto una delle piu’ grandi case cinematografiche del mondo, sia nella produzione che nella distribuzione di film, e per l’attenzione che mostra verso la nostra isola. E’ la conferma di come lo strumento cinema sia consono allo sviluppo del turismo e alla promozione della Sicilia. Sosterremo le istanze della ‘Fox’, a cominciare dalla programmata presenza di un nutrito gruppo di giornalisti internazionali del settore, che saranno testimonial delle Eolie e della Sicilia in generale”. Nel corso dell’incontro, De Santis, che era accompagnato da Nino Paino e Nino Picone del Centro studi eoliano, ha annunciato che sosterra’ il festival cinematografico “Un mare di cinema” che si tiene a Lipari, dove sara’ presentata la nuova programmazione mondiale della “major” cinematografica.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PIAZZA ARMERINA:PER I TURISTI MANCA LA SEGNALETICA CULTURALE.

La stagione turistica è partita, le prime frotte di turisti, di scolaresche giornalmente pervadono le vie del centro storico cittadino e tutto ciò è più che positivo per l’asfittica economia cittadina. I turisti, fai da te, gironzolano per le vie del quartiere Monte, incuriositi dalle caratteristiche vie a lisca di pesce, ammirando questo e quel palazzo, le chiese, il castello, le iniziative al centro espositivo Monte-Prestami, del museo diocesano. Unico grosso neo per una città d’arte come la nostra, che richiama centinaia di migliaia di turisti l’anno, è che proprio loro i turisti, sono lasciati senza alcun riferimento, senza alcun itinerario urbano che li possa guidare alla scoperta di uno dei più importanti centri storici di Sicilia.
E’ pressoché inesistente la segnaletica culturale, ciò che rimane, quella gialla o marrone, è vecchia, obsoleta, non omogenea e per di più solo in lingua italiana, un grave handicap per gli stranieri, poiché è spesso incomprensibile. Si assiste a vedere passare la gente oltre, pur in presenza di chiese, conventi o palazzi nobiliari, non rendendosi nemmeno conto dell’importanza storico-artistica di quei luoghi. E pressoché inesistente la segnaletica stradale, indispensabile per la sicurezza viaria, per la guida al traffico urbano di veicoli e dei pedoni e, come strumento di conoscenza della città per i residenti e per i turisti. Il turista che ahimè decide di fare un tour per le vie del quartiere a piedi o peggio ancora con la propria autovettura, rischia di perdersi o di andarsi ad imbottigliare in qualche stretta via, ad esempio (via san Nicolò) o come spesso accade in vie senza sbocco (via Gesù Maria).
Qualche giorno fa, due auto con roulotte al seguito, giunti nel quadrivio tra le vie Monte, Crocifisso, Milazzo, non trovando alcun cartello stradale, hanno proseguito lungo via Monte, ma fortunatamente sono state fermate prima che imboccassero la via san Nicolò, all’altezza della chiesa degli Angeli Custodi. Dopo tante manovre, in retromarcia, e lasciando un nauseante odore di frizioni bruciate, sono riuscite a risalire a fatica, per poi proseguire lungo via Crocifisso, e non sappiamo se abbiano trovato difficoltà nei pressi di via san Martino, o nella biforcazione tra le vie Stradonello ed Ortalizio, poiché è inesistente qualsiasi tipo di segnaletica o cartellonistica che dir si voglia. Eppure, la nostra è una denuncia che puntualmente abbiamo sottoposto a tutte le Amministrazioni che negli anni si sono succedute, e che puntualmente è rimasta irrisolta, anche perché non è mai stata affrontata, con la necessaria consapevolezza di rendere un servizio alla città e a quanti sono soliti visitarla. Certamente, è responsabilità assoluta del Comune, che consapevolmente deve recuperare questo gap, anche in preparazione delle ghiotte occasioni di promozione turistica alle porte, la riapertura “totale” della Villa Romana del Casale, restaurata in ogni sua parte, e il rientro della Venere di Morgantina; due importantissimi eventi, che dalle nostre parti possono equivalere all’Expo 2015 di Milano. Due eventi senza eguali, che richiameranno qualche milione di persone e “forse” una segnaletica degna del nome di questa Nostra Città e, rispettosa della civiltà altrui, andrebbe fatta per la valorizzazione della Città e l’Accoglienza ai Turisti. Altrimenti, che senso ha continuare a proporsi all’esterno quale città di alta valenza turistica per poi smarrirsi, presentando una città sobria, ma disordinata.
Eppure, basterebbe guardare la città con gli occhi dei turisti, per capire l’importanza strategica di una comunicazione turistica e nello stesso tempo di design per la città. Non è possibile continuare a pilotare quanti giungono da fuori città, indicando pprossimativamente le vie per giungere in Cattedrale o al Castello Aragonese e, peggio ancora ai Mosaici, troppi, tanti stranieri finiscono per perdersi nelle strade del nostra città; anche coloro che giungono dai comuni della nostra Diocesi per il sacramento della santa Cresima, che puntualmente si celebra in Cattedrale la prima domenica di ogni mese, lamentano la carenza di segnaletica di prossimità sugli assi viari e urbana. Chi è solito viaggiare in auto può capire bene la difficoltà, l’ansia di non sbagliare e di trovare il giusto cartello, per la retta via, per raggiungere un luogo o uscire fuori da una città. La cosa strana è che il problema è elementare, noto, palese, le soluzioni sono economiche e anche a risultato sicuro. Eppure, nessuno interviene, sorprendente, no?. Il nostro auspicio, è che Lei, possa finalmente colmare questo vuoto all’immagine e al decoro della Nostra Città.


Filippo Rausa

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

AIDONE:SI METTE IN MOTO LA MACCHINA ORGANIZZATIVA PER LA FESTA DEL PATRONO

Definita dall’Amministrazione Comunale di Aidone guidata dal sindaco Filippo Gangi, la macchina organizzativa di assistenza in vista della festa di San Filippo dell’1 maggio quando arriveranno ad Aidone non meno di 50 mila fedeli del santo da tutta la provincia di Enna e di molti comuni della provincia di Catania. Di concerto con la Polizia Municipale e grazie alla collaborazione di diverse locali associazioni di volontariato e culturali, è stata predisposto un piano di assistenza alle persone che arriveranno molto dettagliato. Ma i visitatori però potranno avere la possibilità di gustare Aidone in tutta la sua bellezza. Nello specifico, vi sarà la possibilità di poter usufruire di 3 aree parcheggi, nelle piazze Giovanni Paolo II e Sant’Anna e nei pressi del campo sportivo. Le 3 aree saranno munite di punti di accoglienza ed informativi affidati alle locali associazioni di volontariato Demetra Sicily e Rangers. In piazza Vittorio Emanuele invece ci saranno 3 stand di accoglienza, di informazione e di promozione turistica della città, dove verrà distribuito materiale informativo e guide della città, affidati alle associazioni Giosef e Enduro nonché a personale del Comune e a locali operatrici turistiche. Sempre in piazza Giovanni Paolo II ci sarà un altro stand informativo affidato alle associazioni Fidapa, Ada e Archeoclub. In piazza Filippo Cordova presso i locali della sede dell’associazione Chiesa Amica, sarà allestito un punto di assistenza medico-infermieristico dotato anche di una ambulanza in appoggio in dotazione all’Avads. Per tutta la giornata rimarrà aperta la Biblioteca Comunale e dove sarà possibile ammirare una mostra di preziosi libri del 500, incunaboli, armi del Risorgimento e le divise di Cavour e dell’aidonese Filippo Cordova. Ed aperto rimarrà anche il museo archeologico con la possibilità di visite guidate a cura della Soprintendenzae dove sarà possibile ammirare gli Acroliti di Demetra e Kore. I componenti del Centro commerciale naturale “Venere di Morgantina”, allestiranno un punto promozionale e di accoglienza nella loro nuova sede in piazza Abbate Scovazzo. Sarà aperta al pubblico anche la chiesa di San Domenico, destinata a divenire la casa definitiva della Venere di Morgantina al suo ritorno dagli Stati Uniti. Nella stessa zona sarà possibile visitare, grazie alla collaborazione dei soci dell’associazione Buona Volontà i resti del castello normanno e la chiesa di San Lorenzo. “Lo sforzo organizzativo che stiamo compiendo è notevole – dice il sindaco di Aidone Filippo Gangi – e reso possibile grazie alla grande disponibilità ed al volontariato della quasi totalità delle componenti culturali e sociali presenti nella nostra città. La comunità aidonese è pronta a sostenere questo ulteriore esame nel percorso di avvicinamento allo storico evento del ritorno ad Aidone della Venere di Morgantina”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

1° CONCORSO REGIONALE DELL’OLIO: Scadenza 31 MAGGIO 2010

E’ fissato al 31 maggio del 2010 il termine di scadenza per la partecipazione al 
1° CONCORSO REGIONALE DELL’OLIO organizzato dell’Ente di Sviluppo Agricolo, dalla Camera di Commercio, dalla Provincia Regionale, dal Comune di Aidone, dalla Società Rocca di Cerere e dal Consorzio Colline Ennesi con la collaborazione delle Organizzazioni di categoria e  delle Associazioni dei produttori.


Gli interessati dovranno far pervenire, entro il giorno 31 maggio 2010 alle ore 12,00, alla Segreteria del Concorso presso l’ E.S.A.-S.O.P.A.T. 47 di Valguarnera sita in via Trieste n°10 CAP 94019 – Tel. 0935/957761 – Fax 0935/959370 –
e.mail:
sopat47@regione.sicilia.it: la domanda di partecipazione al concorso, con contestuale dichiarazione sottoscritta dall’interessato, redatta in ogni parte oltre la scheda aziendale ed i campioni dell’olio, secondo quanto previsto dal  “regolamento” del concorso che è stato diffuso e pubblicato sui siti degli Organizzatori del Concorso;


Il Concorso denominato “1° Concorso Regionale Мοργαντίνων – Morgantìnon” ha come scopo  “interventi di qualificazione, valorizzazione e promozione dell’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA e vuole inserirsi nel quadro delle iniziative di respiro internazionale culminanti col rientro della “Venere”.


• Sensibilizzare gli olivicoltori e i titolari degli impianti di trasformazione a razionalizzare le tecniche di produzione per il miglioramento della qualità dell’olio;
• Valorizzare i migliori oli extra vergini di oliva prodotti in Sicilia, per favorirne la conoscenza e l’apprezzamento da parte dei consumatori;
• Valorizzare i marchi certificati come quello delle produzioni biologiche;
• Favorire i produttori ad adeguare la propria produzione di olio verso la qualità riferibile all’olio extravergine di oliva delle “Colline Ennesi”.
• Promuovere il territorio in senso lato sfruttando l’olio, e gli altri prodotti tradizionali, come prodotto di punta ed elemento di attrazione turistica.
Sono questi alcuni degli obiettivi del 1° Concorso Regionale che insieme a tutte le altre iniziative collegate che si svolgeranno nel corso dell’anno rappresenteranno un importante occasione di valorizzazione del prodotto e di promozione del territorio.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

SANITA’: RISCHIO CLINICO, PARLA ‘SICILIANO’ IL VIDEO DEL MINISTERO

E’ stato presentato a Roma il video sulla sicurezza in sala operatoria, che illustra le modalita’ di esecuzione dei controlli che devono essere effettuati dalle equipe operatorie per ridurre il rischio clinico. Il video, voluto dal Ministero della Salute nell’ambito di una campagna di sensibilizzazione sul tema della sicurezza dei pazienti, e’ stato realizzato da un gruppo di operatori sanitari della Sicilia, coordinato da Alessandro Ghirardini, responsabile del gruppo di lavoro del Ministero della Salute, dal dirigente generale dell’Asp di Caltanissetta Paolo Cantaro e da Giuseppe Murolo, dirigente del servizio 5 dell’assessorato regionale. Il filmato e’ stato interamente girato nel complesso operatorio dell’azienda ospedaliera “Vittorio Emanuele” di Catania con la partecipazione dei responsabili nazionali delle societa’ scientifiche dei chirurghi, Gianluigi Melotti, degli anestesisti, Giorgio Della Rocca, del collegio degli infermieri professionali, Barbara Mangiacavalli e il coinvolgimento dell’Universita’ degli studi di Catania con il preside della facolta’ di medicina Francesco Basile e della Federazione nazionale dell’Ordine dei medici Luigi Conte. Premiati con una targa di riconoscimento gli artisti Nicola Piovani e Mariella Logiudice che hanno contribuito a titolo gratuito alla realizzazione del video.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ENNA :DOPO 9 ANNI RIAPRE DOMANI, IL CAMPO DI ATLETICA

A 9anni dalla chiusura, riapre domani, martedì 27 aprile, il campo di Atletica Leggera di Enna Bassa. La struttura, di classe B, è stata classificata, dalla Fidal, Federazione Italiana Atletica Leggera, come “la migliore del sud Italia”.L’inaugurazione si terrà alle ore 20,00 con una cerimonia semplice che farà da preludio a tutta una serie di manifestazioni ed attività che la Federazione Italiana di Atletica Leggera ha già deciso di far disputare ad Enna, attività anche di grande prestigio che riporteranno la città al centro dell’attenzione del mondo dello sport ed, in particolare, dell’atletica leggera, che su questo impianto punterà per un rilancio in grande stile dell’attività su pista. Il campo costruito nel 1965 era stato chiuso per inagibilità nel 2001. Ci sono voluti 2 milioni e 600 mila euro per farlo diventare un gioiello dell’atletica di cui circa 2 milioni e 100 mila euro sono stati finanziati con un mutuo del Credito Sportivo e i restanti 500 mila euro con fondi comunali. La pista è stata rifatta con “colato in opera”, un sistema all’’avanguardia che permette una percorribilità eccezionale. La tribuna, con 600 posti, è stata costruita ex novo mentre i bassi ospitano gli spogliatoi, l’infermeria e i magazzini; rifatta l’illuminazione, il che permetterà di gareggiare anche in notturna; ristrutturato l’alloggio del custode e gli ex spogliatoi mentre sono stati creati una palestra e una pista di riscaldamento dove gli atleti potranno allenarsi prima delle gare. Sarà il presidente regionale della Fidal, Paolo Gozzo, a tagliare il simbolico nastro del campo mentre saranno presenti anche i dirigenti regionali del Coni, gli atleti e tanti sportivi < Restituiamo alla città un bene di prim’ordine – dice l’assessore allo Sport, Roberto Pregadio, che è anche il presidente provinciale del Coni – In questo impianto, giudicato dai tecnici “il migliore del sud Italia”, omologato già dalla FIDAL con i complimenti per il lavoro fatto, non potranno essere disputate solo gare di mondiali e le olimpiadi. Contiamo che Enna con questo campo di atletica ritorni ad essere meta di sportivi e di gare di caratura e prestigio internazionale >.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ENNA : AL VIA IL PROGRAMMA DI DISIFESTAZIONE E DERATTIZAZIONE DEL COMUNE

Il Comune di Enna, 3° settore Lavori Pubblici ed Urbanistici, comunica che sarà eseguito un intervento di derattizzazione e disinfestazione in tutto il territorio comunale. La durata dei cicli degli interventi è fissato in giorni 4 per la derattizzazione e 3 giorni per la disinfestazione. Il programma,prevede un calendario che va fino al prossimo settembre. I° ciclo dal oggi, 26 aprile, fino al 29 aprile; II° intervento, dal 24 maggio al 27 maggio; III° ciclo, dal 21 giugno al 24 giugno, IV° ciclo, dal 5 luglio al 7 luglio, V° ciclo, dal 5 al 7 luglio (questi ultimi duecicli saranno effettati dalle ore 23 in poi mentre tutto gli altri dalle ore 8 del mattino )e VI° ciclo, dal 6 al 9 settembre.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

FINANZIARIA SICILIANA – CIMINO: NESSUNO SPAZIO AGLI SPRECHI

“L’unica e sola verita’ che si puo’ affermare, parlando di bilancio e finanziaria in questi giorni in discussione all’Ars, e’ che per la prima volta, forse dopo decenni, stiamo realizzando il documento piu’ importante della vita politica-assembleare improntato a criteri di trasparenza e severita'”. E’ quanto dichiara Michele Cimino, vicepresidente della Regione con delega all’Economia, commentando gli attacchi provenienti da piu’ parti nei confronti di una manovra costretta a tenere in debita considerazione da un lato la scarsita’ delle risorse e dall’altro le legittime aspettative di coloro che, a torto o a ragione, aspirano alla tutela delle proprie posizione economiche e lavorative. “Non si tratta di dare stipendi – prosegue l’assessore – ma di assicurare la pace sociale che in passato, forse a torto, e’ stata possibile avere creando a dismisura quella enorme massa di precari, in assenza di investimenti nei settori produttivi. E le cui motivazionioggisono state e continuano ad essere oggetto di discussione in materia di federalismo, capaci di riempire le pagine di giornali e di centinaia di pubblicazioni sul mancato sviluppo del Sud”. “Per questa sola e unica verita’ – continua Cimino – della quale certamente tutti siamo consapevoli, mi auguro che i colleghi deputati, il cui senso di responsabilita’ in passato hanno saputo sempre dimostrare, entro la prossima settimana approvino la manovra economica”. “Per quanto riguarda la finanziaria – ribadisce il vicepresidente – piu’ volte ho indicato che e’ corposa, complessa, coraggiosa e condivisa dalle parti sociali e che mostra la serieta’ e l’impegno del lavoro del governo per dare risposte responsabili alla Sicilia. Tra i punti salienti introdotti nel testo il credito d’imposta per l’occupazione; l’istituzione e il finanziamento delle zone franche urbane, atte a contrastare fenomeni di esclusione sociale; il rilancio produttivo del settore industriale nell’area di Termini Imerese, con un finanziamento di 150 milioni di euro per interventi urgenti e i processi di patrimonializzazione dei Confidi. Tutte azioni che rispondono alla pesante agenda della crisi economica regionale. Ulteriori risposte arrivano per le famiglie numerose e disagiate per le quali e’ previsto il taglio dell’Irpef e dei ticket sanitari e nel settore dell’istruzione, il tempo pieno nelle scuole. Aiuti anche ai settori che maggiormente soffrono della crisi, come quello agricolo per il quale c’e’ il via libera per il fondo dell’agricoltura, per i danni subiti dalla peronospora, per il settore vitivinicolo”. Una finanziaria che “non lascia spazio agli sprechi – conclude Cimino – che taglia le spese della pubblica amministrazione, delle societa’ partecipate e che al contempo “getta le basi per l’azzeramento definitivo del precariato”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LEGGE SULL’EDITORIA SICILIANA

Un gruppo di lavoro composto da docenti universitari e dai rappresentanti dei vari settori dell’informazione giornalistica e del mondo dei libri lavorera’ alla redazione di un disegno di legge sull’editoria siciliana che verra’ fatto proprio dal governo regionale e poi inviato all’Ars. Lo ha annunciato stamattina, a Palermo, nei saloni dell’Albergo delle Povere, l’assessore regionale per i Beni culturali e per l’Identita’ siciliana, Gaetano Armao, concludendo i lavori dell’incontro-dibattito “Verso una legge sull’editoria in Sicilia”. Armao ha ringraziato coloro i quali ieri eoggihanno partecipato alla due giorni sull’editoria siciliana.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LA PALLAMANO HAENNA PERDE IN CASA CONTRO IL GAETA NELL’ULTIMA GARA STAGIONALE

Si è conclusa con una sconfitta casalinga la stagione 2009/2010 per la Pallamano Haenna nel campionato di serie A-2 di pallamano maschile. I gialloverdi nell’ultima partita dei play off promozione del girone C di sabato 24 aprile hanno perso per 37 a 31 contro i laziali del Gaeta. Una battuta d’arresto che tra l’altro fa perdere alla formazione ennese la quarta posizione nel girone visto che è stata superata al terzo posto proprio dagli avversari di sabato. Una prestazione quella offerta dai ragazzi del tecnico ennese Mario Gulino ancora una volta in chiaro scuro e che fa così segnare la terza sconfitta consecutiva nelle ultime tre gare di campionato. Nello spogliatoio ennese c’è tanto rammarico per aver buttato al vento tre punti poiché per buona parte dell’incontro gli ennesi sono stati avanti anche di tre reti. Ma ad ogni modo per la società ennese il bilancio stagionale è da ritenersi lo stesso molto positivo e si guarda adesso con molto interesse alle comunicazioni che arriveranno dalla Federpallamano in tema di ripescaggi in vista di una radicale ristrutturazione dei campionati. La Pallamano Haenna infatti sarebbe propensa a dare la propria disponibilità ad un eventuale ripescaggio in serie A-1. L’ultimo atto della stagione, lunedì 26 aprile quando tutto il gruppo di atleti e dirigenti, si ritroveranno al ristorante La Veranda per la cena di fine anno. “La cosa che ci dispiace di più è che abbiamo steccato nell’ultima gara di campionato davanti ai nostri tifosi che anche sabato scorso erano numerosi al palazzetto – ha commentato a fine gara il direttore generale della Pallamano Haenna Luigi Savoca – ma adesso non pensiamoci più. La cosa più importante è che abbiamo chiuso una stagione dove i nostri giovanissimi atleti ci hanno regalato la conquista della salvezza che per la nostra società è un risultato importantissimo. Adesso prendiamoci una pausa e attendiamo le notizie che arriveranno dai vertici federali. Dopodichè decideremo il da farsi. E’ chiaro però che una eventuale decisione nel dare eventualmente la disponibilità ad un ripescaggio, è subordinata ad altri fattori, prima di tutto quello economico. E’ risaputo che la nostra società non naviga certo nell’oro, ma malgrado ciò abbiamo lo stesso assicurato la partecipazione ad un campionato nazionale, grazie soprattutto a tutto il gruppo degli atleti, giovani e non giovani che lo hanno fatto a titolo gratuito e che ringrazio per quanto hanno fatto a nome della società”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

VELOCITA’ SPEDITA PER L’ORGANIZZAZIONE DEL RIENTRO DELLA VENERE DI MORGANTINA

L’assessoreregionale per i Beni Culturali e per l’Identità siciliana, Gaetano Armao, il Sindaco di Aidone, Filippo Gangi, e il Presidente della Provincia di Enna, Giuseppe Monaco hanno messo a punto operativamente la tappa fondamentale di avvicinamento al grande evento del rientro della statua di culto “Afrodite”, comunemente nota come Venere di Morgantina. Lo hanno fatto in un incontro operativo nella giornata di venerdì 23 aprile 2010. Le risorse, di imminente disponibilità, reperite dall’assessore Armao, ammontano complessivamente a circa 2 milioni di euro. Saranno impiegate per il recupero e l’allestimento della chiesa di San Domenico e per la sistemazione del percorso turistico dal Museo Archeologico di Aidone a San Domenico, sulla base di progetti, escluso quello sull’allestimento, che il Comune di Aidone renderà disponibili con l’essenziale supporto dell’Università di Enna – Kore, che subito predisporrà i preliminari studi di fattibilità, completi dei relativi quadri economici.
Contemporaneamente, il Sindaco di Aidone, Filippo Gangi, chiederà al Prefetto di Enna, Giuliana Perrotta, di poter dare corso alla stipula del contratto di “comodato d’uso” della chiesa sconsacrata di San Domenico, per averne in tempi rapidi la completa disponibilità. Il Presidente della Provincia, Giuseppe Monaco, darà ogni impulso per quanto attiene alla viabilità. L’Assessore Armao, da parte sua, si è gia attivato per bandire un concorso di idee riguardante l’allestimento, che riveste una riconosciuta e fondamentale importanza in tutta la progettazione. Sicuramente non mancherà il contributo fattivo della Soprintendente di Enna per le competenze esercitate. Da venerdì 23 aprile è ufficialmente incominciata la corsa contro il tempo, ma i player in campo vanno tutti nella stessa direzione, con l’unico obiettivo di assicurareil rientro ad Aidone della famosissima “Afrodite”. “L’incontro di venerdì 23 aprile con l’assessore Armao e il Presidente della Provincia è stato di fondamentale importanza perché prettamente operativo – ha detto il sindaco di Aidone Filippo Gangi – ed è l’ulteriore conferma che le istituzioni, in questo caso Regione, Comune di Aidone e Provincia, ma anche Soprintendenza ai beni Culturali e Università Kore lavorano in grande sinergia e marciano tutte in direzione di fare del rientro della Venere ad Aidone un grande evento culturale turistico per tutta la Sicilia”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LA PALLAMANO HAENNA CHIUDE LA STAGIONE DAVANTI AI PROPRI TIFOSI CONTRO IL GAETA

Chiudere in bellezza una stagione ricca di soddisfazioni con la conferma del terzo posto. E’ quanto vuole fare la Pallamano Haenna che sabato 24 aprile nell’ultima giornata dei play off del girone C del campionato di serie A-2 di pallamano maschile al palazzetto dello sport di Enna bassa, con inizio alle ore 18,30 affronta il Gaeta. Gli ennesi che con 14 punti occupano attualmente la terza posizione nel girone alle spalle della So.Edil. Alcamo e del Fondi vogliono confermare questa posizione che sarebbe un grande risultato molto al di la dei programmi stagionali che parlavano della conquista della salvezza. E quindi per i gialloverdi oggi si tratterà di una passerella davanti ai propri tifosi ma da non potere prendere sotto gamba poiché gli avversari si trovano ad inseguire ad una sola lunghezza. Per la Pallamano Haenna la conquista del terzo posto è importante poiché potrebbe aprire prospettive molto interessanti in vista della prossima stagione poiché la Federpallamano ha previsto una radicale ristrutturazione di tutti i campionati nazionali. E per la Pallamano Haenna con il terzo posto finale potrebbero aprirsi le porte del ripescaggio in serie A-1. Il tecnico ennese Mario Gulino in settimana ha catechizzato a dovere i propri atleti sull’importanza di una eventuale vittoria e per il match contro il Gaeta dovrebbe avere a disposizione tutti gli effettivi. Nella gara di andata in terra laziale, la Pallamano Haenna subì una incredibile sconfitta dopo che nel primo tempo aveva nettamente dominato la gara. Quindi oltre all’importanza della classifica tra gli atleti locali segna anche il sentimento di rivalsa. “Non vi è dubbio che ci teniamo molto a chiudere nel migliore dei modi davanti ai nostri tifosi una stagione che ci ha regalato molte soddisfazioni – dice il direttore sportivo della Pallamano Haenna Giuseppe Chillemi – anche perché la vittoria per noi è di fondamentale importanza ed i nostri atleti lo sanno. Con questo gruppo di giovanissimi atleti nell’arco di due anni abbiano conquistato dapprima una miracolosa salvezza e poi ci siamo qualificati per i play off promozione. E siamo convinti che questo gruppo di atleti ha ancora ampissimi margini di crescita e potranno regalarci parecchie soddisfazioni anche in una serie superiore. La società non vuole lasciare nulla al caso e quindi vuole avere tutte le carte in regola per un eventuale ripescaggio. Ci auguriamo che tutto ciò venga recepito dalle istituzioni locali e dalla forze imprenditoriali. Avere una squadra in una massima serie è anche importante per la visibilità non solo sportiva di una intera città”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ARRIVA ”ANIME MIGRANTI”,IL NUOVO PROGETTO DI MARIO INCUDINE

Dopo tre anni dalla pubblicazione diAbballaluna, esce il nuovo lavoro musicale di Mario Incudine,Anime migranti, colonna sonora di un progetto corale sulla fratellanza tra i popoli abbracciato da Alessandro Haber, Mario Venuti, Edoardo De Angelis, Nino Frassica, Salvatore Bonafede, Faisal Taher, Lello Analfino, Anita Vitale, Kaballà, i Djeli D’Afrique e il coro Hathor del primo circolo di Vittoria. E parte subito anche il nuovo tour che porterà Incudine, i suoi musicisti e tanti ospiti d’eccezione per i teatri della Sicilia e dell’Italia con un concerto e un recital sui racconti dei migranti siciliani.  Presentato in anteprima al The Place di Roma lo scorso 23 marzo e in prima assoluta il 17 aprile alla mediateca comunale Lacasadigiufà di Enna, nell’ambito della rassegna Narrazioni d’amore, il progetto Anime migrantiha già riscosso grande successo di critica e pubblico. La migrazione secondo Incudine è uno specchio nel quale si riflette la Storia, una tela di occhi che si scambiano sguardi disperati da Palermo a Tunisi, da New York a Baghdad. L’unica strada percorribile per le “anime migranti” di ogni tempo è la fratellanza, tracciata da chi ci ha preceduto. Le facce dei siciliani sui bastimenti per l’America, le braccia laboriose nelle miniere belga che hanno fatto più grande l’Europa somigliano come una goccia d’acqua alle mani degli africani approdati sulle nostre coste. Il nuovo cd prende avvio daSalina, il brano con cui Incudine ha vinto il Festival della nuova canzone siciliana, e si arricchisce di eccellenti collaborazioni, come quella del pianista Salvatore Bonafede, il cantautore Edoardo De Angelis, l’attore Alessandro Haber, la firma di Lello Analfino, la voce di Anita Vitale, l’entusiasmo dei Djeli D’Afrique, il carisma di Kaballà, e l’eleganza di Mario Venuti, l’anima di Faisal Taher, la tenerezza del coro Hathor del primo circolo di Vittoria diretto da Cinzia Spina e le parole di Erri De Luca recitate da Nino Frassica per dare respiro alle trame di vite alla continua ricerca di una terra. «È una riflessione in musica e parole per non dimenticare da dove veniamo e per non assistere ancora una volta al silenzio della memoria – spiega Mario – la musica popolare, quella che i nostri nonni hanno portato Oltreoceano e quella che ancora vive dentro i racconti di chi è rimasto da questa parte del mare è il filo conduttore di questo viaggio che parte dalla Sicilia: da quest’isola si alza un canto a più voci per raccontare il nostro tempo, un tempo in cui le coste sono teatro di tragedie, di gommoni che non riescono a toccare riva e di mari ormai cimiteri di tanti, indefiniti, morti. Per questo motivo ho voluto condividere questo progetto con tanti amici, grandi artisti, attori, cantanti, musicisti, perché sia un unico abbraccio, un’unica voce, un’unica bandiera per la pace e l’amore tra i popoli. C’era una Sicilia che ha visto partire, c’è una Sicilia che vede arrivare. Questa è la Sicilia che si è messa a cantare». Con Mario Incudine in questo nuovo viaggio, i musicisti Franco Barbarino (corde), Antonio Vasta (fisarmonica, organetto e zampogna), Antonio Putzu (fiati), Emanuele Rinella (batteria), Riccardo Laganà (percussioni) e Pino Ricosta (basso).

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

GELA : ANNEGA I SUOI FIGLI CREDENDOLI AFFETTI DA AUTISMO

Verrà trasferita oggi pomeriggio la gelese Vanessa Lo Porto, dio 30 anni , che ieri ha annegato i suo figli di 2 e 9 anni gettandoli in mare. La donna, che oggi è stata visitata nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Gela, sembra abbia compiuto il tragico gesto perché riteneva che i bambini fossero entrambi affetti da autismo. Sulla donna pende l’accusa di duplice omicidio. Sempre nella giornata di oggi i due corpi sono stati recuperati. I funerali si svolgeranno nei prossimi giorni dopo gli accertamenti della magistratura.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PARTE IL PROGETTO CEPROCON “CONSORZIO ETICO TRA PRODUTTORI E CONSUMATORI

Il Settore Attività Produttive del Comune di Piazza Armerina avvia il progetto CEPROCON “Consorzio Etico Tra Produttori e Consumatori”.
Lo scopo è quello di realizzare una interfiliera agroalimentare corta per vendere direttamente a tutti i consumatori il paniere di prodotti tipici e di qualità del territorio.
Ogni produttore agricolo, associazione di produttori e consumatori, operatori commerciali, artigiani, scuole e altri soggetti interessati, potranno partecipare al progetto nella veste di soci del consorzio, attraverso la compilazione di un’apposita scheda di manifestazione di interesse da ritirare, compilare e consegnare al Settore Attività Produttive e Sviluppo Economico del Comune.
Il prossimo 30 Aprile è previsto un incontro al quale potranno partecipare gli interessati alla presentazione del progetto e che si terrà presso la Sala Espositiva Monte Prestami alle 18.00.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

MERCATO SETTIMANALE:NESSUNA PROTESTA DA PARTE DEI COMMECIANTI

Il mercato settimanale di oggi si è svolto senza intoppi e proteste da parte dei commercianti, i quali hanno potuto appurare che non vi è stato alcun calo nelle presenze, come temevano vi fosse, dopo lo spostamento delle bancarelle dalla piazza Falcone-Borsellino al piano Sant’Ippolito. E’ stata dunque una proficua giornata di lavoro per tutti gli ambulanti tranne per uno di loro che, dopo aver tentato di montare la propria bancarella in una zona vietata e aver disubbidito agl’ordini della polizia, è stato condotto in questura e denunciato per violazione dell’articolo 350 del codice penale. Il traffico non ha subito grossi rallentamenti e , soprattutto, la zona nord della città è stata priva di intasamenti.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

FESTA DEL LIBRO: DOMANI L’INCONTRO CON LO SCRITTORE E ILLUSTRATORE IRAKENO AZIZ FUAD

Proseguono gli appuntamenti con la Festa del Libro e della Lettura in programma fino al 30 aprile prossimo. L’evento è organizzato dal Comune di Enna, dal 2° Circolo Santa Chiara, 4° Circolo Neglia, dalle scuole secondarie di I grado G. Pascoli e N. Savarese, in collaborazione con il club Unesco di Enna, la biblioteca comunale, la mediateca LaCasadiGiufà, la Soprintendenza ai Beni Culturali, la società Dante Alighieri l’associazione la Rupe, gli Editori che hanno aderito all’’iniziativa/l’associazione librai di Enna l’associazione I putiari, la libreria città Aperta, l’Avo, il reparto Pediatria e Otorino dell’Ospedale di Enna. Oggi alle ore 9, gli allievi del circolo Santa Chiara incontrano, alla biblioteca comunale, lo scrittore e illustratore iracheno Aziz Fouad. Sempre domani, in biblioteca, invece, gli allievi delle scuole medie Pascoli e Savarese partecipano a “Racconti siciliani” a cura di Carlo Greca e con musiche originali di Corrado Cristaldi eseguite dal vivo. E sempre domani, a cura della cooperativa Quetzal la Bottega Solidale di Modica che con il cioccolato portano avanti un laboratorio creativo, i bambini della Paolo Arisio e della Santa Chiara sperimentano nuovi modi di illustrare. Nel pomeriggio alle ore 16 e trenta, alla Galleria Civica, seminario dedicato agli insegnanti e agli operatori sul tema “Gianni Rodari, la grammatica della fantasia: viaggio intorno al libro e alla parola” a cura di Gabriella Zammataro, Beppa Finocchiaro, ideatrici della Festa del Libro di Zafferana Etnea e Azuz Fuad. Nato ad Arbil (Kurdistan Iracheno) nel 1951, diplomato all’Accademia di Belle Arti di Baghdad nel 1974 e all’Accademia di Belle Arti di Firenze nel 1977,Fuad Aziz vive e lavora a Firenze.Autore di numerose mostre personali e collettive in Italia ed all’estero e di opere permanenti in varie città, si occupa da alcuni anni di illustrazioni di libri per i ragazzi. È tra i fondatori e membro dell’associazione «Biblioteca di Pace» di Firenze. Si occupa della “cultura della fiaba”, facendone oggetto di studio e di approfondimento, come importante strumento di comunicazione e di scambio culturale . Venerdì 23 aprile , giorno della Festa internazionale del libro, letture en plein air nelle vie e nelle scalinate, nelle piazze e nei cortili della città,dal cortile Pollicarini, al cortile della Chiesa di San Paolo, a quello della Soprintendenza, alla scalinata del Duomo e ancoralaboratori, incontri con gli artisti spettacoli. “Le classi che si prenotano – si legge sul programma – trovano una storia pronta da essere ascoltata”. Dalle 10 alle 12 in piazza Vittorio Emanuele, si terrà il laboratorio creativo di Daniela Guglielmaci “Re e regine, Maghi e fatine: fiabe e rime alla finestra” mentre la scuola secondaria di I grado incontra lo scrittore Azuz Fuad. Sabato, 24 aprile, invece, dalle ore 9 e trenta alle ore 12 e trenta, alla Galleria Civica,Mi cunti u cuntu? “U cuntu da Madonna di Casciugiuvanni”,testo di Rocco Lombardo e illustrazioni di Luca Manulia cura dell’associazione La Rupe Musciamà, Centro studi e ricerche sulle tradizioni popolari Enna. Il programma della Festa del Libro e della Lettura si snoda nel mese di aprile con code a maggio tra visite alla Biblioteca Comunale di Enna, letture a colazione con la partecipazione dei panettieri che offriranno pane e nutella, visite alla Mediateca laCasadiGiufà, letture animate presso la Libreria Città Aperta, pomeriggi in libreria con i genitori.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

FINANZIATO IL PRIMO DEI PROGETTI DEL COMUNE PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL QUARTIERE ITRIA

Pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 16 aprile il decreto che finanzia “Interventi per il miglioramento dell’assetto idrogeologico” e “Interventi di messa in sicurezza delle aree interessate dai fenomeni di dissesto” con i fondi europei del POR FESR Sicilia 2007/2013 .   Al ventiduesimo posto, in posizione utile per il finanziamento, è collocato il progetto di Risanamento idrogeologico del quartiere Itria la cui scheda era stata elaborata dall’Ufficio di Protezione civile diretto dall’ing. Walter Procaccianti in occasione della pubblicazione nella Gazzetta del 20 luglio 2009, di un invito a manifestazione di interesse per la costituzione di un parco progetti regionale volto alla mitigazione del rischio idrogeologico e inviata a settembre.   Il progetto prevede una serie di interventi di consolidamento lungo i fabbricati di via Itria, tra il Piano Capodarso e la chiesa dell’Itria e in cortile Arena e via Cannizzo la demolizione di parte dei fabbricati interessati dai crolli del 1981, con successiva realizzazione di un’area di verde attrezzato.   Complessivamente i lavori ammonteranno a circa 700 mila euro, mentre il finanziamento complessivo è pari a 1.130.000 euro.   Il progetto affronta uno dei temi più delicati nel centro storico di Piazza, quello dell’area prossima alla centralissima piazza Garibaldi che, negli ultimi 25 anni è stata funestata da numerosi eventi calamitosi. Nel 1981 fu necessario ordinare lo sgombero, divenuto definitivo, a numerose famiglia; successivamente altre frane si verificarono nel 1995 e nel 2001 e nel dicembre 2007 il crollo parziale della chiesa dell’Itria. L’area presenta dunque numerosi problemi idrogeologici al punto che nel settembre 2008 il Comune ne ha chiesto l’inserimento nell’elenco regionale delle aree a rischio idrogeologico, premessa per il finanziamento ora accordato. «Il grande sforzo di progettazione che abbiamo chiesto ai settori tecnici del Comune, Lavori Pubblici e Protezione civile fin dal nostro insediamento, comincia a dare i suoi frutti. L’inserimento del primo progetto dell’Itria tra quelli che andranno a finanziamento se presenteremo l’esecutivo entro due mesi è motivo di grande soddisfazione – ha affermato il Sindaco – perché aggiungiamo un altro importante tassello alla strategia di recupero del centro storico non solo come luogo per i turisti, ma come luogo della residenza e dei servizi ad essa connessi. Tenevamo molto a questo progetto e lo abbiamo seguito settimanalmente presso gli Uffici dell’assessorato investendo anche l’on. Elio Galvagno del compito di vigilare perché esso venisse correttamente valutato.» «Con questi lavori creiamo le premesse per una totale riqualificazione di una parte importante del centro storico alla quale contribuirà la ricostruzione della chiesa dell’Itria, il cui progetto verrà realizzato per conto della Diocesi, dalla Soprintendenza e dal genio civile, e un secondo progetto che il Comune ha presentato per realizzare parcheggi e collegarli attraverso un ascensore pubblico con piazza Garibaldi – spiega l’assessore alla Politiche del territorio Gaetano Guccio che nei giorni scorsi ha riunito tutti i soggetti interessati. I tecnici della protezione civile del Comune sono già al lavoro – aggiunge. Nei prossimi giorni saranno affiancati da supporti specialistici esterni per redigere il progetto esecutivo nei tempi assegnati.» «Non è l’unica buona notizia che potremo dare ai cittadini di Piazza in questi giorni – anticipa il Sindaco Nigrelli. Cominciamo a raccogliere i frutti di quasi due anni di duro lavoro nell’interesse della città e per l’attuazione del programma elettorale.»  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

2 giugno – Festa della Repubblica 2010 e 25 aprile Festa della Liberazione

Iniziative. Si è tenuta presso la Prefettura una riunione preparatoria della ricorrenza, il prossimo 2 giugno, della Festa della Repubblica. Hanno partecipato all’incontro il Questore di Enna, Dr. Salvatore Patanè, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Enna, Ten. Col. Giuseppe Di Martino, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Enna, Col. Giuseppe Pisano, il Dr. Rino Agnello, Sindaco del Comune Capoluogo, il Dr. Fabrizio Tudisco, Assessore Provinciale al Turismo, il Dr. Vincenzo Pirrone  Pres. ANCE – rappresentante della Confidustria, il Dr. Gaetano Dinicolò, Presidente della Confcommercio, il Dr. Santo Livosi, Direttore della Confesercenti, il Dr. Francesco Salamone, Presidente della Confederazione Italiana Agricoltori, il Dr. Pietro Rocca, Direttore della Coldiretti, il Dr. Carmelo de Rose, Presidente  della Confagricoltura e il Geom. Mario Cascio, Presidente della Confartigianato. Il Prefetto Dr.ssa Giuliana Perrotta, nel sottolineare l’importanza della ricorrenza in quanto espressione di valori di unità democratica e coesione sociale ha richiesto  la partecipazione di tutte le istituzioni affinché  la Festa della Repubblica veda il coinvolgimento di tutta la comunità. Nel corso della manifestazione che si terrà nel Comune Capoluogo con la collaborazione anche delle predette associazioni verrà realizzato un articolato programma con inizio nella mattinata del 2 giugno, con lo schieramento dei reparti delle Forze dell’Ordine e delle Associazioni combattentistiche, la lettura del messaggio del Capo dello Stato e la consegna delle Onorificenze al Merito della Repubblica Italiana. Saranno consegnate altresì dieci onorificenze al Merito Civile alla memoria degli operai deceduti nel corso della costruzione della diga Ancipa. Nel pomeriggio la manifestazione proseguirà con un concerto eseguito dal Coro della Polizia di Stato e a conclusione dello stesso verrà offerto un buffet alla cittadinanza nonché verranno gestiti, dalla predette Associazioni di categoria, degli stands all’interno dei quali vi sarà una esposizione di prodotti tipici locali con relativa degustazione.
A margine dell’incontro è stato dal Prefetto evidenziato lo stretto collegamento tra la Festa della Repubblica e la ricorrenza del 25 aprile che ricorda la Liberazione del Paese dagli invasori, dalla dittatura e la fine della guerra. E’ stato quindi concordato che a cura della Prefettura, del Comune e della Provincia in occasione della ricorrenza del 65° Anniversario della Liberazione sarà deposta una corona al monumento ai caduti, in ricordo di tutti coloro che si sono sacrificati per la nostra libertà e per l’inizio per l’Italia di un nuovo corso fondato sui principi di democrazia e uguaglianza che sono alla base della Costituzione.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

FESTA DEL LIBRO: DOMANI L’INCONTRO CON LO SCRITTORE E ILLUSTRATORE IRAKENO AZIZ FUAD

Proseguono gli appuntamenti con  la Festa del Libro e della Lettura in programma fino al 30 aprile prossimo. L’evento è organizzato dal Comune di Enna, dal 2° Circolo Santa Chiara, 4° Circolo Neglia, dalle scuole secondarie di I grado G. Pascoli e N. Savarese, in collaborazione con il club Unesco di Enna, la biblioteca comunale, la mediateca LaCasadiGiufà, la Soprintendenza ai Beni Culturali, la società Dante Alighieri l’associazione la Rupe, gli Editori che hanno aderito all’’iniziativa/l’associazione librai di Enna l’associazione I putiari, la libreria città Aperta, l’Avo, il reparto Pediatria e Otorino dell’Ospedale di Enna.
 Domani, giovedì, 22 aprile, alle ore 9, gli allievi del circolo Santa Chiara incontrano, alla biblioteca comunale, lo scrittore e illustratore iracheno Aziz Fouad.
Sempre domani, in biblioteca, invece, gli allievi delle scuole medie Pascoli e Savarese partecipano a “Racconti siciliani” a cura di Carlo Greca e con musiche originali di Corrado Cristaldi eseguite dal vivo. E sempre domani, a cura della cooperativa Quetzal la Bottega Solidale di Modica che con il cioccolato portano avanti un laboratorio creativo,  i bambini della Paolo Arisio e della Santa Chiara sperimentano nuovi modi di illustrare. Nel pomeriggio alle ore 16 e trenta, alla Galleria Civica, seminario dedicato agli insegnanti e agli operatori sul tema “Gianni Rodari, la grammatica della fantasia: viaggio intorno al libro e alla parola” a cura di Gabriella Zammataro, Beppa Finocchiaro, ideatrici della Festa del Libro di Zafferana Etnea e Azuz Fuad. Nato ad Arbil (Kurdistan Iracheno) nel 1951, diplomato all’Accademia di Belle Arti di Baghdad nel 1974 e all’Accademia di Belle Arti di Firenze nel 1977,Fuad Aziz vive e lavora a Firenze.Autore di numerose mostre personali e collettive in Italia ed all’estero e di opere permanenti in varie città, si occupa da alcuni anni di illustrazioni di libri per i ragazzi. È tra i fondatori e membro dell’associazione «Biblioteca di Pace» di Firenze. Si occupa della “cultura della fiaba”, facendone oggetto di studio e di approfondimento, come importante strumento di comunicazione e di scambio culturale . Venerdì 23 aprile , giorno della Festa internazionale del libro, letture en plein air nelle vie e nelle scalinate, nelle piazze e nei cortili della città,dal cortile Pollicarini, al cortile della Chiesa di San Paolo, a quello della Soprintendenza, alla scalinata del Duomo e ancora  laboratori, incontri con gli artisti spettacoli. “Le classi che si prenotano – si legge sul programma – trovano una storia pronta da essere ascoltata”. Dalle 10 alle 12 in piazza Vittorio Emanuele, si terrà il laboratorio creativo di Daniela Guglielmaci “Re e regine, Maghi e fatine: fiabe e rime alla finestra” mentre la scuola secondaria di I grado incontra lo scrittore Azuz Fuad.
Sabato, 24 aprile, invece, dalle ore 9 e trenta alle ore 12 e trenta, alla Galleria Civica,  Mi cunti u cuntu? “U cuntu da Madonna di Casciugiuvanni”,  testo di Rocco Lombardo e illustrazioni di Luca Manuli  a cura dell’associazione La Rupe Musciamà, Centro studi e ricerche sulle tradizioni popolari Enna.
Il programma della Festa del Libro e della Lettura si snoda nel mese di aprile con code a maggio tra visite alla Biblioteca Comunale di Enna, letture a colazione con la partecipazione dei panettieri che offriranno pane e nutella, visite alla Mediateca laCasadiGiufà, letture animate presso la Libreria Città Aperta, pomeriggi in libreria con i genitori.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI AIDONE ADERISCE ALLA GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO

L’amministrazione comunale di Aidone guidata dal sindaco Filippo Gangi aderisce alla “Giornata mondiale del libro d’autore” ed apre le porte ad uno dei suoi più preziosi scrigni la sua prestigiosa Biblioteca Comunale “Gaetano Scovazzo” in piazza Abate-Scovazzo. La biblioteca di Aidone trae origine dalla donazione del concittadino Gaetano Scovazzo che nel 1868, donò i suoi 8000 volumi. Scovazzo fu Ministro della Giustizia, Finanze, Agricoltura e Commercio. Fu nominato Presidente della Consulta di Sicilia e poi senatore con l’Unità d’Italia. La biblioteca racchiude inoltre le cinquecentine e gli incunabili, oltre le divise appartenute a Cavour e al Ministro Aidonese Filippo Cordova. Gli assessorati alla Cultura ed alla Pubblica Istruzione diretti rispettivamente dagli assessori Ina Copia ed Anna Maria Raccuglia in occasione di questo importante appuntamento hanno predisposto un ricco programma di eventi che coinvolgono le scuole medie e superiori presenti in città con l’istituzione di un concorso di lettura dal titolo “Racconta un libro che hai letto”. Gli elaborati verranno valutati da un’apposita commissione nominata congiuntamente dall’amministrazione e dalla scuola. Gli alunni verranno premiati con la fornitura di libri di narrativa e racconti. Da lunedì 19 a mercoledì 21 aprile sono state organizzate delle visite guidate per gli alunni dell’Istituto comprensivo “Filippo Cordova” mentre giovedì 22 aprile per gli alunni dell’istituto professionale Agrario. Venerdì 23 aprile invece le visite guidate alla Biblioteca saranno per la cittadinanza. Alle 16,30 della stessa giornata sempre nei locali della Biblioteca è previsto un incontro culturale. Previsti gli interventi dei docenti, storici ed esperti della Soprintendenza ai Beni culturali coordinati dal professore Guzzetta. Al termine della serata, la premiazione degli alunni dell’istituto comprensivo “Filippo Cordova” partecipanti al concorso di lettura 2010. Inoltre in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni culturali dallo scorso 16 aprile sino al 25 aprile sono organizzate delle visite guidate gratuite sia al museo archeologico dove si possono ammirare gli Acroliti di Demetra e Kore che al sito archeologico di Morgantina.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

SCUOLA: RIORGANIZZAZIONE DELL’OFFERTA FORMATIVA

“L’assessorato regionale all’Istruzione sta procedendo alla riorganizzazione dell’offerta formativa in Sicilia in questa fase di avvio alla riforma – ha dichiarato l’assessore regionale Mario Centorrino – con la convinzione che ogni azione mirata al suo potenziamento possa migliorare la qualita’ del nostro sistema di istruzione”. I provvedimenti di riorganizzazione nascono poiche’, a seguito della definizione della riforma dell’istruzione superiore ai sensi della legge 6/08/2008, n.133, e dell’approvazione dei relativi regolamenti per le diverse tipologie di istruzioni, e’ stata attuata la confluenza dei percorsi di istruzione secondaria superiore dal vecchio al nuovo ordinamento. L’aspetto piu’ rilevante relativo alla distribuzione dell’offerta formativa e’ stato la drastica riduzione degli indirizzi di studio attivati presso le varie istituzioni scolastiche, fortemente sentita dalla scuola siciliana, ancora caratterizzata da fenomeni di dispersione scolastica, in particolare nelle aree a rischio o disagiate. A questo fine le proposte di istituzione di indirizzi di studio dovranno essere coerenti con quanto previsto dalle tabelle di confluenza, e finalizzate a rispettare le vocazioni culturali, produttive, formative e occupazionali espresse dal territorio; conseguire una piu’ razionale ed efficace distribuzione dell’offerta formativa sul territorio di riferimento; garantire l’esercizio del diritto di scelta delle famiglie. Per l’istituzione di nuovi indirizzi bisognera’ verificare la disponibilita’ di strutture e di attrezzature necessarie. I dirigenti degli Uffici Scolastici Provinciali (USP), possono formulare proposte all’assessorato Istruzione, coerenti con il progetto di riforma. Le nuove richieste, corredate dalle relative delibere di assunzione degli oneri, dovranno essere trasmesse agli USP di competenza entro il 15 giugno 2010.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

AVEVANO FATTO IL PIENO DI DROGA PER SPACCIARLA, MA VENGONO SORPRESI DAI CARABINIERI

Con molte probabilità i due spacciatori arrestati ieri dai carabinieri di Leonforte in collaborazione con il nucleo operativo della Compagnia di Enna pensavano di essere perfettamente al sicuro , nonostante trasportassero nella loro autovettura circa 700 Gr. di marijuana. In realtà le forze dell’ordine erano sulle loro tracce da tempo e ieri li hanno intercettati nei pressi della zona industriale di Dittaino. I due , provenienti da Catania, con molta probabilità avevano acquistato la merce nella città etnea e si preparavano a spacciarla nella zona di Leonforte. I presunti spacciatori , nati e residenti nella cittadina ennese , arrestati e tradotti al carcere di Nicosia, sono Giuseppe Chiavetta, 27 anni e Salvatore Ilardi di 24 anni.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

GUERRA ALLA MAFIA : SEQUESTRATI BENI A IMPRENDITORE PALERMITANO.

La guerra alla mafia continua incessante sul piano dei sequestri di beni. L’ultimo in ordine di tempo è il sequestro di un’impresa agricola e i relativi beni aziendali, di due società edili, di due società immobiliari quotate in borsa, due ville, multiproprietà e appezzamenti di terreni all’imprenditore palermitano Francesco Ferranti, esponente della famiglia mafiosa di Carini ,arrestato a dicembre del 2007 nell’ambito di un’inchiesta antimafia condotta dai carabinieri.  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

OMICIDIO FRAGALA’: L’AVVOCATO PALERMITANO FU PRIMA GAMBIZZATO E POI UCCISO.

Ad alcuni mesi dalla morte dell’avvocato Enzo Fragalà, barbaramente ucciso da un killer, emergono alcuni particolari inquietanti sugl’ultimi istanti di vita della vittima. Dall’autopsia eseguita dal professore Paolo Procaccianti risulta che l’assassino ha prima inferto una botta alla gamba sinistra , che ha causato la rottura della tibia e costretto il legale a terra e, subito dopo, nonostante la vittima tentasse di proteggersi , è stato colpito alla testa. Non vi sono novità dal lato delle indagini. Proseguono le verifiche degl’inquirenti sulla posizione di alcuni clienti dell’avvocato ed in particolare su un diverbio telefonico tra la vittima ed un commerciante avvenuto il 15 febbraio scorso, otto giorni prima della mortale aggressione a bastonate.  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

FREDDATO A COLPI DI LUPARA IL BOSS CATANESE GIUSEPPE MAZZAGLIA

E’ stato freddato nella sua auto con colpi di lupara da due Killer. Questa la fine del boss Giuseppe Mazzaglia al vertice dell’omonima cosca che fa capo al clan Santapaola. L’omicidio, di chiaro stampo mafioso, è avvenuto nelle prime ore di oggi pomeriggio a Biancavilla in provincia di Catania. Sul posto sono presenti polizia e carabinieri. Le indagini sono coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Catania

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI MIELE

Sono state pubblicate, sul sito internet del dipartimento regionale degli interventi strutturali in agricoltura, le graduatorie provvisorie del bando per le azioni dirette a migliorare la produzione e commercializzazione del miele, relative alla campagna 2009/2010. Le graduatorie – con gli elenchi sia delle aziende ammesse, sia delle aziende non ammesse – e i relativi decreti di approvazione saranno pubblicati sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ENNA- FESTA DEL LIBRO: DA MARTEDI’ 20 APRILE, APPUNTAMENTI DEDICATI ALLA LETTURA PER BAMBINI

Al via martedì, 20 aprile, la Festa del Libro e della Lettura in programma fino al 30 aprile prossimo organizzata dal Comune di Enna, dal 2° Circolo Santa Chiara, 4° Circolo Neglia, dalle scuole secondarie di I grado G. Pascoli e N. Savarese, in collaborazione con il club Unesco di Enna, la biblioteca comunale, la mediateca LaCasadiGiufà, la Soprintendenza ai Beni Culturali, la società Dante Alighieri l’associazione la Rupe, gli Editori che hanno aderito all’’iniziativa/l’associazione librai di Enna l’associazione I putiari, la libreria città Aperta, l’Avo, il reparto Pediatria e Otorino dell’Ospedale di Enna.   Il programma si snoda nel mese di aprile con code a maggio tra visite alla Biblioteca Comunale di Enna, letture a colazione con la partecipazione dei panettieri che offriranno pane e nutella, visite alla Mediateca laCasadiGiufà, letture animate presso la Libreria Città Aperta, pomeriggi in libreria con i genitori. Il primo appuntamento è quello del martedì 20 aprile al Cinema Grivi con lo Spattacolo teatrale “Lucignolo nel paese dei bullocchi”, di Mauro Maugeri con la regia di Franz Cantalupo e con Alice Ferlito, Francesco Maria Attardi e Santo Santonocito. Dal 21 aprile al 24, poi alla Galleria Civica, la Fiera del Libro a cura degli editori Il Lunario, Città Aperta, Lussografica, Novagraph, edizioni Arianna, Libreria Minerva e Buscemi, I Parchi letterari Nino Savarese. E sempre il 21, alle ore 10, alla Galleria Civica, sarà inaugurata la mostra di Irina Hale dal tema “Sognando Federico”. Sarà presente l’artista. La mostra sarà aperta fino al 9 maggio dalle 17 alle 10 e trenta. Alle ore 15, gli allievi del plesso Paolo Arisio, parteciperanno al laboratorio dell’illustratrice, nata a Londra da madre russa e padre irlandese,che ha pubblicato più di 15 volumi per le migliori case editrici di narrativa per l’infanzia in Inghilterra e Usa. Nel corso dei dieci giorni di appuntamenti che culmineranno il 23 aprile, giorno della Festa internazionale del libro, con letture en plein air nelle vie e nelle scalinate, nelle piazze e nei cortili della città, si succederanno laboratori, incontri con gli artisti spettacoli, incontri con docenti e genitori. “E un appuntamento che conferma Enna città culturale e che va ad aggiungersi alle tante iniziative che questo Comune ha promosso in questi anni per il rilancio del capoluogo – dice il sindaco – Il percorso di questa festa è lungo e racconta oltre che cosa è un libro come nasce un libro,sollecitando piccoli e grandi verso una curiosità creativa”. In allegato il programma.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

UNIVERSITA’ KORE : SIGLATO PROTOCOLLO D’INTESA PER L’OSSERVATORIO SUI DIRITTI UMANI.

E’ stato siglato,presso gli uffici di rappresentanza della Regione Siciliana, il Protocollo d’intesa, tra la Kore di Enna ed il Consiglio Nazionale Forense per la realizzazione dell’ Osservatorio Internazionale sui Diritti Umani nei paesi del Mediterraneo (Odimed).A siglare il protocollo sono stati il Rettore della Kore, Salvo Andò ed il Presidente del Cnf Guido Alpa.Sede dell’Osservatorio sarà la Kore di Enna. L’ iniziativa coinvolge i 23 Paesi dell’area del Mediterraneo, e vede come promotori ilConsiglio Nazionale Forense (CNF) el’Università Kore di Enna – facoltà di Giurisprudenza. I Paesi del Mediterraneo interessati son Italia; Francia Grecia, Portogallo; Spagna; Cipro; Bosnia Erzegovina; Montenegro; Malta; Slovenia; Croazia; Turchia; Repubblica Albanese democratica; Algeria; Siria; Egitto; Israele; Giordania; Libano; Marocco; Tunisia; Palestina e Libia. Obiettivi dell’Osservatorio sono : promuovere la cultura e la tutela dei diritti umani nell’area di riferimento;monitorare le violazione dei diritti umani, anche al fine di intraprendere eventuali iniziative legali presso gli organismi competenti; contribuire alla formazione di una coscienza multietnica promuovendo un confronto culturale tra istituzioni e personalità dei paesi dell’area di riferimento.L’Osservatorio si occuperà anche della formazione del giurista mediterraneo sulla base di un contributo paritario delle culture dei vari Paesi. L’Osservatorio presenterà anche una relazione annuale sulla situazione dello stato dei diritti umani nell’area del mediterraneo da inviare agli organismi internazionali, ONG e governidell’area. La creazione dell’Osservatorio sui diritti umani nei paesi del Mediterraneo costituisce un evento straordinario sia sul piano culturale che su quello delle relazioni politiche tra il sistema universitario siciliano e quello dei paesi della Sponda Sud.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PIAZZA ARMERINA – LAVORI AL VERDE PUBBLICO

L’Assessore Giuseppe Di Prima comunica che si stanno effettuando interventi di diserbatura in Contrada Santa Croce e nelle Vie G. Bufalino, I. Buttitta, G. Tomasi di Lampedusa, E. Vittorini. L’intervento di diserbo potrebbe essere completato tra  domani  e mercoledì. Per la pulizia definitiva è stato concordato con i responsabili di Siciliambiente lo spazzamento straordinario dell’area interessata. In questa settimanasaranno completati i lavori nella zona del Villaggio Kennedi e nelle Vie cosiddette dei Papi. E’ stata definitivamente diserbata l’area del mercato settimanale, il Piano Sant’Ippolito, ed anche la Piazzetta Ex fermata Bus accanto alla Piazza Cascino.Altri interventi sono in atto
presso la Via Parlagreco, adiacente alla Piazza Falcone e Borsellino e da martedi verrà
diserbato tutto il percorso della Festa religiosa del 25 Aprile e del Tre di Maggio.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

MINACCE A MINISTRO FITTO: SOLIDARIETA’ DEL PRESIDENTE LOMBARDO

“Ferma condanna nei confronti di chi continua ad usare le minacce come forma di incivile pressione personale e politica e solidarieta’ al ministro degli affari regionali Raffaele Fitto”. Li esprime il Presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo dopo aver appreso della lettera di minacce recapitata al Ministro ed allo zio di questi, Antonio, sindaco di Maglie. “Le divergenze di opinioni sono il fulcro del confronto democratico e vanno affrontate nelle sedi opportune, anche con fermezza ma sempre con la dovuta civilta’. Il ricorso a questi mezzi vili e’ intollerabile”. “Mi auguro – conclude Lombardo – che in Italia possa recuperarsi un clima politico migliore che permetta la piena affermazione della democrazia”

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LA PALLAMANO HAENNA PERDE DI MISURA SUL CAMPO DELLA SO.EDIL DI ALCAMO

Una sconfitta di misura arrivata solamente negli ultimi minuti per la Pallamano Haenna che sabato 17 aprile ha perso per 34 a 33 sul campo della So.Edil. Alcamo vice capolista del girone dei play off del girone C del campionato di serie A-2 di pallamano maschile. Gli ennesi che si presentavano all’appuntamento reduci dalla pesante sconfitta subita la scorsa settimana sul parquet del Fondi non avevano nessuna intenzione di fare la stessa figuraccia contro gli alcamesi ed anche se dal campo sono usciti sconfitti quanto meno sul piano della determinazione e dell’impegno hanno dimostrato di aver capito la lezione e facendo un bel bagno di umiltà hanno affrontato l’impegno con la giusta concentrazione mentale riuscendo a rimanere in partita sino al termine malgrado abbiamo chiuso il primo tempo in svantaggio per 18 a 13. E tra l’altro il tecnico ennese Mario Gulino, non ha potuto schierare la migliore formazione poiché durante l’incontro si è infortunato lo sloveno Uros Kasevec e Santi Lo Manto non si trovava al meglio della condizione. Inoltre assente anche Roberto Gulino. Così a dettare i ritmi in campo sono stati i tre giovani Giovanni Rosso, Daniele La Placa e Salvatore Larice autori in tre di venti reti ma hanno dato il loro contributo anche Saverio Larice e Gaetano Rosso. Malgrado la battuta d’arresto, la Pallamano Haenna mantiene la terza posizione nel girone e che potrà confermare sabato 24 aprile nell’ultima partita stagionale quando al palazzetto dello sport di Enna bassa affronterà il Gaeta.“I nostri ragazzi hanno giocato una gran bella gara – ha commentato al termine dell’incontro il direttore generale della Pallamano Haenna Luigi Savoca – e malgrado la sconfitta non possiamo che ritenerci soddisfatti. Adesso dobbiamo mantenere la concentrazione sino alla prossima gara casalinga quando con una eventuale vittoria riusciremo a mantenere la terza posizione che per noi si tratterebbe di un risultato al di la di ogni più rosea aspettativa e che ci potrebbe dare la possibilità di essere ripescati in serie A-1. Voglio ricordare per l’ennesima volta che il nostro obbiettivo stagionale era quello di conquistare una tranquilla salvezza. Lo abbiamo raggiunto ed anzi abbiamo partecipato ai play off promozione. Siamo sicuri che questo gruppo di atleti nei prossimi anni ci potrà regalare parecchie soddisfazioni”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

‘’E’ TUTTO PROVVISORIO’’ SUL CANALE 868 DI SKY

Il programma “E’ tutto provvisorio” ideato e prodotto da StartTv andrà in onda sull’emittente Tele A giovedì prossimo, in chiaro sul canale 868, alle ore 22.30, all’interno della trasmissione Incontriamoci a Pub Italia che è dedicata al Festival Pub . La conduzione del programma è affidata al trio dei SenzaRadio, che da tempo conducono una fortunata trasmissione radiofonica.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

BILANCIO:CIMINO, ”APPROVATO CON SENSO DI RESPONSABILITA’DI TUTTI”

“Il bilancio della Regione e’ stato approvato dalla Commissione e ora va in aula. Devo dare atto di grande senso di responsabilita’ a tutti i componenti che, con grande equilibrio, hanno dato il via libera al provvedimento legislativo mantenendo la struttura portante dell’impianto contabile”. Lo afferma il vicepresidente della Regione Siciliana con delega all’Economia, Michele Cimino.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PIAZZA ARMERINA: L’EX MARITO LA PICCHIA E LEI SI RIVOLGE ALLA POLIZIA

Una ragazza , separata dal proprio coniuge, è stata costretta a rivolgersi alla polizia per proteggersi dalle continue violenze dell’ex marito. Dopo l’ennesima l’uomo, O.R. di Piazza Armerina, è stato denunciato perché ritenuto responsabile dei reati di stalking, maltrattamenti in famiglia e violazioni dell’obbligo di assistenza familiare. Ha trovato così applicazione a Piazza Armerina la recente legge sullo stalking approvata alcuni mesi fa dal Parlamento. Come spesso accade, sono le donne a pagare un prezzo molto alto per separazioni non accettate dal coniuge che, vista l’impossibilità di mantenere il rapporto, si lasciano andare a violenze gratuite. O.R. , 27 anni, è stato diffidato dl giudice ad avvicinarsi al proprio nucleo familiarese e se dovesse compiere altri atti di violenza potrebbe essere arrestato e condannato per reati ben più gravi.  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LOTTA AI PARCHIMETRI: LA DIGOS INCASTRA UN VENTENNE ARMERINO

Ha un nome e un cognome la persona che nel dicembre scorso ha “incappucciato” i parchimetri di Piazza Armerina per protestare contro i parcheggi a pagamento. Una bravata che forse poteva passare inosservata se il gesto non fosse stato accompagnato da tanto di volantino in stile gruppo terroristico su cui campeggiava la sigla “FAP” , fronte d’Avangurdia di Plutia. A quel punto la Digos non poteva fare altro che intervenire e svolgere le indispensabili indagini finalizzate a soffocare sul nascere qualunque nostalgia brigatista. Gli agenti, seguendo una loro pista d’indagini, durante una perquisizione a casa del giovane, hanno rinvenuto materiale compromettente che farebbe individuare in R.B. (queste le iniziali dell’indiziato) l’autore del gesto di dicembre.   Siamo convinti che il giovane armerino si sia abbastanza pentito del gesto , speriamo, per lui, che l’accusa di danneggiamento aggravato su cose destinate a pubblico servizio cada in sede di istruttoria, visto che poi un effettivo danneggiamento non c’è stato. Il giudice, se mai vi fosse un processo e volendo essere magnanimo , potrebbero condannarlo a effettuare servizio gratuito per il rilevamento delle infrazioni relative ai parcheggi a pagamento sarebbe la giusta punizione e non macchierebbe la fedina penale del giovane Don Chisciotte.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

DUE ERGASTOLANI SICILIANI EVADONO DAL CARCERE DI REBIBBIA

Alberto Ernandez Maggiore di Palermo e Cesare Genova di Caltanissetta, domenica scorsa, non sono rientrati in cella dopo il giorno conclusivo di un permesso premio di dieci giorni. Il Tribunale di sorveglianza di Roma avrebbe dato il via libera al permesso premio per le festività pasquali dopo un parere favorevole della direzione del carcere. “Le evasioni – ha detto il segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe), Donato Capece – sono percentualmente minime rispetto all’alto numero di soggetti detenuti che godono di benefici penitenziari.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

FAMIGLIA:OGGI LEANZA PRESENTA BUONO SOCIO-SANITARIO

Al via il decreto per l’erogazione del buono socio-sanitario per il quale saranno disponibili circa 30 milioni di euro. Sara’ l’assessore regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, Lino Leanza, a presentare oggi, le modalita’ per ottenere il beneficio, destinato alle famiglie che devono provvedere alla cura di soggetti non autosufficienti. La conferenza stampa e’ fissata per oggi alle 10, nei locali dell’assessorato della Famiglia di via Trinacria, a Palermo.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

CONCORSO NAZIONALE “ANGELO SIGNORELLI… LA MAGIA DELLE FAVOLE”:

Al via domani, 15 aprile, al Cinema Grivi gli appuntamenti che precedono la cerimonia di premiazione delle 13 scuole vincitrici del concorso nazionale “Angelo Signorelli…la magia delle favole” indetto dalla scuola elementare De Amicis  in collaborazione con il Comune di Enna. Con uno spettacolo dedicato ai genitori, in programma alle ore 16 e che sarà replicato sabato mattina per le scuole ospiti di Roma e Teano, andrà in scena “Cori Cori” tratto  proprio da una favola di Angelo Signorelli. 125 bambini che raccontano l’impegno degli abitanti fantastici del lago di Pergusa per tornare a fare rivivere il bacino. Cori cori, che si riallaccia d una invocazione dialettale e popolare ma anche alla dea Cerere-Kore,  racconta la storia dei folletti che quando si accorgono che il lago sta morendo cercano di salvarlo in ogni modo.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ARRESTATO PER SPACCIO DI DROGA UN VENTENNE ARMERINO

Nella giornata scorsa, gli uomini del Commissariato di P.S di Piazza Armerina. – diretti dal Vice Questore Aggiunto Dott. Giancarlo Consoli – hanno proceduto all’arresto di A. T., classe 90, su Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Tribunale del Riesame di Caltanissetta su richiesta della Procura della Repubblica di Enna, in quanto gravemente indiziato di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolare, A.T., nel corso di una mirata operazione antidroga condotta dagli uomini del Commissariato armerino, era stato arrestato nell’agosto del 2009.
In quella circostanza – a seguito di perquisizione personale e domiciliare – gli operatori accertavano che il malvivente aveva occultato nella sua abitazione sita nel quartiere Canali, 20 grammi di hashish suddivisa in dosi, destinata allo spaccio al minuto nel mercato armerino, che nell’occorso veniva debitamente sequestrata, nonostante il Treno avesse cercato di disfarsene buttandola dal balcone.
Dopo l’arresto il GIP presso il Tribunale di Enna, convalidava l’atto di P.G. disponendo a carico di A.T., la misura cautelare degli arresti domiciliari. L’ordinanza oggi eseguita, condividendo il materiale probatorio raccolti dagli investigatori armerini, ha applicato la misura custodiale in carcere, ritenendo altamente probabile il pericolo di reiterazione del reato. L’odierno arrestato, dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Enna a disposizione dell’A.G. competente.-

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

FINE ORRENDA PER UN CUCCIOLO LASCIATO MORIRE IN UN CASSONETTO DELL’IMMONDIZIA

Un cucciolo nato da pochi giorni è stato trovato agonizzante in un cassonetto di via Nino Bixio. La povera bestia era stata gettata tra i rifiuti qualche ora prima da qualcuno che ha ritenuto di disfarsene senza troppi problemi. I guati dell’animale hanno attirato l’attenzione di un passante che lo ha estratto dal cassonetto e depositato in una scatola. L’animale è moro subito dopo. Storie di ordinaria violenza sugli animali da parte di gente che si macchia di un reato penale e di un crimine crudele nei confronti di un essere vivente. Lasciare morire un cucciolo di pochi giorni in questa maniera è un’azione orribile. Il fatto è avvenuto sabato scorsonei pressi del panificio Lo Maglio. Chiunque avesse notato qualcosa di strano nella mattinata di sabato o fosse in grado di indicarci elementi per individuare il responsabile ci contatti al nostro indirizzo di posta elettronica, gireremo le informazioni alle forze di pubblica sicurezza.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ENERGIA: BUFARDECI, VIA LIBERA A RIGASSIFICATORE PRIOLO

L’assessore regionale alle Risorse agricole Titti Bufardeci ha comunicato che  la conferenza di servizio convocata oggi per discutere gli aspetti infrastrutturali e ambientali relativi all’impianto di rigassificazione di Priolo-Melilli ha espresso il proprio parere favorevole, senza neanche un voto contrario. “Dalla conferenza di servizio – spiega l’esponente siracusano del governo regionale – arriva un segnale chiaro, che va nella direzione di rilanciare l’area industriale, cogliendo al volo questa importante opportunita’ di sviluppo”. Per Bufardeci, “e’ positivo che la conferenza abbia stabilito di collegare prescrizioni molto rigide sul piano della tutela ambientale e notevoli interventi compensativi per la riqualificazione del territorio”. “E’ la dimostrazione concreta – sottolinea Bufardeci – che e’ possibile coniugare la politica energetica con la tutela del’ambiente e con i vincoli dello sviluppo socio economico. Non dimentichiamo che il rigassificatore rappresenta la strada per salvare i livelli occupazionali di quell’area industriale”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

SANITA’: RUSSO,

Il presidente della Commissione parlamentare di inchiesta l’onorevole Leoluca Orlando, nell’incontro di oggi con l’assessore regionale Massimo Russo, ha denunciato  un buco di decine di milioni nei bilanci delle aziende sanitarie catanesi e gli errori sanitari .L’assessore regionale  lo  ha ringraziato per la grande attenzione che e’ stata dedicata alla sanita’ siciliana affermando: “Sono certo che il grande lavoro svolto, l’enorme mole di provvedimenti valutati in queste ultime settimane e le tante audizioni svolte nel corso delle recenti visite siciliane consentiranno alla commissione di elaborare una relazione estremamente dettagliata e circostanziata e correttamente scevra da qualunque connotazione di tipo politico. Pur essendo conscio che ci troviamo ancora all’inizio di un lungo e complesso cammino, e che non tutti i problemi sono stati risolti, credo che la relazione non potra’ non sottolineare una sorta di “primavera sanitaria” della Sicilia”.


 

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

AGRICOLTURA: PUBBLICATE GRADUATORIE PROVVISORIE MISURA 132

Il dipartimento regionale per gli interventi strutturali in agricoltura comunica che sono stati approvati gli elenchi provvisori delle istanze ammissibili presentate ai sensi della Misura 132 del Piano di sviluppo rurale per la Sicilia 2007/2013. La misura e’ destinata ad incoraggiare le imprese agricole ad implementare sistemi di certificazione comunitari, nazionali e regionali per migliorare la qualita’ delle produzioni agroalimentari. Gli elenchi provvisori delle istanze ammissibili, con il relativo punteggio, di quelle non ammissibili e di quelle non ricevibili, con indicazione delle motivazioni di esclusione, verranno affisse all’Albo regionale dell’Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari e saranno consultabili sul sito internet dell’Assessorato. Tutti gli interessati, entro i successivi 15 giorni, dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana, potranno richiedere al l’Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari, con apposite memorie, il riesame del punteggio attribuito, nonche’ la verifica delle condizioni di non ammissibilita’ o non ricevibilita’. La misura ha una dotazione finanziaria di 16,5 milioni di euro.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ASSESSORE FERMI LA POTATURA DEGL’ALBERI !!

Si procede ancora alla potatura degli alberi a Piazza Armerina, molti però sostengono che l’operazione di pulitura  non solo è in grande ritardo, ma sarebbe anche fatta con grande imperizia. Alcuni abitanti della via Roma oggi sono andati a lamentarsi con l’amministrazione per la potatura dei tigli all’interno della Villetta Roma che sarebbe stato troppo drastica per una pianta che , come altre specie, ha solo bisogno di essere leggermente sfoltita. I tagli di rami così evidenti, sempre secondo gli abitanti, sarebbero anche sospetti visto che il legno ricavato dalla potatura rimane alla ditta che può rivenderlo. Ricordiamo anche che lo scorso hanno il ritardo causato dalla mancanza di fondi finanziari costrinse l’assessore Di Prima a interrompere l’operazione per evitare danni agli alberi.    



 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PESANTE SCONFITTA PER LA PALLAMANO HAENNA SUL CAMPO DELLA CAPOLISTA SEMAT

Una sconfitta pesantissima dalle proporzioni ingiustificabili quella subita sabato 10 aprile dalla Pallamano Haenna sul campo della capolista Fondi, nei play off del girone C del campionato di serie A-2 di pallamano maschile. Gli ennesi infatti sono stati duramente sconfitti con il risultato finale di 41 a 22. Uno scarto di reti molto pesante quello subito dai giovani ennesi che malgrado avessero davanti i leader del girone, non è assolutamente da giustificare. I ragazzi del tecnico ennese Mario Gulino non sono mai entrati in partita e già alla fine del primo tempo erano in svantaggio di una decina di reti. Ed il trend negativo è continuato anche nella ripresa. Una battuta d’arresto che deve fare molto riflettere in casa della Pallamano Haenna poiché probabilmente questo gruppo di ragazzi che nell’arco di tutta la stagione ha fatto cose pregevoli conquistando con largo anticipo la salvezza ed addirittura qualificandosi per la poule promozione, probabilmente si sente già appagato di quello che sino ad oggi ha fatto ed ha interpretato la trasferta contro i laziali del Fondi come una gita da fine settimana senza tenere in considerazione i notevoli sacrifici che la società ennese, che non naviga certo nell’oro, deve compiere da un punto di vista organizzativo, per fare affrontare le trasferte ai suoi atleti con grande dignità e professionalità. “La sconfitta ci poteva stare – commenta il direttore sportivo della Pallamano Haenna Giuseppe Chillemi – ma non in queste proporzioni. C’è modo e modo per perdere ed a Fondi i nostri atleti lo hanno fatto nel peggiore dei modi. E’ chiaro che in settimana faremo una riunione per capire meglio cosa sia successo anche se ogni tentativo di giustificazione è inutile. Mi auguro che questa bruttissima figura che abbiamo fatto possa servire da insegnamento già dalla prossima partita quando andremo a fare visita alla vice capolista del torneo So.Edil Alcamo. 

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

SANITA’: RUSSO, PRONTI INVESTIMENTI PER UN MILIARDO DI EURO

 CALTANISSETTA, – “Stiamo programmando, sulla base del reale fabbisogno, un piano di interventi di edilizia sanitaria che contribuira’ a cambiare il volto della sanita’ siciliana preoccupandosi di realizzare strutture ospedaliere moderne e funzionali, al passo con le esigenze dei tempi. Nel giro di poco tempo spenderemo 890 milioni di euro, disponibili grazie al cosiddetto art. 20, con i quali costruiremo nuove strutture e rimoderneremo quelle esistenti. Ho anche dato disposizione ai miei uffici di approntare una norma da inserire nella prossima finanziaria per ridurre, se non eliminare del tutto, con effetti a partire dal 2011, il pagamento del ticket per gli accertamenti diagnostici, un odioso balzello per i cittadini specie quando a pagare sono pazienti con limitate disponibilita’ economiche”. Lo ha annunciato oggi l’assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, intervenendo a Caltanissetta al convegno su “La riforma sanitaria un anno dopo”, organiz zato dal centro politico “Innovazione”. “La norma – ha spiegato Russo – dovra’ prevedere forme di controllo nonche’ l’obbligo del “quesito diagnostico” e cioe’ la giustificazione medico-sanitaria di ogni singola prescrizione al fine di verificare il corretto operato sia dei medici che delle strutture che erogano la prestazione”. “Abbiamo gia’ preso l’impegno di ridurre – ha proseguito l’assessore – fin dal prossimo anno le inaccettabili maggiorazioni di Irap e Irpef che i siciliani sono chiamati a pagare per finanziare il deficit provocato in passato. E non e’ finita. Nel giro di poche settimane cominceremo a spendere la prima parte di quei 100 milioni di euro di fondi europei destinati all’acquisto di apparecchiature di alta tecnologia per potenziare l’offerta sanitaria in tutte le province siciliane. Questi sono i fatti prodotti da questo Governo regionale grazie a una attenta politica di rigore e di sviluppo. Stiamo realizzando, passo dopo passo, una serie di provvedimenti che permetteranno alla Sicilia di raggiungere livelli di qualita’ pari a quello delle regioni italiane piu’ virtuose”. “La riforma e l’innovazione in sanita’ – ha concluso Russo – stanno dando i frutti sperati. Siamo ancora all’inizio del nostro cammino, ma stiamo incidendo in profondita’, lo dimostrano anche le virulente reazioni di coloro che cercano di ostacolarci perche’ vedono traballare le loro rendite di posizione. Abbiamo cambiato il metodo di lavoro rispetto al passato, guardando alla programmazione e alla qualita’ anziche’ all’improvvisazione e agli interessi di bottega. I cittadini capiscono che finalmente la politica, quella con la P maiuscola, si preoccupa di amministrare il denaro pubblico con l’obiettivo di salvaguardare l’interesse comune”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PREFETTURA:CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DESTINATO AL PERSONALE ADDETTO AI SERVIZI ANAGRAFICI

In collaborazione con l’ANUSCA – Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e di Anagrafe – la Prefettura – UTG organizza un corso di formazione professionale destinato al personale addetto ai servizi anagrafici dei comuni della provincia di Enna, incentrato prevalentemente sulle tematiche e sugli adempimenti dei Comuni relativi al soggiorno dei cittadini stranieri. Il corso, finanziato dal Ministero dell’Interno, avrà la durata di 27 ore e si svolgerà presso l’Hotel Garden di Pergusadal 3 al 5 maggio p.v. E’ prevista la costituzione di una Commissione prefettizia per la valutazione della domande e la conseguente redazione di una graduatoria per l’accesso al corso medesimo.Gli interessati, ammessi nel numero di 50, dovranno presentare (per posta, via fax o via e-mail) apposita istanza entro il 20 aprile p.v. alla Prefettura di Enna – Area II.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LOMBARDO IN PROCURA PER CHIARIRE LA SUA POSIZIONE NELL’INCHIESTA CHE LO RIGUARDA

Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, stamani ha reso spontanee dichiarazioni ai magistrati della procura di Catania. Durante l’incontro il presidente Lombardo, che non si e’ avvalso dell’assistenza di legali, ha chiarito la sua assoluta estraneita’ alle propalazioni contenute negli articoli di stampa oggetto della fuga di notizie. “Ho trovato magistrati attenti e disponibili – ha spiegato Lombardo – a cui ho riferito tutte le circostanze utili alle verifiche in corso. Ho fornito altresi’ elementi precisi e circostanziati a cominciare dalle farneticanti accuse del sig. Avola, che non ho mai conosciuto, affermazioni che mi vedono parte offesa per il reato di calunnia che contestero’ a qualsivoglia altro soggetto mi dovesse chiamare in causa impropriamente”. “Ai magistrati – ha continuato Lombardo – ho fornito, altresi’, elementi specifici che si pongono come una plausibile chiave di lettura della vicenda nella quale sono indebitamente coinvolto e di cui rendero’ conto pubblicamente, perche’ ciascuno possa farsi un proprio autonomo convincimento. Ho avuto modo di confutare nel merito gli addebiti contenuti in notizie di stampa, in quanto durante la mia azione politica e in tutta la mia vita ho sempre contrastato l’illegalita’, e quella mafiosa in particolare e gli interessi ad essa sottesi, come peraltro dimostrano incontrovertibilmente le mie azioni di presidente della Regione Siciliana. Infine – ha concluso il presidente Lombardo – ho ribadito ai magistrati la mia piena e totale disponibilita’, qualora ne ravvisino l’opportunita’, a fornire ogni ulteriore elemento utile alla loro azione”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LA FIERA CAMPIONARIA A PIAZZA ARMERINA FINO AL 18 APRILE

E’ iniziata oggi la fiera campionaria a Piazza Armerina, ma in realtà l’inaugurazione avverrà domani pomeriggio. L’aerea Siace è stata attrezzata con una serie di stand espositivi che occupano una superficie molto ampia e consentono l’esposizione al coperto. Presenti numerose aziende siciliane di vari settori commerciale che esporranno i loro prodotti fino al 18 aprile. Durante la manifestazioni vi saranno anche spettacoli e degustazioni di prodotti tipici. E’ stato anche attrezzato uno stand con una grande pizzeria che consentirà di degustare la famosa pizza napoletana. Sabato e domenica la fiera sarà aperta al pubblico dalle 10.00 alle 22.00 , nei gorni feriali dalle 16.00 alle 22.00.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

INIZIANO I LAVORI ALLA CASCINO DI PIAZZA ARMERINA

A meno di un mese dalla consegna dell’appalto sono iniziati oggi i lavori per la realizzazione delle opere di messa in sicurezza dell’edificio della Scuola Media Cascino, con la celerità massima consentita dai tempi tecnici.   I lavori prevedono l’ adeguamento di impianti elettrico ed antincendio ed abbattimento delle barriere architettoniche secondo la normativa vigente.   Le scuola saràristrutturata e messa a norma grazieall’accesso al finanziamento regionaledell’ Assessorato dei Beni Culturali ed Ambientali e della Pubblica Istruzione, coofinanziato dal Comune: I lavori sono stati appaltati alla ditta Di Maria Costruzioni per682.505euro, di cui 292.505 a carico del bilancio comunale.  Prosegue per volontà dell’Amministrazione Comunale e del Sindaco Fausto Carmelo Nigrelli l’opera di adeguamento degli edifici scolastici con l’obiettivo di consegnare alla città nel termine previsto di due anni, unico caso in provincia di Enna, l’intero parco scuole adeguato alle normative di sicurezza così comesottoscritto nel programma

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

Il comune di Enna dedica una mostra antologica a Lorenzo Maria Bottari

Il Comune di Enna, impegnato in un progetto di rivalutazione culturale del suo territorio, dedica una mostra antologica a Lorenzo Maria Bottari, personalità artistica di rilievo nel panorama internazionale contemporaneo. La mostra raccoglie un significativo corpus di opere, che vanno dalla fine degli anni Sessanta sino ad oggi, attraverso il quale è possibile tracciare una breve ma significativa cronistoria dell’artista.    Un nuovo Efesto, Lorenzo Maria Bottari, che, contrariamente a quello dei racconti mitologici, fa del mondo la propria fucina. Da questa si liberano creature dai colori ora della folgore, ora della tenerezza evanescente, ma sempre, tuttavia, soggette all’azione ammorbidente del fuoco. Artista prolifico mai pago del proprio girovagare tra i luoghi corruschi della mente e fra quelli contaminati della realtà, i cui odori, liquori e sapori intridono inevitabilmente il corpo della materia pittorica, Bottari è un pittore che ha sempre creduto nel valore dell’immagine, e ne ha sviluppato, in tutta la sua opera, la volontà iconografica contro l’iconoclastia dell’arte minimale e concettuale.   Il suo linguaggio non riconducibile ad alcuna scuola, nella sua assoluta originalità è costruito per contaminazioni: da Lam a Brauner, da Picasso a Dalì, fino a Guttuso (Franco Solmi). Nella sua pittura si riflette il respiro internazionale di incontri e amicizie feconde con artisti affermati, come i già citati Guttuso e Lam, il fotografo londinese Angus Mc Bean, ed ancora Ibrahim Kodra e Corrado Cagli, solo per citarne alcuni.   Dopo l’attraversamento/superamento della fase dell’I.S.P. (Ipersurrealistpoint), a cui Bottari da vita intorno al 1970, il suo linguaggio giunge a piena maturazione intorno agli anni ’90, quando la fantasia dell’artista, ritornato alla pittura libera, inventa l’ippogrifo e la libellula meccanici. “Teneri mostri alati, diavoletti, pinze, farfalle”, come li definì Guttuso; a partire da questa data si ritrovano come simboli araldici in quasi tutte le sue opere. L’ippogrifo meccanico, con le danze, i giochi lascivi, violenti, innocenti delle sue forme cangianti, nasce come prodotto della civiltà tecnologica e cibernetica. A distanza di vent’anni rappresenta la mutevole e sfaccettata proiezione dell’artista stesso nel mondo, svelando il proprio significato di antidoto e talismano contro il dissolversi del senso e dei valori e imponendosi come trasfigurazione/personificazione di quel genius, divinità latina dai confini incerti, che veglia sulla nascita e sulla vita dell’uomo e delle sue istituzioni.   Nella produzione più recente la maglia dei simboli diviene indecifrabile ed è spesso inserita all’interno di una tessitura geometrica che scandisce i differenti piani prospettici. Pulsioni e sentimenti sono ricondotti nell’alveo della ragione e raffigurati in un luogo simbolico e metafisico in cui avanzano, come la Venere Morgantina (Marzo 2010), nuovi simulacri di una classicità archetipa non più attualizzabile. In tal senso nella pittura di Bottari il luogo del passato appare striato da diacronie dovute all’erranza di miti che ineluttabilmente occupano il luogo del presente. Dedicata alla città di Enna la Venere Morgantina è l’immagine di un passato che non smette mai di durare, è un fantasma inopinatamente ancorato alla dimensione tellurica, è la presenza immanente dell’assenza, oltre la quale c’è l’invisibile.   Elvira D’Angelo (storica e critica d’arte.Catania, 26 marzo 2010)  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

STARTTV : UN SUCCESSO SUL SATELLITE.

Ieri sera sono andati in onda sul canale 868 di Sky , all’interno del programma Incontriamoci a Pub Italia, alcuni spezzoni della trasmissione realizzata da StartTv “E’ tutto provvisorio” con la partecipazione dei SenzarRadio. L’emittente Rete A, che trasmette sia sul satellite che sul digitale terreste, ha avuto un’ascolto medio di circa 4 milioni di telespettatori. In collegamento con il San Cristobal di Enna Angelo, Davide e Andrea (i SenzaRadio), ripresi da StartTv hanno presentato una serata dedicata alcune band emergenti e , all’interno di questo spazio, sono andati onda alcuni minuti del programma ideato e realizzato dalla nostra equipe , “E’ Tutto provvisorio”. Il format ha avuto un grande successo tanto da indurre uno dei responsabili dell’emittente satellitare a richiedere la produzione di cinque puntate da mettere in onda nei prossimi mesi. L’accordo con TeleA potrebbe consentire a StartTV di produrre, per la prossima stagione televisiva, alcuni programmi, che attualmente sono in cantiere e i cui format sono di propria ideazione.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PALIO DEI NORMANNI: LAVORO A VUOTO PER I CONSIGLIERI COMUNALI

Le commissioni consiliari che si sono occupate del Palio dei Normanni hanno concluso i loro lavori durati circa 8 mesi e hanno inviato le proposte elaborate al fine di migliorare la manifestazione all’Amministrazione. C’è da dire che il documento stilato dalle commissioni ha ricevuto il parere negativo di Francesco Galati, funzionario dell’ufficio comunale che si occupa del Palio e inoltre che si tratta solo di indicazioni non vincolanti in quanto spetta alla Giunta municipale proporre un regolamento e non al Consiglio comunale. Le proposte delle commissioni riguardano il nome della manifestazione che secondo i consiglieri andrebbe cambiato da “Giostra del saraceno” a “Giostra medievale”. Cosa praticamente impossibile poiché la manifestazione è stata inclusa in alcuni progetti di finanziamento sia europei che regionali proprio col nome che da cinquant’anni la identifica. L’altra proposta riguarda la giuria della gara che, sempre secondo i consiglieri, dovrebbe essere composta da dirigenti nazionali e regionali di associazioni che si occupano di gare equestri. Anche questa proposta è destinata a non essere accolta poiché farebbe lievitare i costi del Palio di almeno diecimila euro, visto che sarebbe necessario sostenere le spese per il soggiorno ed il viaggio degli eventuali giudici. La terza proposta riguarda le certificazioni medica per i cavalieri che partecipano alla gare. I consiglieri vorrebbero che fosse presentato un documento che accertasse l’idoneità dei partecipanti a prendere parte a competizioni sportive. Il costo del certificato, peraltro considerato inutile visto che non la Giostra del saraceno non è una competizione sportiva, è di circa cento euro che dovrebbero essere sborsati dai cavalieri. Anche quest’ultima proposta verrà, con molta probabilità rigettata. L’ultima proposta la facciamo noi. Visto che due commissioni si sono occupate del Palio per tanti mesi, senza in pratica concludere nulla, i consiglieri potrebbero costituire un fondo con il gettone di presenza che hanno preso per le tante sedute da mettere a disposizione della prossima edizione del Palio.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

CAMERA DI COMMERCIO : “ANALISI SUI PREZZI E SUL MERCATO DEL GRANO DURO”

Nel quadro delle attività finalizzate alla fornitura di informazioni alle imprese e all’analisi dei dati dell’economia locale,la Camera di Commercio di Enna pubblica lo studio su“Analisi sui prezzi e sul mercato del grano duro” relativo al primo bimestre 2010, realizzato con la collaborazionetecnico-scientifica di Borsa Merci Telematica Italiana. Dallo studio emerge che il primo bimestre del 2010 si apre per il frumento duro nazionale all’insegna di ulteriori ribassi delle quotazioni all’ingrosso, riflettendo le difficoltà di un mercato contraddistinto da una domanda limitata ed un’offerta ancora eccedentaria. Cali che hanno interessato anche il prezzo del frumento duro (buono mercantile) quotato sulla piazza di Enna.   Le quotazioni del frumento duro fino sulla piazza di Enna nei primi mesi del 2010 si mantengono sostanzialmente stabili sui 157,5 €/t mentre il prezzo del frumento duro buono mercantile registra una diminuzione, attestandosi a febbraio 2010 appena al di sopra dei 140 €/t. Tali valori sono nettamente inferiori a quelli registrati alla fine del primo bimestre del 2009: la differenza di prezzo è infatti di circa 60 €/t per entrambi i prodotti analizzati.   La nuova flessione ha contribuito ad accentuare il divario negativo con la scorsa campagna: a febbraio, come emerso dalla consueta analisi condotta sulla base delle rilevazioni camerali, dice Liborio Gulino Presidente della Camera di Commercio, il prezzo ha registrato una variazione negativa del 30% circa rispetto allo stesso mese del 2009. Ad Enna, in particolare, tale variazione è stata del -25% per il frumento duro fino e del -29% per il frumento duro buono mercantile.   In questo studio bimestrale di analisi sul mercato del frumento duro l’attenzione viene concentrata anche sulle prime informazioni circa le nuove semine, che fanno registrare una contrazione del 4%. Flessione delle superfici è anche l’opinione diffusa tra la maggior parte degli operatori della provincia di Enna.   Nel 2009 la resa del frumento duro nella provincia di Enna si è attestata sui 20 q/haben al di sotto dei livelli ottenuti sia a livello regionale (27,4 q/ha) sia nazionale (29,5 q/ha). Mentre la resa della regione Sicilia si attesta sui livelli del 2008, per la provincia di Enna si registra una diminuzione del 20% rispetto ai valori dell’anno precedente.   Lo studio evidenzia una flessione degli scambi commerciali dovuta anche all’incremento della produzione di frumento duro nei Paesi del Nord Africa (in particolare Algeria e Marocco che hanno rispettivamente triplicato e raddoppiato la produzione rispetto al 2008).   Le aspettative degli operatori della provincia di Enna.   Anche a livello locale nella provincia di Enna permangono sul mercato gli elementi di debolezza che hanno caratterizzato sin qui l’attuale campagna di commercializzazione: ampia offerta e scarsa domanda.   Il mercato locale risulta pertanto ancora pesante ed in linea con le principali piazze nazionali, con una domanda che non sembra abbia necessità di approvvigionarsi ed un’offerta ancora abbondante. Nei primi due mesi del 2010, infatti, le quotazioni all’ingrosso del frumento duro fino sulla piazza di Enna si sono stabilizzate tra i 150 e i 160 €/t.Quotazione che ha continuato a scendere anche nel mese di marzo, portando il Duro Fino tra i143 e i 146 euro a tonnellata.   Nonostante gli attuali bassi prezzi la tendenza per il prosieguo della campagna è di sostanziale stabilità. Non vi sarebbero, infatti, secondo gli operatori, margini di miglioramento delle quotazioni nelle prossime settimane data l’abbondanza di prodotto ancora da smaltire. Gli operatori auspicano tuttavia una possibile ripresa delle quotazioni, in considerazione del fatto che le quantità prodotte nella prossima campagna di commercializzazione dovrebbero attestarsi su livelli inferiori rispetto all’attuale campagna. Per quanto riguarda le superfici coltivate a grano duro, infatti, nella provincia di Enna gli operatori rilevano una contrazione delle semine a causa della insufficiente remuneratività della coltura. Le aspettative degli operatori sembrerebbero dunque confermare la tendenza rilevata dall’International Grains Council secondo cui si registrerebbe una contrazione della superficie italiana investita a frumento duro del 4% rispetto alla precedente campagna.   Lo studio è pubblicato sul sitowww.cameradicommerciodienna.it  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

Corsi Confcommercio Enna

Corsi REC Confcommercio Enna comunica che presso la sede di via Vulturo, 34 sono aperte le iscrizioni al “Corso abilitante all’attività di commercio nel settore alimentare e di somministrazione di alimenti e bevande (ex R.E.C.). Il corso di formazione “Requisito Professionale per il Commercio – R.E.C.” si pone l’obiettivo di formare i soggetti interessati a gestire attività commerciali del settore alimentare e attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande quali: ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari, bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari; sale da ballo, sale da gioco, etc. Il corso ha una durata di 100 ore e si prefigge l’obiettivo di formare i futuri Operatori commerciali che acquisiranno così il titolo professionale necessario a poter svolgere l’attività.    


Pacchetto Sicurezza sul lavoro   Il D.Lgs.81/08, riprendendo quanto già disposto dal D.Lgs.626/94, ha ribadito l’obbligo per il datore di lavoro di fornire ai propri lavoratori tutte le informazioni utili a comprendere i principi ispiratori delle leggi che riguardano la sicurezza sul lavoro e la loro applicazione pratica, nonché una formazione specifica per poter affrontare in sicurezza tutte le situazioni di rischio che potrebbero verificarsi durante il lavoro. Per escludere o ridurre le responsabilità civili e penali del datore di lavoro, è fondamentale che questi possa poter comprovare l’avvenuta formazione ed informazione dei lavoratori soprattutto in caso di incidenti o contestazioni da parte degli organi di controllo, per poter dimostrare eventuali responsabilità dei lavoratori che incorrano in incidenti per loro incuria o negligenza, non avendo adottato correttamente le norme di sicurezza previste dalla legge. E’ pertanto obbligatorio osservare scrupolosamente quanto previsto dal D.lgs 81/08 e partecipare ai corsi obbligatori in materia di sicurezza del lavoro. Per consentire alle aziende che operano nel territorio provinciale di mettersi in regola con le norme vigenti, la Confcommercio organizza i seguenti corsi formativi:
Corso RSPP: Corso per datore di lavoro che intende assumere il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, in ottemperanza a quanto previsto dall’attuale normativa.
Le capacità ed i requisiti professionali dei responsabili e degli addetti ai servizi di prevenzione e protezione interni o esterni devono essere adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. È obbligatorio il possesso di un attestato di frequenza, con verifica finale dell’apprendimento, a specifici corsi di formazione in materia di prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e psico-sociale, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali. Il corso ha una durata di 16 ore.
Corso RLS: «Corso per il lavoratore Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza».
Introdotta come figura obbligatoria dal D.lgs 81/08, è fatto obbligo al datore di lavoro di formare ed informare tale figura. Una volta designato dall’assemblea dei lavoratori, il rappresentante per la sicurezza deve frequentare un corso formativo della durata di 32 ore durante l’orario di lavoro.

Corso Primo Soccorso: «Corso per addetti al servizio aziendale di pronto soccorso e gestione delle emergenze». L’art. 15 D.lgs 626/94 obbliga le imprese e gli enti a designare gli addetti al pronto soccorso, a formare gli addetti incaricati e ad attivare i servizi di pronto soccorso. In caso di mancato adeguamento, la legge prevede sanzioni amministrative (da € 516,00 a € 4.131,00) e sanzioni penali che arrivano alla reclusione fino a sei mesi. I partecipanti al corso saranno formati allo scopo di acquisire conoscenze necessarie per saper allertare il sistema di soccorso, di riconoscere un’emergenza sanitaria, di attuare gli interventi di primo soccorso, di conoscere i rischi specifici dell’attività svolta e di acquisire capacità di intervento pratico. Al termine dei corsi ai partecipanti è rilasciato un attestato con valore legale come “Addetti al pronto soccorso aziendale” che ha validità per tre anni. Il corso ha una durata di 12 o 16 ore.
Corso Antincendio : «Corso per gli addetti designati al servizio antincendio in aziende classificate a basso rischio e medio rischio». Il decreto 81/2008 stabilisce che il datore di lavoro deve valutare i rischi presenti in azienda e nominare i lavoratori addetti alla prevenzione incendi e lotta antincendio, sottoponendoli alla formazione. Il numero di questi addetti e la loro formazione deve essere rapportata alle caratteristiche specifiche della azienda ed al suo livello di rischio di incendio. Il corso organizzato si rivolge alle aziende a rischio incendio basso e medio. Il corso ha la durata di 8 ore (5 ore di teoria e 3 ore di pratica). La normativa prevede che il datore di lavoro possa svolgere in prima persona le funzioni di addetto antincendio, sottoponendosi alla formazione sopra descritta.


 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ENERGIA: BUFARDECI, “SBAGLIATO FERMARE RIGASSIFICATORE PRIOLO”

“La realizzazione del rigassificatore di Priolo Melilli e’ un’occasione da non sciupare, probabilmente e’ l’ultima spiaggia per non smantellare l’area industriale”. Lo dice l’assessore regionale alle Risorse agricole, Titti Bufardeci. Per il politico di Siracusa – che interviene nel dibattito, all’indomaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani della decisione di nominare una Commissione parlamentare di indagine sui rischi ambientali degli impianti industriali e del rigassificatore di Priolo-Melilli-Augusta – “sarebbe opportuno licenziare il via libera al progetto con una conferenza di servizi dai tempi brevi”. “Di sicuro – spiega Bufardeci ricostruendo l’iter temporale del rigassificatore – non stiamo dando un buon esempio. Da cinque anni si va avanti rinviando le scelte di conferenza in conferenza. Eppure i dati sono chiari e disponibili per tutti: stiamo parlando di un impianto equivalente a quelli realizzati da oltre dieci anni in tutto il mondo, impianti e tecnologie che si sono sempre dimostrati sicuri”. “Oltretutto – ricorda l’esponente politico – sul progetto di Priolo Melilli c’e’ anche il parere positivo del comando dei Vigili del Fuoco”. La realizzazione dell’impianto, ricorda Bufardeci, comporterebbe una serie di interventi a favore dell’ambiente. “Dire no tout court al rigassificatore – spiega – equivarrebbe a una condanna a morte per l’area industriale di Priolo gia’ segnata da una forte crisi economica. Questo non significa chiudere gli occhi di fronte al rischio di inquinamento ambientale. Ma e’ paradossale dire no a un modello di sviluppo che puo’ rappresentare una svolta anche sul piano della tutela e della riqualificazione ambientale”. Sono in discussione le linee fondamentali della politica energetica per la Sicilia: “si deve decidere una volta per tutte – commenta l’assessore – come indirizzare i nostri sforzi e capire se vogliamo essere la regione capofila per la rigassificazione e garantire al nostro territorio il fabbisogno energetico necessario al mantenimento dei livelli produttivi, anche costruendo le premesse per nuove chances che coniughino sviluppo e tutela ambientale”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

RIFIUTI: SULLA NUOVA LEGGE CONFRONTO CON I SINDACATI

I punti salienti della nuova legge sui rifiuti, che da’ un nuovo assetto all’intero sistema in Sicilia, saranno discussi in tavoli negoziali con i sindacati. E’ l’impegno assunto dall’assessore regionale Pier Carmelo Russo nel corso di un incontro con una delegazione della Funzione pubblica della Cgil guidata dal segretario generale Michele Palazzotto. L’incontro era stato chiesto per chiarire soprattutto alcune questioni riguardanti le posizioni del personale. Le preoccupazioni dei sindacati sono state fugate attraverso un esame dei meccanismi che saranno attivati dal nuovo sistema. “Va ripristinata nel rapporto con il personale la legalita’ che non vuol dire disoccupazione ma esattamente il suo contrario”, ha detto l’assessore. “L’introduzione della differenziata anzi stimolera’ nuove occasioni di lavoro perche’ sara’ necessario allargare il numero degli addetti”. La delegazione della Cgil ha quindi espresso compiacimento per le assicurazioni date sull’applicazione delle nuove norme. Il provvedimento votato dall’Assemblea regionale non e’ stato impugnato dal commissario dello Stato a dimostrazione, ha sottolineato l’assessore, del fatto che e’ stata approvata una buona legge. Dopo la pubblicazione del testo sulla Gazzetta ufficiale della Regione l’assessore promuovera’ il confronto con tutti i sindacati.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

SICILIA IN PRIMA FILA AL VINITALY DI VERONA

 L’assessore regionale alle Risorse agricole, Titti Bufardeci ha inaugurato questa mattina insieme al presidente dell’Irvv (Istituto regionale della vite e del vino) Dino Agueci, lo stand siciliano dove, per la prima volta, l’area espositiva dedicata alle 260 aziende vitivinicole presenti, e’ stata pensata come un viaggio tra i territori della Sicilia, sovrapponendo le vocazioni produttive di ogni singola zona con i patrimoni archeologici e naturalistici. “E’ la sintesi perfetta – spiega Bufardeci – delle eccellenze siciliane, tra le quali il vino spicca come ambasciatore della nostra voglia di cambiare e puntare al successo. La sinergia tra agroalimentare, cultura e turismo e’ il modello di sviluppo piu’ consono per il rilancio socio economico della Sicilia”. Lo stand della Sicilia e’ curato dall’Istituto regionale della Vite e del vino. Il primo appuntamento tecnico per le aziende siciliane e’ stato il workshop ‘Taste and buy’, pensato per mettere a confronto i buyer nazionali e mondiali del settore con le aziende siciliane. Al “Taste and buy” hanno partecipato 30 responsabili dei gruppi di acquisto e 90 delle aziende siciliane presente al Vinitaly.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LA REGIONE SICILIANA SULLA QUESTIONE FIAT

“La Regione Siciliana non ha mai dato segnali di “indisponibilita'” a discutere, in ogni sede e in ogni momento, i problemi della Fiat. Men che meno in questo momento in cui attendiamo di conoscere le proposte sul tappeto.” Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Siciliana, on. Raffaele Lombardo, alla notizia di un possibile rinvio dell’incontro ministeriale previsto per martedi’ 13 per discutere delle prospettive dello stabilimento di Termini Imerese. “Alle riunioni il governo regionale – ha aggiunto Lombardo – ha sempre assicurato la sua presenza attraverso l’assessore alle Attivita’ produttive, Marco Venturi, che martedi’ ha in agenda una missione romana. Se e’ maturata l’idea di un rinvio, non e’ certamente da attribuire alla regione siciliana”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

NIGRELLI : NON SONO SOLO I COMUNI LOMBARDI STROZZATI DAL PATTO DI STABILITA’

«Non sono solo i comuni lombardi a essere strozzati dal patto di stabilità». Questa l’affermazione del sindaco di Piazza Armerina Fausto Carmelo Nigrelli a commento delle notizie di stamattina sulla protesta organizzata dall’ANCI Lombardia e che è cultimata con la eclatante riconsegna della fascia tricolore da parte di centinaia di sindaci di tutti gli schieramenti politici. «Da anni – continua – i comuni sono vessati dal rispetto del patto di stabilità, ma, cosa ancora più grave, i comuni che lo rispettano non hanno premialità e quelli che lo violano spesso non vengono penalizzati. Così, come sempre, chi rispetta le regole è fregato.»   Il Patto è lo strumento che lo Stato ha per con­trollare i conti delle Pubbliche Amministrazioni e quindi per evitare che il deficit di bilancio del Paese superi i limiti imposti dall’Unione Europea.   «La questione – spiega Nigrelli – è che la eventuale infrazione del patto prevede il taglio del 5% dei trasferimenti da parte dello Stato, il blocco di assunzioni di ogni tipo, l’impossibilità di accedere a mutui e prestiti e di superare il mini­mo di spesa previsto per l’anno di infrazione. Per questo il nostro comune ha sempre evitato di sforarlo e ci è sempre riuscito. Osservo però che mentre noi ci sacrificavamo, altri comuni lo sforavano tranquillamente e spesso non hanno subito le sanzioni previste grazie alle sanatorie di fine anno»   «Oggi per rispettare il patto si pagano dei costi elevati: per esempio se si accende un mutuo per realizzare un’opera pubblica esso viene restituito in tempi lunghi, per esempio venti anni. Nel calcolo dell’indebitamento, però, si calcola quanto viene pagato all’impresa nell’arco della durata dei lavori, quindi i pagamenti incidono fortemente sul rispetto del patto. In questo modo viene reso quasi impossibile accendere mutui in un momento in cui invece le città virtuose come Piazza Armerina hanno una buona capacità di indebitamento che consentirebbe di fare importanti investimenti che darebbero lavoro e concorrerebbero ad avviare processi di sviluppo duraturo.»   «Altri fattori che incidono negativamente ai fini del rispetto del patto di stabilità sono l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione anche per il finanziamento di opere pubbliche e i pagamenti, oltre determinati limiti, alle imprese a fronte di lavori pubblici eseguiti. Ciò ha costretto il Comune di Piazza, nell’anno 2009, a posticipare i pagamenti pur avendo i soldi in cassa, con gravi conseguenze sia per le imprese che per l’economia dell’intero contesto territoriale.»   Piazza, come tutte le città virtuose, non può aspettare. Se non ci sarà un cambiamento da parte del Governo credo che, nell’interesse della città potremo anche decidere di violare il Patto, conclude Nigrelli.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

UNA NUOVA STRADA PER COLLEGARE IL MONTE ALLA ZONA NORD DI PIAZZA ARMERINA

Prende corpo la realizzazione di una strada che colleghi il quartiere Monte con il quartiere Castellina attraverso un’arteria che da via Misericordia lungo le pendici del colle Mira, precisamente Costa san Francesco, porti in piazza San Giorgio.
E’ quanto appreso dell’Assessore ai Lavori Pubblici ing. Gaetano Guccio e dal responsabile della Protezione civile comunale ing. Walter Procaccianti, nell’ultimo incontro tra il Comitato di quartiere e l’Amministrazione comunale. L’Amministrazione comunale, attraverso il responsabile del servizio ing. Procaccianti ci ha ufficialmente comunicato di avere trasmesso al Dipartimento di Protezione Civile Regionale di Palermo, in attuazione del POR 2007/2013 la scheda di intervento, volta a realizzare una Via di Fuga; dunque, la tanta agognata strada che da decenni come quartiere chiediamo che si realizzi, potrebbe trovare finalmente il suo favore. Infatti la posizione collinare ove è ubicato il nostro quartiere Monte, le vie di accesso e/o di sbocco tutte convergenti nel centro cittadino, non consentirebbero nel caso si verificasse un evento calamitoso, un’immediata e agevole evacuazione dei suoi abitanti. Pertanto, in considerazione della posizione geografica del quartiere Monte arrampicato sulle pendici del colle Mira, su cui insistono il 70 % dei monumenti storici cittadini; sulle vie di accesso e/o di sbocco che normalmente percorse producono il caotico traffico veicolare del centro storico cittadino; la realizzazione di questa nuova strada, indicata come Via di Fuga, sarebbe un toccasana per il Quartiere.Gli effetti salutari di detta arteria non solo sarebbero proficui per lo snellimento del caotico traffico dell’intero centro storico, ma riteniamo aprirebbero nuovi orizzonti per la vivibilità dell’intero quartiere Monte e del centro storico tutto. Speriamo che sia la volta buona, anche perché il Comitato di quartiere alle Amministrazioni che si sono succedute nell’ultimo ventennio, ha sempre esposto detto problema, come prioritario per il bene del quartiere e del centro storico.
L’augurio è che l’impegno dell’Amministrazione Comunale possa far trovare la giusta connotazione tecnica e sociale per l’ottenimento del finanziamento.


Filippo Rausa

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

REGALBUTO LE FINALI PER IL QUINTO ED OTTAVO POSTO DEL CAMPIONATO DI SERIE C MASCHILE

Si disputeranno domenica 11 aprile presso il palazzetto dello sport Giovanni Paolo II di contrada Piano Arena di Regalbuto le finali dal quinto all’ottavo posto del campionato regionale di serie C di pallamano maschile organizzato dal Comitato regionale Sicilia della Federazione italiana Gioco Handball presieduto da Francesco Paolo Pagaria. Saranno impegnate le società di casa dell’S.S. Regalbuto, A.S. Dilettantistica Valens Palermo, A.S. D. Reusia Ragusa e Pallamano Acireale. Il programma degli incontri prevede alle ore 10 l’incontro tra l’S.S. Regalbuto e l’Asd. Reusia mentre alle ore 12 A.S. Dilettantistica Valens e Acireale. Nel pomeriggio alle ore 17 la gara tra le due perdenti per il settimo ed ottavo posto mentre alle ore 19 quella tra le vincenti per il quinto ed il sesto. La squadra promossa in serie B invece si deciderà nella Final Four che si disputerà tra il 17 ed il 18 aprile a Caltanissetta al palazzetto dello sport Palacarelli di via Rochester e che vedrà impegnate le società della Pgs Villaurea Palermo, Polisportiva Genius Barcellona Pozzo di Gotto, ACRSD Carnevale d’Orlando Capo d’Orlando e Pallamano Amaranto Reggio Calabria. Il programma delle gare prevede sabato 17 alle ore 16 l’incontro tra Villaurea Palermo e Carnevale d’Orlando mentre alle ore 18 quello tra Pallamano Amaranto e Polisportiva Genius. Domenica 18 aprile alle ore 16 la finale per il terzo e quarto posto tra le perdenti mentre alle ore 18 quella tra le vincenti per il primo e secondo posto e che decreterà la formazione promossa nel campionato di serie B nazionale. Per qualsiasi altra informazione inerente l’attività del Comitato regionale Sicilia della Figh ci si può collegare al sito internet www.fighsicilia.it/sicilia

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

LA PALLAMANO HAENNA SUL CAMPO DELLA CAPOLISTA SEMAT FONDI

Una trasferta sulla carta proibitiva quella che attende la Pallamano Haenna sabato 10 aprile alla ripresa dei play off promozione del girone C del campionato di serie A-2 di pallamano maschile. I giovani ennesi infatti saranno di scena sul campo dei laziali della Semat Fondi che con 22 punti guidano la graduatoria del girone. La Pallamano Haenna invece con 14 punti occupa la terza posizione a sole 3 lunghezze dalla seconda piazza occupata dalla So. Edil. Alcamo. Quindi per il “sette” del tecnico ennese Mario Gulino sulla carta una trasferta con il pronostico chiuso anche perché nella gara di andata al palazzetto dello sport di Enna bassa, il Fondi ha dimostrato di valere ampiamente la prima posizione in classifica. Ma questo però non significa che la Pallamano Haenna si recherà in terra laziale già rassegnata in partenza a perdere sia perché non avendo nulla da rischiare i giovanissimi atleti ennesi potranno affrontare l’impegno senza grossi problemi psicologici ma anche perché la Pallamano Haenna ha tutto l’interesse di chiudere la stagione nella migliore posizione di classifica possibile. Infatti secondo le previsioni di ristrutturazione dei tornei che la Federazione Italiana Gioco Handball ha previsto per la stagione 2010/2011 per la Pallamano Haenna ci sono concrete possibilità di essere ripescata in serie A-1. E per stilare la graduatoria delle formazioni che saranno ammesse al campionato superiore farà fede anche la posizione finale in classifica nell’ultima stagione. Quindi per il team ennese ci sarà da dare il massimo in questo restante scorcio di campionato. La formazione ennese partirà alla volta di Fondi in aereo via Roma, nella stessa mattinata di sabato per poi raggiungere Fondi dove poi nel pomeriggio disputerà il match. Gulino anche stavolta avrà la possibilità di poter schierare quasi tutti i suoi effettivi. Unica incognita quella del portiere Paolo Biondo che soffre ancora ad un problema alla schiena. “Vogliamo onorare la nostra partecipazione ai play off promozione sino all’ultimo secondo dell’ultima partita – dice il direttore generale della Pallamano Haenna Luigi Savoca – e cercare di chiudere nella migliore posizione di classifica possibile. Se poi arriverà anche il ripescaggio nella serie superiore che ben venga. La società non naviga certo nell’oro da un punto di vista finanziario. Ma intanto noi ci tenteremo. Vedremo poi se questa nostra bella realtà sportiva sta ancora a cuore a qualcuno”. Nella fase regionale del campionato nazionale Juniores la Pallamano Haenna, del tecnico Luca Giummulè, seconda in classifica alle spalle dell’Albatro Siracusa nella mattinata di domenica 11 aprile si reca in trasferta contro l’Imex Marsala con l’obbiettivo di vincere e consolidare la seconda posizione.  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

AGRITURISMO: AL VIA BANDO PSR DA 15 MILIONI DI EURO

PALERMO,- Sara’ pubblicato domani, sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana, il bando per la misura 311/A (Agriturismo), del Piano di sviluppo rurale per la Sicilia 2007/2013. Il bando ha una dotazione finanziaria di 15 milioni di euro. La misura ha gli obiettivi di consolidare l’occupazione nelle aree rurali e di creare nuovi posti di lavoro, attraverso forme di diversificazione delle attivita’ aziendali, sostenendo lo sviluppo di attivita’ non agricole e agricole connesse, ad integrazione del reddito dell’imprenditore del settore. Le domande di aiuto potranno essere presentate, attraverso il sistema informatico Sian, dal 12 aprile al 7 giugno di quest’anno.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

SPOSTAMENTO MERCATO: OPERAZIONE RIUSCITA

Lo spostamento del mercato settimanale del giovedì al piano Sant’Ippolito ha prodotto una serie di effetti positivi , in particolar modo sul traffico veicolare che in tutta la mattina non ha subito grossi intoppi. Le uniche code si sono verificate nella parte alta di via Libertà ma non hanno creato eccessivi problemi agli automobilisti. Dal punto di vista commerciale la sistemazione degli ambulanti permette di visionare la merce esposta con tranquillità: lo spazio tra le bancarelle è superiore rispetto a quello che offriva piazza Falcone Borsellino. Da mettere in rilievo l’opera svolta dalla polizia municipale guidata dal comandante Piero Viola, che ha saputo gestire una situazione complicata e difficile. L’assessore alle attività produttive, Teodoro Ribilotta, che si è battuto sin dal suo insediamento per lo spostamento del mercato, si ritiene soddisfatto dell’odierna giornata anche se occorre mettere a punto ancora qualche particolare.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

TRASPARENZA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE : COMMISSIONE ARS APPROVA DDL ALL’UNANIMITA

All’interno del provvedimento sono state inserite anche alcune delle norme piu’ significative, in materia di personale e trasparenza, finalizzate ad affermare e incrementare l’impermeabilita’ dell’azione amministrativa regionale rispetto a qualsiasi forma di infiltrazione e collusione mafiosa. Il corpo di norme e’ stato tratto dal “Codice antimafia e anticorruzione della pubblicazione amministrazione”, varato dalla Commissione istituita dall’allora assessore regionale alla Presidenza, Giovanni Ilarda, e presieduta dall’ex procuratore nazionale antimafia, Pier Luigi Vigna, e approvato dalla giunta regionale lo scorso 4 dicembre. In particolare, Regione, Province e Comuni, dovranno privilegiare, nell’ambito dei propri programmi formativi, lo svolgimento di corsi rivolti al personale che opera nei settori degli appalti, dell’urbanistica e dell’edilizia. Il dipendente dovra’ segnalare, inoltre, con immediatezza, ogni fatto o comportamento anomalo riconducibile a possibili interferenze criminali nell’attivita’ della pubblica amministrazione. Inserito, inoltre, il divieto per il dipendente di richiedere e accettare regali, tranne se di modico valore e per particolari ricorrenze. In caso contrario, l’offerta di qualsiasi donativo dovra’ essere segnalata al dirigente. Prevista l’attivazione di un numero verde telefonico per la segnalazione di episodi di infiltrazioni criminali negli uffici regionali. I dipendenti avranno inoltre l’obbligo di compilare un questionario indicando sia i rapporti di collaborazione, in qualunque forma retribuiti, svolti negli ultimi 5 anni, sia l’eventuale adesione ad associazioni od organizzazioni, anche di carattere non riservato (tranne partiti politici e sindacati). Il questionario andra’ aggiornato con cadenza biennale I dipendenti dovranno comunicare, all’organo burocratico di vertice, l’avvio e la conclusione di eventuali procedimenti penali a loro carico per i reati di stampo mafioso, concussione, corruzione, scambio elettorale politico-mafioso, rapina, estorsione, usura, ricettazione, riciclaggio, truffa aggravata ai danni dello Stato, turbata liberta’ degli incanti e frode nelle pubbliche forniture.


Prevista, inoltre, la rotazione periodica del personale che svolge mansioni nei settori piu’ esposti al rischio di infiltrazioni di tipo mafioso e in particolare degli appalti, dell’urbanistica, dell’edilizia, dei trasporti e delle risorse umane. I dirigenti, nell’assegnazione del carico di lavoro inerente i procedimenti amministrativi, dovranno seguire predeterminati criteri di distribuzione ancorati a parametri oggettivi, resi pubblici con mezzi adeguati. Previsto il rigoroso rispetto dell’ordine cronologico nella trattazione di una pratica. Le amministrazioni dovranno, inoltre, rilevare e conservare, per 12 mesi, i dati di coloro che accedono ai pubblici uffici. Per quanto riguarda la trasparenza, previsto l’obbligo, per l’amministrazione regionale e gli enti locali, di pubblicazione, sui propri siti internet, dei bilanci, della spesa per il personale, della ripartizione del fondi in materia di retribuzione accessoria. Ma anche di rendere pubblici, con collegamenti ipertestuali adeguati e con l’accessibilita’ diretta dalla home page, i moduli e i formulari necessari per la presentazione di istanze varie. Per la prima volta, la Regione siciliana, con l’obiettivo di assicurare, all’interno e all’esterno dell’amministrazione, un’immagine coordinata, univoca e trasparente della sua organizzazione, si dotera’ di un manuale con le norme e i criteri fondamentali per il rispetto, il corretto e uniforme utilizzo del proprio logo

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

IL SINDACO DI ENNA RINO AGNELLO: MI RICANDIDO

Comunicato stampa del sindaco di Enna, Rino Agnello


“Ritengo opportune e necessarie alcune precisazioni al fine di chiarire, almeno in parte, il clima politico confuso e polemico di questi giorni. E’ provato, avendolo dichiarato lealmentein una pubblica assemblea, che avrei fatto un passo indietro, non riproponendo la mia candidatura a sindaco, laddove si fossero create le condizioni di unità per una candidatura alternativa. Avrei, quindi, accettato, per non spaccare il partito, anche se con qualche perplessità, che si cumulassero in una sola persona la carica di sindaco e di parlamentare. Ciò, non certo per mia colpa, non è avvenuto. Reputo, pertanto un mio dovere ripropormi al giudizio dell’opinione pubblica anche perchè non intendo essere la vittima sacrificale sull’altare di una finta unità. Questa città, sempre legata ai valori della democrazia, può crescere solo attraverso il dialogo e la partecipazione di tutti. La mia candidatura nasce dentro il PD, di cui sono tra i fondator,i ed è sostenuta dagli amici di area democratica ( Franceschini, Veltroni e Fassino) daautorevoli amici di Bersani e da numerosi cittadini svincolati da logiche di partito. Dentro il partito democratico, aldilà di invenzioni messe maliziosamente in giro, siamo e resteremo. Il precipitare della situazione politica in città, non mi hanno consentito di comunicare adeguatamente e più ampiamente questa mia decisione, cosa che farò sia all’interno del PD ed anche alle altre forze politiche cui chiederò, in termini paritari, alleanze ed intese programmatiche a favore della città. Come sindaco in carica ho sempre dichiarato di non dovere partecipare a primarie, soprattutto quando sono già preconfezionate. Io e quanti mi sostengono ci ritroviamo in quel partito democratico che ha visto, nelle ultime elezioni europee, largamente primi degli eletti Crocetta e Borsellino, da noi sostenuti. Le due giunte comunali che io ho guidato sono sempre state oggetto di un tiro al bersaglio, non tenendo conto del dissesto finanziario che ho trovato e che tuttavia ho superato con moltissime realizzazioni. A giorni, concordato all’interno e all’esterno con le forze politiche disponibili, presenterò un programma realistico per continuare il lavoro già iniziato, e che sta dando i suoi primi frutti, di sviluppo e rilancio della città finito il periodo di dissesto. Fino all’ultimo momento, comunque, cercherò la strada dell’unità, ma questo si consegue senza dettare condizioni e nella chiarezza e nel rispetto reciproco. Diversamente, con mio rammarico, io che sono una persona di indole moderata ma non certo debole, rivolgo, con umiltà, sin da adesso un appello a tutti i cittadini e soprattutto ai giovani ad affrontare una sfida elettorale senza demonizzare alcun avversario, per difendere le ragioni di una presenza democratica nella nostra città.”

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PIAZZA ARMERINA – DA GIOVEDI’ IL MERCATO SETTIMANALE AL PIANO SANT’IPPOLITO

Il mercato del Giovedì lascia la piazza Falcone Borsellino per spostarsi a ridosso del campo sportivo. L’assessore Teodoro Ribilotta ed il comandante delle guardie municipali, Piero Viola questa mattina hanno  compiuto l’ultimo sopralluogo per gli ultimi controlli  relativi al posizionamento delle bancarelle.


Nel frattempo domani tornano a pagamento i posteggi sulle strisce blu della zona nord della città che, per la presenza del mercato in piazza Falcone-Borsellino, giovedì mattina erano gratuiti. L’amministrazione non ha previsto alcuna sospensione di pagamento per quelli situati nella zona adiacente al campo sportivo, per cui gli automobilisti dovranno pagare il ticket relativo alla sosta se parcheggeranno in viale Libertà.


Lo spostamento del mercato dovrebbe liberare il traffico al centro della città. Consigliamo, a chi deve spostarsi daL nord aL sud di Piazza Armerina, di utilizzare percorsi alternativi come la via Padova o la tangenziale ovest.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

INTIMIDAZIONE A FUNZIONARIO REGIONE: SOLIDARIETA’ DI BUFARDECI

PALERMO,- “Esprimo il mio sostegno personale e la totale solidarieta’ a Salvatore Gufo, vittima di una gravissima intimidazione”. Lo dice l’assessore regionale alle risorse agricole Titti Bufardeci, che con una nota si dichiara vicino al funzionario regionale dell’ispettorato agricolo di Trapani. Nella notte di Pasqua, secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, alcuni sconosciuti sono entrati nell’appartamento del funzionario regionale e l’hanno incendiato. Nessun dubbio sull’origine dolosa dell’effrazione. “E’ un episodio gravissimo – sottolinea Bufardeci – ma sono certo che magistratura e investigatori compiranno tutti gli accertamenti necessari per assicurare alla giustizia di autori di questo gravissimo atto intimidatorio”. Solidarieta’ al funzionario regionale e’ stata espressa anche dal dirigente generale dell’assessorato, Rosaria Barresi

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

DRAMMA DI UNA MADRE A PIAZZA ARMERINA: VOGLIONO PORTARLE VIA I PROPRI FIGLI

Ieri a Piazza Armerina è stata denunciata la madre di due bimbi che ha minacciato l’’assistente sociale incaricata di esprimere un giudizio sull’ adottabilità dei due minori. La vicenda mette in luce tutta la drammaticità di una situazione famigliare che, con molte probabilità, ha indotto l’assistente sociale a prendere i considerazione la possibilità di far adottare i figli della donna che l’ha minacciata di morte. Ci chiediamo se il dramma di una madre a cui vengono sottratti i propri figli potrebbe essere evitato da una politica sociale più attenta ai bisogni della famiglia piuttosto che solo a quelli dei minori che comunque , alla fine, subiscono sempre un trauma qualunque sia l’epilogo di quese vicende. Perché questa donna non è stata aiutata? Qual’è la natura dei problemi sociali che hanno costretto l’assistente a prendere i considerazione lo smembramento di questo nucleo famigliare? Le soluzioni proposte dalle attuali leggi in queste casi sono, a volte, troppo drastiche e piene di contraddizioni. Supponendo che venisse decisa l’adottabilità dei due fratellini, quando potrebbero ritrovare la serenità all’interno di un’altra famiglia viste la lentezza burocratica con la quale si procede alle adozioni? I due bimbi, che oggi vivono in una comunità, queste domande non possono farsele e forse non sentiremo più parlare di loro, ma resta il fatto che questo dramma, venuto alla luce per un gesto disperato di una madre, non sia poi così isolato in un momento come questo dove la povertà ha conquistato nuove fasce sociali.      

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

I° SIMPOSIO INERNAZIONALE DI SCULTURA IN PIETRA: AL VIA DOMANI, 7 APRILE ALLA TORRE DI FEDERICO.

Al via la manifestazione artistica del I° Simposio Internazionale di Scultura in pietra organizzata dall’Associazione EventiArte in collaborazione con il Comune di Enna.
L’evento avrà inizio domani,mercoledì 7 aprile alle ore 18, nella sala della Torre di Federico, con la presentazione dei dieci scultori provenienti da tutto il mondo selezionati nelle scorse settimane. La giuria composta, per una parte, da uomini di cultura e artisti,presieduta dall’assessore al Turismo del Comune di Enna Tonino Palma,e dall’altra parte da una giuria popolare formata da studenti e cittadini, ha visionato oltre cento bozzetti scegliendone dieci . Gli artisti dovranno realizzare in dieci giorni, nel centro della città, presso il Belvedere Marconi, dieci sculture sul tema Federico II “Stupor mundi”. Alla presentazione della manifestazione, alla Torre di Federico,alla quale saranno presenti anche gli artisti, è prevista la presenza delle autorità cittadine e provinciali del capoluogo ennese che contribuiranno a dar risalto ad un evento che per la prima volta sarà realizzato ad Enna e che servirà a mettere in rilievo la cultura storica e artistica del territorio. Gli Scultori cominceranno a lavorare per la realizzazione delle opere giovedì, 8 aprile alle ore 9. Per dieci giorni tutta la città potrà ammirare, lungo il Belvedere Marconi, come dalla nuda materia prendono forma opere di grande pregio che alla fine della manifestazione saranno donate al Comune e saranno collocate attorno alla Torre di Federico. . < Da tempo ormai Enna ha conquistato un posto nel panorama culturale ed artistico siciliano e non solo – dice il sindaco Rino Agnello – Il capoluogo, terra del mito ma anche di poeti e letterati ospita ora artisti da tutto il mondo che partecipano al I° Simposio internazionale di scultura in pietra a testimonianza del lavorio culturale che è rifiorito nella nostra città>.Con i voti della giuria tecnica,composta dall’ Assessore Tonino Palma, presidente, dalla pittrice, Daniela Nobile, segretaria, dall’architetto Maurizio Campo, coordinatore, dallo Scultore Mario Termini, direttore artistico, da Paolo Russo, Storico dell’Arte,dalla pittrice Marcella Tuttobene Presidente dell’Unesco di Enna, da Anna Guillotinsegnante all’Accademia di Catania, i voti degli allievi delle quinte classi delle scuole superiori di Ennaed i voti dei cittadini che hanno visionato i bozzetti nei negozi delle cento botteghe di Enna (i putiari della via Roma), al I Simposio partecipano gli italianiRemo Belletti, Francesca Bianconi, Leonrado Cumbo, Cizia Porcheddu, Emanuele Rubini, il greco AntonisMyrodias, l’australiano Franco Daga, l’egiziano AhmedKaraly e gli spagnoliOscar AguirreComendadore PedroJordàn. Tutti gli scultori hanno partecipato a simposi in Italia e all’estero lavorando la pietra , la sabbia, il legno, il marmo e il ghiaccio. La manifestazione si concluderà il 17 aprile 201 con la premiazione .

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

VENDITA ALLOGGI COMUNALI LETTERA DELL’ASSESSORE SPAMPINATO AL DIRIGENTE DEI LAVORI PUBBLICI DEL COMU

L’assessore all’Urbanistica, Angelo Spampinato, ha scritto al dirigente comunali ai Lavori Pubblici e Urbanistica, Salvatore Roberti a proposito della vendita degli alloggi comunali. Mesi fa Spampinato aveva avviato le trattative per una ipotesi di convenzione con lo Iacp, Istituto Autonomo Case Popolari, che si sarebbe dovuto occupare della procedura di vendita di circa 140 alloggi di proprietà comunale. Spampinato aveva, alla fine dello scorso anno, convocato un tavolo di concertazione cui aveva partecipato anche il sindacato degli inquilini per accelerare le vendite anche alla luce dei lavori urgenti occorrenti negli appartamenti e per garantire il diritto degli assegnatari che da anni abitano quelle case. A fronte di ciò, si è però registrata la contrarietà, alla convenzione con lo Iacp, da parte dell’Ufficio tecnico comunale che di fatto ha dichiarato la sua disponibilità e capacità ad occuparsi personalmente delle procedure di vendita.“La convenzione con lo Iacp avrebbe permesso di accelerare i tempi – dice Spampinato – Da dieci anni gli inquilini attendono che venga sciolto questo nodo. Ecco perche ho scritto all’ufficio tecnico comunale, chiedendo di avere, per tutti gli immobili, una puntuale ipotesi dei tempi occorrenti per la definizione delle procedure, dagli espropri alle catastazioni, indispensabili per la vendita degli alloggi. Il prospetto va redatto per tutti gli immobili e immobile per immobile con accanto la presumibile data di vendita. Il tutto, ovviamente, in linea con l’accordo già siglato con i Sindacati degli inquilini”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

PIAZZA ARMERINA. SI LAVORA AL VERDE PUBBLICO

Da Lunedì a Giovedì gli operai a disposizione dell’ Assessorato al verde pubblico sono stati impegnati nella diserbatura, al villaggio Kennedy di via Vittorio Veneto e traverse attigue, p.zza Sottosanti, via Napoli, Via Sottobastione Carmine, nel quartiere Casalotto, la Via Vittorio Emanuele con la Chiesa di Sant’Anna, la discesa Santo Stefano e la parte alta di via Gen. Cianciosi è quasi completata l’area attorno alla nuova sede del mercato settimanale al campo Sant’Ippolito dove mancano la salita Cappuccini e la via Verga. Gli interventi di potatura degli alberi di via Guccio e Roccella sono quasi al termine; si è inoltre provveduto a liberare i marciapiedi dai rami che erano rimasti nei giorni precedenti evitando così ulteriori disagi in questi giorni di festa. Giovedì è iniziata anche la pulizia della P.zza Boris Giuliano e la diserbatura all’interno della Villa Roma.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

REGIONE:FIRMATO IL BANDO PUBBLICO PER GLI INTERVENTI DI RECUPERO NEI CENTRI STORICI

L’assessore regionale alle Infrastrutture ed alla Mobilita’, Luigi Gentile, ha firmato il bando pubblico per gli interventi di recupero degli edifici situati nei centri storici. Il documento sara’ pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana e sul sito internet dell’ Assessorato regionale Infrastrutture e Mobilita’, all’indirizzo www.regione.sicilia.it. Sul sito saranno disponibili anche i moduli per l’istanza di concessione dei mutui con ammortamento ventennale. Il bando interessa gli immobili con destinazione esclusivamente residenziale ubicati nei centri storici. Il pagamento dei relativi interessi, grazie ad una convenzione con diversi istituti di credito, e’ a totale carico della Regione. Le istanze di ammissione al contributo saranno valutate, secondo l’ordine cronologico di presentazione, da funzionari del Dipartimento delle Infrastrutture e Mobilita’. Sono finanziabili interventi di restauro o risanamento conservativo, di r ipristino funzionale, di manutenzione straordinaria, e di adeguamento alle norme di sicurezza ed antisismiche. In riferimento alle diverse tipologie di intervento sono concedibili contributi da un minimo di 150mila euro ad un massimo di 300 mila euro. “Il Governo regionale – afferma l’assessore Gentile – interviene per valorizzare il patrimonio edilizio dei centri storici e, nel contempo, contribuisce a ridurre il degrado ambientale, rallentando di conseguenza i processi di desertificazione urbana, e favorendo l’economia locale, tra imprenditoria ed artigianato”. “Si tratta – sottolinea Gentile – di un concreto intervento per il recupero strutturale e logistico dei centri storici siciliani, che vivono una vera e propria ’emergenza stabilita’ e sicurezza’. Non e’ inoltre trascurabile – conclude l’assessore – l’ampio indotto occupazionale ed economico dell’iniziativa, destinata ad alimentare il mercato dell’edilizia a favore della riqualificazione urbana del territorio”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

ASSEGNATI I PRIMI CINQUE CAPANNONI NELLA ZONA ARTIGIANA DI AIDONE

Sono stati assegnati i 5 capannoni realizzati dal Comune, nella zona artigiana di contrada Montagna, a circa 4 chilometri dal centro abitato, nel comune di Aidone. Ne da notizia il sindaco del Comune di Aidone Filippo Gangi. Gli opifici di 350 metri quadrati ciascuno, sono stati assegnati ad altrettante imprese artigiane locali che pagheranno al Comune un affitto mensile di 400 euro. Nei prossimi giorni saranno chiusi definitivamente i contratti con la consegna delle chiavi agli imprenditori. Invero una di questa aziende assegnatarie sta già eseguendo i lavori preparatori per dare avvio alla propria attività. Il fatto che le aziende assegnatarie siano tutte locali, lascia sperare anche in un incremento dell’occupazione locale. Le imprese avranno sei mesi di tempo per realizzare l’investimento proposto in sede di manifestazione di interesse che ha costituito uno degli elementi di vaglio per l’assegnazione. Ma i 5 lotti assegnati non rappresentano che solamente un quarto del numero complessivo di quelli previsti in tutta l’area, di diversi ettari, della zona artigiana che saranno assegnati successivamente. Nel frattempo sempre nella zona dedicata ad attività produttive stanno prendendo avvio i lavori di completamento delle opere di urbanizzazione per un importo di oltre 1 milione di euro e si sta predisponendo il bando pubblico per l’affidamento e la gestione del centro servizi presente all’interno dell’area artigiana. “L’avvio delle attività produttive all’interno della zona artigiana non può che essere di buon auspicio per tutta l’economia locale – commenta il sindaco di Aidone Filippo Gangi – le aziende che hanno fatto richiesta di insediarsi in questa area sicuramente avranno in prospettiva di incentivare le loro attività che potrebbe comportare anche all’incremento dei posti di lavoro. Per questa amministrazione lo sviluppo economico del comune di Aidone passa da alcune principali e fondamentali direttrici – continua – come il turismo, il commercio ma anche lo sviluppo delle piccole e medie imprese e quelle artigiane. Tre strade che l’amministrazione comunale sta percorrendo con decisione, con il lavoro svolto in vista del rientro della Venere di Morgantina, con la costituzione del centro commerciale naturale ed adesso con il decollo definitivo della zona artigiana”. Tutti coloro che volessero notizie sul comune di Aidone potranno collegarsi al sito www.comune.aidone.en.it

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati